fbpx
Cultura

L’appuntamento perfetto: cosa fare e non fare a San Valentino

San Valentino sta arrivando ma niente panico. The Fork ha infatti deciso di aiutare tutti gli innamorati raccogliendo una serie di utili suggerimenti.

A cena sì, ma dove?

La maggior parte delle coppie festeggeranno la ricorrenza al ristorante, per altro spendendo in media circa 50 Euro a persona. Ma dove ceneranno tutti questi innamorati? La metà degli intervistati da The Fork ha deciso di puntare su un ristorante mediterraneo e tradizionale, mentre oltre il 30% sperimeterà la cucina gourment e creativa. Attenzione però a cosa ordinate: evitate aglio, cipolla, legumi e piatti tipicamente poco romantici come hamburger e patatine. Non dimenticate poi il beverage: il vino batte tutte le altre alternative, champagne compreso.

Queste ovviamente sono indicazioni generali. Ora però è ora di entrare nello specifico. Quali sono i ristoranti speciali, romantici ed imperdibili con cui potete fare colpo a San Valentino?

A Torino troviamo Spazio7, spesso sede installazioni o esposizione di opere d'arte perché qui il cibo ha sempre un lato artistico. Da Due Mondi invece trovete un menù di San Valentino di 4 portate che include gamberi al curry su vellutata di piselli e tortelli di zucca con gorgonzola dolce e granella di amaretti. Nel capoluogo torinese infine abbiamo anche la Enotavola Casa del Barolo, una storica enoteca che propone piatti del territorio e cucina di mare che fanno il paio con una carta dei vini eccezionale.

A Firenze abbiamo il Winter Garden Restaurant che propone un menù di San Valentino da 5 portate al costo di 110 Euro, ostriche comprese. Costa invece 50 Euro il menù ideato dallo Chalet Fontana, con una cucina che mette al centro le materie prime, mentre L'architettura del cibo, situato all'interno dell'Hotel Astro Mediceo, punta a mantenere intatti i gusti e le consistenze.

Il ristorante La Terrazza di Roma è l'ideale per chi non ha paura di spendere. Il menù di San Valentino qui costa 200 Euro ed include il filetto di rombo chiodato, couscous al dragoncello, insalatina di agrumi ed erbe aromatiche. Se preferite invece risparmiare c'è il Moma, con ricette classiche eseguite con tecniche contemporanee, e l'Osteria Fernanda, che associa ad una location elegante ed accogliente alcuni piatti afrodisiaci.

Infine abbiamo Milano con il ristorante Lume e il cuoco savonese Luigi Taglienti, che propone un menù da sette portate. Da Tre Cristi Milano invece le portate sono 4, tra cui un delizioso controfiletto di rubia gallega cotto al forno con cavolo nero e senape in grani. L'ultimo della lista, nonché il più costoso, è la Terrazza Gallia, caratterizzata da una cucina di timbro mediterraneo e da piatti colorati ed accattivanti.

San Valentino: cosa fare

Diciamo che ce l'avete fatta: dopo giorni di indecisione avete individuato il ristorante perfetto. Cosa fare ora?

Prenotate il ristorante
Vi ho appena detto che il 90% delle coppie che festeggia San Valentino andrà al ristorante, il che significa che i locali saranno pieni. Non improvvisate sperando di trovare posto nel luogo designato. Prenotate un tavolo, magari usando The Fork.

Curate i dettagli
Tenete in considerazione le esigenze del partner come diete particolari ed intolleranze. È bene comunicarle subito al ristorante così eviterete brutte sorprese.

Ordinate il dessert
A San Valentino conta più la dolcezza della linea quindi lasciatevi andare e prendete il dessert.

Vietato usare lo smartphone
Il cellulare lo potete usare per scattare qualche foto ricordo della serata ma nulla di più. E mi raccomando, attenzione alla condivisione dei social. Per molti è una violazione della privacy, non un modo carino per celebrare l'appuntamento.

San Valentino: cosa NON fare

Ora sapete cosa fare, ma per garantire la buona riuscita della serata è bene ricordarsi anche le cose da evitare.

Non litigate sul conto
Siamo nel 2018 e non è detto che debba essere sempre l'uomo a pagare, anzi a volte può essere visto come un'imposizione. Chiarite le cose in anticipo, magari con espressioni come "sei mia/mio ospite". Se poi la vostra dolce metà non è d'accordo può dirvelo subito così evitate spiacevoli incomprensioni al termine della cena.

Non arrivate in ritardo
Il ritardo non è sexy, è snervante. Cercate di essere puntuali, soprattutto se siete stati voi ad avanzare l'invito.

Non fatevi problemi sulle ordinazioni
Cercate di godervi la cena senza rimanere sempre sul chi va là, così sarete più rilassati e spontanei. Ordinate quindi ciò che volete, magari confrontandovi con il partner su cosa sarebbe meglio prendere. È un ottimo espediente per rompere il ghiaccio nel caso vi conosciate da poco.

Non ubriacatevi
Sì, l'alcol scoglie la tensione ma non dovete esagerare. Bevete con moderazione, così scioglierete la tensione senza fare figuracce.

Non concentratevi solo sul cibo
Non passate tutta la cena a parlare di cibo, vini e del ristorante. Puntate su altri argomenti come film o serie TV. Evitate infine di mettervi troppi divieti e ricordatevi di rilassarvi e godervi la serata.

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button