fbpx
AttualitàCulturaFeatured

Smartphone, usarlo mentre si cammina può generare confusione e caos

Poche persone concentrate sullo smartphone potrebbero distrarre una folla di oltre 50 persone

Un esperimento condotto da ricercatori giapponesi ha rivelato come pochi pedoni distratti possano cambiare e manipolare i movimenti di un’intera folla. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances una persona con lo smartphone in mano, e tutta l’attenzione rivolta verso di esso, mentre cammina non si muove agevolmente e la sua disattenzione induce quel comportamento anche negli altri pedoni che lo circondano. 

Questo studio giapponese nasce da un team di ricercatori che si occupa di movimento delle folle. “Gli esseri umani usano una varietà di segnali visivi per anticipare dove andranno gli altri membri di una folla”, ha dichiarato Hisashi Murakami, professore al Kyoto Institute of Technology. Attraverso una serie di esperimenti all’aperto nel campus dell’Università di Tokyo, lui e i suoi colleghi hanno filmato due gruppi di studenti e li hanno fatti passeggiare in una strada e in direzioni opposte. Un gruppo aveva in testa delle persone con lo smartphone in mano, l’altro era composto da persone attente alla strada. 

Smartphone, usarlo mentre si cammina può generare confusione e caos

Smartphone

Quando gli studenti con lo smartphone sono stati messi in fondo al loro gruppo, la distrazione non ha influenzato il modo in cui i gruppi si sono mossi l’uno accanto all’altro. Ma quando i pedoni distratti erano in testa al gruppo, c’è stato un significativo rallentamento nel ritmo di camminata dell’intero gruppo, anche per la formazione di corsie libere. Le persone distratte non si muovevano agevolmente e i pedoni disattenti hanno indotto quel comportamento anche negli altri, che a loro volta si muovevano in modo più instabile. Chi guarda lo smartphone mentre cammina tende a recepire meno informazioni di ciò che gli accade attorno, con il risultato che non solo fatica a trovare uno spazio in cui passare ma non trasmette l’informazione a chi sta dietro, pur non avendo uno smartphone. 

Poche persone che non prestano la loro piena attenzione alla strada e alle persone attorno potrebbero cambiare il comportamento di tutta una folla di oltre 50 persone. “Guardare il proprio telefono potrebbe avere quell’effetto caotico perché priva gli altri delle informazioni contenute nei nostri sguardi”, suggeriscono i ricercatori. Dove guardiamo mentre ci spostiamo trasmette dettagli su dove intendiamo andare dopo. Poiché sempre più persone utilizzano smartphone e altri dispositivi che contribuiscono a camminare distratti, potrebbe essere necessario che architetti e urbanisti tengano conto di questo comportamento. 

Poche persone concentrate sullo smartphone potrebbero distrarre una folla di oltre 50 persone

Smartphone

“Le folle umane forniscono esempi paradigmatici di comportamenti collettivi che emergono attraverso l’auto-organizzazione. Comprendere le loro dinamiche è fondamentale per aiutare a gestire gli eventi di massa e il trasporto pedonale quotidiano”, si legge nella ricerca. 

“Abbiamo condotto un esperimento di intervento sulla formazione di corsie in cui ad alcuni partecipanti è stato chiesto di camminare mentre utilizzavano i telefoni cellulari perché si pensava che l’uso di un telefono cellulare mentre si camminava interferisse con la loro capacità di anticipare i movimenti dei vicini”. 

“Distrarre i pedoni tramite un’attività di telefonia mobile dovrebbe rendere più difficile per loro anticipare i movimenti dei loro vicini perché il movimento dei pedoni è fortemente influenzato dagli altri pedoni in arrivo anche quando sono ben separati. Inoltre, può anche essere difficile per i pedoni che camminano verso pedoni distratti prevedere le azioni di coloro che camminano distratti”. 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button