fbpx
NewsTech

Un team di ricercatori ha scoperto il Santo Graal della meccanica quantistica

La scoperta potrebbe portare ad una nuova generazione di dispositivi elettronici

Il mondo della scienza è in costante evoluzione con l’obiettivo di offrire nuove tecnologie in grado di rivoluzionare la nostra vita quotidiana. Un team di ricercatori della Northeastern University, guidato dal fisico Arun Bansil, ha rivelato di aver fatto una scoperta che può essere definita come il “Santo Graal” della meccanica quantistica. Le novità emerse dalla ricerca potrebbero dar vita ad una nuova generazioni di sensori e computer di vario tipo.

Ecco cos’è il Santo Graal della meccanica quantistica

Il Santo Graal individuato dal team della Northeastern Univeristy si basa su di un isolante topologico di assioni, uno stato unico della materia che era stato solo teorizzato in precedenza. Questo particolare stato della materia è stato realizzato creando una struttura cristallina bidimensionale, atomo per atomo, utilizzando tellurio, manganese e bismuto.

Il materiale alla base della scoperta del “Santo Graal” della meccanica quantistica è in grado di condurre elettricità mentre la sua struttura lo isola. Si tratta, quindi, di un sistema in grado di agire sia come conduttore che come isolante. Secondo il team di ricercatori, quindi, l’archiviazione, il trasporto e la manipolazione dei dati magnetici potrà avvenire in modo più veloce. L’intero processo sarà anche più efficiente dal punto di vista energetico.

Una nuova generazione di dispositivi elettronici?

Secondo Arun Bansil: “È come scoprire un nuovo elemento e sappiamo che ci saranno tutti i tipi di applicazioni interessanti per questo.” Questa scoperta potrebbe portare, in futuro, alla nascita di un nuovo tipo di dispositivo elettronico, denominato spintronica e basato sulla manipolazione delle strutture quantistiche.

In futuro, i dispositivi elettronici potrebbero utilizzare l’energia magnetica grazie a questi nuovi materiali, senza aver bisogno di utilizzare batterie basate su reazioni chimiche. Ci vorranno anni di studio ma il futuro dell’elettronica potrebbe essere stato anticipato da questo particolare Santo Graal.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button