!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
Scommesse negli eSport - DreamHack Masters

Niente calcio? Non importa, BOOM di scommesse negli eSport
Sebbene gran parte dello sport si sia fermato, le scommesse continuano. Si punta all'eSport


Non è importante che lo sport tradizionale si sia arenato, il mercato delle scommesse non si ferma affatto. Seppure sia stato riscontrato un calo iniziale, tuttavia i numeri ci dicono che qualcosa stia cambiando. Visto che non è possibile fare le proprie puntate sullo sport classico, il movimento si sposta e arrivano le scommesse negli eSport.

Tra le più recenti novità, apprendiamo che il Nevada Gaming Control Board ha dato l’ufficialità alle puntate sul DreamHack Masters Spring 2020. Per chi non masticasse bene l’argomento, questo non è altro che un evento basato su Counter-Strike: Global Offensive (CS:GO), sparatutto tattico in prima persona sviluppato da Valve Corporation e da Hidden Path Entertainment. La notizia conferma quindi la regolarizzazione della procedura nelle scommesse sugli eSport. Tutti i bookmaker autorizzati dallo Stato americano sono quindi liberi di pubblicare e accettare puntate sull’edizione 2020 del DreamHack Masters. L’evento avrà luogo a partire dal 19 maggio 2020. Le scommesse sugli eSport di questo torneo saranno divise in tre modalità: testa a testa, vincitore della partita e vincitore del torneo generale.

Ricordiamo inoltre che questo tipo di scommessa non è del tutto nuova. Il DreamHack è infatti il quarto evento di CS:GO ad essere incluso nelle offerte dei bookmaker del Nevada negli ultimi quattro mesi. L’evento completa il palinsesto già composto di Esl Pro League, Esl Meisterschaft e Esl Rio Major.

Scommesse negli eSport - DreamHack MastersCome funzionano le scommesse negli eSport?

Le scommesse negli eSport sono regolate allo stesso modo di quelle degli sport tradizionali. Tutte le puntate, infatti, devono seguire le linee guida regolamentari stabilite dal Comitato di controllo. I titolari delle licenze per le scommesse in Nevada hanno ora l’autorizzazione. Dunque, rispettando le linee guida, è già possibile scommettere sul DreamHack Masters Springs.

Naturalmente, così come per ogni altra competizione, le regole del torneo devono essere rese pubbliche e completamente fruibili attraverso l’organizzazione dell’evento, prima di poter accettare scommesse.
Per tutti i bookmaker del Nevada, che hanno intenzione di offrire scommesse negli eSport, è richiesto l’invio di una notifica dei termini all’Enforcement Division.

Sia chiaro che, tutte le opzioni di scommessa, rispetteranno i requisiti normativi della scheda di controllo, evidenziando che tutte le puntate cesseranno all’inizio di ogni partita.
Per quello che concerne invece le probabilità, queste saranno libere per ogni bookmaker. Sia inteso che regole e risultati delle stesse siano basati su una fonte ammissibile e disponibile al pubblico.

Per quel che concerne le modalità di scommessa, come già detto, di base ce ne saranno tre: testa a testa, vincitore della partita, vincitore del torneo. I bookmaker però avranno anche l’opportunità di creare scommesse personalizzate, sempre regolate secondo le linee guida.

Red Bull Flick esportNon solo il Nevada e Counter-Strike

Come già accennato, però, le scommesse sugli eSport non si limitano al solo mondo di CS:GO. Nel Nevada Gaming Control Board sarà anche possibile puntare su giochi come Dota 2, iRacing, League of Legends, Overwatch e Call of Duty. Nel dettaglio, queste offerte, coinvolgono campionati come la Call of Duty League o l’Overwatch League.

Seppure tutti questi sviluppi riguardino attualmente soltanto i bookmaker locali (parlando in termini di business) è bene fare un appunto a livello più generale.
L’evoluzione dell’offerta delle scommesse negli eSport potrebbe, infatti, avere un ruolo determinante nello sviluppo degli stessi. In particolare è da tenere in considerazione l’evoluzione dell’unione dei due settori, gaming e gambling.

Come alla base di ogni crescita, è infatti importante fissare delle solide basi. Per il mondo dei giochi elettronici, quello che serve, è una struttura portante fondata su sicurezza e affidabilità. Per potersi sviluppare al meglio, questo settore, necessita di accrescere molto, in particolare a livello di reputazione. Consolidando quanto discusso, certamente, il mondo del gioco accrescerebbe anche la sua popolarità, evolvendosi in maniera completa.
Dunque aumentare le scommesse negli eSport, aiuta sicuramente a creare garanzie nel sistema.

È facile pensare che, nel momento in cui i bookmaker puntino seriamente sull’eSport, la loro crescita vada di conseguenza. Aumentando l’offerta gli eSport diventeranno sempre più comuni, non solo in termini di visite. Il loro accrescimento ne accrescerebbe il controllo, il supporto e il monitoraggio e questo porterebbe anche ad un aumento della sicurezza e della integrità.
Il paragone più simile è quello del poker che, partendo come un fenomeno di nicchia, è ad oggi uno tra i più popolari.
Inoltre, quello che fa ben sperare, è proprio il fatto che i maggiori movimenti attorno all’eSport arrivino da Las Vegas, sede delle World Series of Poker.league-of-legends-pg-nationals-vincitori-media-1

Parliamo di numeri, le scommesse negli eSport sono solo temporanee?

Abbiamo aperto l’argomento spiegandovi che le scommesse negli eSport siano cresciute durante questo periodo di quarantena. Questo è un dato abbastanza “normale”, dal momento che il resto degli eventi sportivi risulta essere in calo. Secondo un’indagine di mercato, condotta da 2CV e ProdegeMR, i numeri dicono che il 59% dei giocatori ha ridotto le proprie scommesse. Gli stessi dati rivelano che il 32%, invece, ha cercato altri settori in cui scommettere, di questi il 22% (che non aveva mai provato a scommettere sugli eSport) è intenzionato proprio a puntare sui giochi elettronici nel breve periodo. In totale però il 62% degli intervistati vorrebbe ricevere più dettagli prima di puntare.

Scendendo ancora nel particolare del sondaggio apprendiamo inoltre che il 36% dei giocatori d’azzardo ha scommesso negli eSport negli ultimi tre mesi. Di questi il 30% solo nell’ultimo mese.
Come detto però il 62% necessita di avare maggiori informazioni prima di poterlo fare. Tra questi il 45% sostiene che il problema sia legato al fatto che ci siano pochi eSport basiti sullo sport reale. Un’altra parte, invece, sostiene che il problema arrivi dal fatto che ci siano meno regolamentati rispetto ad altri sport e che siano troppo complicati. Problema che sarà possibile ovviare man mano che le puntate aumenteranno.

I numeri continueranno a salire?

Basandoci sempre sui risultati emersi da 2CV e ProdegeMR, sembra che le entrate relative alle scommesse negli eSport siano destinate a raddoppiare. Per le indagini è stato preso un campione di 1028 giocatori con età comprese tra 18 e 64 anni.
Si pensa che la cifra potrebbe passare da 7 miliardi di dollari (nel 2019) a circa 14 miliardi nel 2020. Sicuramente un fattore legato allo stop dello sport tradizionale, ma non solo.

“Entro il 2022, il numero di spettatori di eSport è stimato a 644 milioni in tutto il mondo: un dato che è salito dai 454 milioni di telespettatori nel 2019. La pandemia Covid-19 ha portato a molte forme di sport associate all’annullamento o al rinvio del gioco d’azzardo, ma rappresenta anche una grande opportunità per gli eSport di confrontarsi con questo pubblico”. Così afferma Martin Bradley, direttore della ricerca in tecnologia e intrattenimento presso 2CV.

Quindi sembrerebbe che l’impennata sia dovuta all’assenza dello sport tradizionale, “ma ci sono enormi opportunità per renderlo più a lungo termine, a condizione che i consumatori siano adeguatamente istruiti sugli eSport e su ciò che possono offrire, oltre a considerare quali tipi di gli eventi sono più adatti a un pubblico particolare “, come tiene a precisare Bradley.

Bestseller No. 1
CeO-Tech Zeta V2 PC Gaming - CPU AMD 3000G 3.50GHz 4MB Cache...
  • ✅ Sistema operativo: Windows 10 64 bit | 24 mesi di garanzia | Personalizzazioni su richiesta
  • ✅ Processore: AMD 3000G 3.50GHz 4MB Cache
  • ✅ Memoria: DDR4 16GB 2666 MHz
Bestseller No. 2
Memory PC High End Gaming PC AMD Ryzen 5 2600X 6x 4,2 GHz,...
  • Il nostro Memory PC convince con componenti di marca perfettamente coordinati. Con il processore ultra veloce a 6 core...
  • L'RTX 2060 6GB integrato offre una potenza più che sufficiente per tutti i titoli di gioco attuali ed è ideale anche...
  • Questo dispositivo è prodotto e testato individualmente per voi. Non riceverai un dispositivo pronto all'uso. Prestiamo...
Bestseller No. 3
Megaport PC-Gaming Intel Core i7-10700F • GeForce RTX 2070...
  • Con questo gaming-PC il divertimento per veri gamer è assicurato! Grazie al processore Intel Core i7-10700F, anche le...
  • La memoria ad accesso casuale da 16 GB DDR4 2400 MHz, inoltre, permette rapidi tempi di accesso a programmi aperti. Per...
  • Munita di tutte le tecnologie più moderne del mercato, la vostra GeForce RTX2070 con 8GB di memoria GDDR6 garantisce...

Giulia Garassino

Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metal Slug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare platform, hack & slash e GDR. Il mio titolo preferito? Nier Automata. Il gioco su cui ho speso più ore? Battlefield, che domande! Eppure, una grandissima fetta del mio cuore è occupata da Fable, amore di vecchia data. Dimenticavo, ho provato così tante tastiere che, a occhi chiusi, potrei dirvi che switch montano!
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link