fbpx

Ci sono volte in cui un’azienda, dopo anni di sperimentazioni, tentativi e investimenti verso un dato obiettivo non riesce ad ottenere i risultati sperati.
Ci sono volte, invece, dove un’azienda riceve un riconoscimento importante per i suoi sforzi.
Per SEAT CES 2020 è stato il secondo caso. La Casa automobilistica spagnola, infatti, ha vinto il premio Company of the Year 2019 grazie al suo sempre crescente impegno nel diventare un’azienda 100% sostenibile, sia per quanto riguarda i suoi prodotti sia per quanto riguarda la sua stessa esistenza.

A SEAT CES 2020 riconosce la sostenibilità dei suoi nuovi prodotti…

Ovviamente il riconoscimento consegato a SEAT premia anche il percorso verso le smart cities e la micromobilità che la Casa spagnola ha intrapreso negli ultimi mesi.

Seat eScooter e kickscooter eXS

Di pochissimi mesi fa, infatti, è la presentazione del SEAT eScooter, la prima due ruote della Casa, affiancata dal SEAT eKickScooter e dal prototipo della citycar Minimò.
Questi tre progetti mostrano l’impegno di SEAT verso l’implementazione a breve termine dei suoi prodotti a zero emissioni pensati principalmente per la città.

Anche il core business di SEAT sta tentando di spostarsi verso la sostenibilità.
Poche settimane fa, infatti, abbiamo visto il debutto della SEAT Mii electric, l’elettrica più economica sul mercato insieme alle sorelle Volkswagen e-Up! e Skoda Citigo e iV, e durante il 2020 arriverà la prima ibrida plug-in del mondo SEAT, la Cupra Formentor.

SEAT CES 2020 Cupra Formentor

La posizione di SEAT all’interno del Gruppo Volkswagen è infatti di leader nella micromobilità urbana, e su questo la Casa di Martorell spingerà moltissimo nel suo futuro.

Un impegno che parte… da Martorell

La nuova e rinnovata gamma elettrica però non è l’unico motivo che ha portato SEAT ad essere insignita del premio.
È stato infatti molto lodato il progetto di rendere la storica fabbrica di Martorell, vicino Barcellona, una delle prime Smart Factories d’Europa.

SEAT CES 2020 Mobike

Per cominciare, infatti, all’interno del complesso industriale SEAT, grazie ad un accordo con la famosa società di bike sharing Mobike, mette a disposizione per tutti i dipendenti 100 biciclette noleggiabili per spostarsi all’interno della fabbrica.
Il servizio è piaciuto moltissimo ai dipendenti, visto che è stato utilizzato da oltre 2000 persone per più di 4700 piccoli viaggi.

SEAT CES 2020 byBus

Inoltre per trasferimenti un po’ più lunghi è disponibile il serivizio ByBus, un servizio di bus-on-demand a disposizione di tutti i dipendenti.
Tramite l’app ByBus, infatti, con solo 10 minuti di preavviso è possibile “chiamare” una delle numerose SEAT Alhambra disponibili, comunicare luogo di partenza, numero di passeggeri e destinazione, ed il gioco è fatto.

Servizio consegne… fatto dai droni!

Un altro modo in cui SEAT cerca di rendere la sua sede 100% sostenibile è affidando alcune consegne… ai droni.

SEAT CES 2020 drone

Proprio così, il trasporto è affidato a dei droni specificatamente progettati per questo utilizzo.
Dai magazzini dove sono stoccati tutti i pezzi necessari per il montaggio dei modelli SEAT alla fabbrica di Martorell, infatti, ci sono una manciata di km in linea d’aria. Una distanza che, se percorsa su gomma, è nell’ordine dei 60-90 minuti tra carico del van, viaggio, scarico e consegna nel reparto corretto.
Con l’uso di droni tutto il processo subisce un taglio nettissimo, arrivando a soli 15 minuti.

Ma non è solo un vantaggio in termini di tempo.
Rispetto al trasporto su gomma, infatti, le emissioni di inquinanti di un drone sono pressochè nulle, e anche la ricarica è totalmente sostenibile, arrivando solamente da fonti rinnovabili e ecosostenibili.

La collaborazione tra SEAT e IBM per un’app per la mobilità urbana

Ma SEAT non si ferma qui.
Sull’onda delle collaborazioni con aziende leader nei propri settori (Silence per l’eScooter e Ninebot per l’eKickScooter), la Casa spagnola ha allacciato una nuova collaborazione con IBM.
L’azienda più antica del settore informatico, infatti, ha fornito la sua Intelligenza Artificale, Watson, per progettare un’app chiamata Mobility Advisor.

SEAT CES Mobility Advisor

A che cosa servirà?
Quest’app servirà per pianificare il proprio tragitto giornaliero cittadino e consigliare il miglior mezzo per percorrerlo tra auto, scooter, monopattino, bici o trasporti pubblici.
Grazie all’AI Watson di IBM l’app riuscirà a capire le preferenze di ogni utente e garantire dei consigli personalizzati per ogni utente.
L’app sarà inoltre collegata con l’IBM Cloud e così potrà adattare i consigli alla situazione di traffico, meteo o eventi straordinari.
Sarà inoltre possibile collegare la propria agenda all’app, in modo che questa possa consigliare anche altri parametri come il parcheggio o percorrere l'”ultimo miglio” con altri mezzi come monopattino, bici o altri.

Un primo di molti altri passi per SEAT verso un’identità sostenibile

Per SEAT CES 2020 è stato infatti un vero successo.
È stata premiata la sua visione molto pragmatica e pratica del futuro della mobilità, presente con l’ex CEO Luca De Meo, recentemente dimessosi, e che continuerà con i suoi successori.

Il premio è stato infatti ritirato dal CIO di SEAT Sebastian Grams e dal Direttore di Prodotti e Servizi digitali Paqui Lizana.
L’imegno di SEAT verso la sostenibilità è davvero imponente ed encomiabile, e siamo certi che negli anni a venire questo possa solo aumentare, e portare la Casa di Martorell in un futuro più green e sostenibile per sè e per le nostre grandi città.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Giulio Verdiraimo

author-publish-post-icon
Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!