fbpx
NewsVideogiochi

Scarlet Nexus, ecco il trailer cinematografico del videogioco Bandai Namco

Scarlet Nexus, atteso gioco di ruolo con forti elementi action, si è mostrato tramite il nuovo trailer. Lo sviluppatore Bandai Namco ha lanciato il video con un incredibile taglio cinematografico e spettacolare. Il video non evidenzia tanto il gioco di per sé, ma ne vuole ricreare l’atmosfera e attirare i giocatori.

Si tratta di un RPG di stampo action prodotto dai giapponesi di Bandai Namco. Sebbene il gioco sia rivolto a uno specifico gruppo di utenti, si tratta comunque di una produzione molto ambiziosa.

Le premesse narrative sulle quali si basa la trama sono fantascientifici. L’umanità ha scoperto un particolare ormone del cervello, in grado di dotare le persone di poteri psionici e di connettersi telepaticamente. Gli umani si sono così organizzati in nuove nazioni, unite da un’unica ed enorme rete neurale che ne coordina i movimenti e le interazioni.

Vi è tuttavia una minaccia che arriva dallo spazio. Una razza aliena, chiamata “Gli Estranei”, attacca la Terra con lo scopo di divorare i cervelli umani. Il governo ha quindi creato una speciale forza armata, con sviluppati poteri psionici. Si tratta della FSE (Forza Soppressione Estranei), e il suo scopo è ovviamente quello di opporsi agli Invasori extra-terrestri.

I protagonisti di Scarlet Nexus

Il giocatore sarà chiamato proprio ad interpretare il ruolo di cadetto tra le fila della FSE. I protagonisti della storia saranno due: Yuito Sumeragi e Kasane Randall. Il primo è un discendente di una ricca e prestigiosa famiglia, mentre la seconda proviene da una dinastia di guerrieri.

Le storie dei due si intrecceranno nell’arco del racconto e avranno il compito di salvare il mondo dall’estinzione. All’inizio del gioco si sceglierà il protagonista da impersonare, andando di fatto a vivere due storie differenti. Ciò migliora notevolmente la rigiocabilità del titolo, che per essere davvero completato necessiterà di due partite intere.

Source
Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button