fbpx
Recensioni VideogiochiVideogiochi

La recensione di Solasta Crown of The Magister: Dungeons & Dragons in videogioco

Passano gli anni, ma la risonanza del mondo di Dungeons & Dragons continua a rimbombare in quello dei videogiochi e oltre. Da Baldur’s Gate a Divinity Original Sin passando per Pillars of Eternity, il mondo dei videogiochi di ruolo ispirati al mondo di D&D continuano a far parte della nostra contemporaneità. Oggi, tocca a Solasta: Crown of the Magister, il primo Gioco di Ruolo (GDR) sviluppato da Tactical Adventures in collaborazione con Wizards of the Coast. Dopo un lungo sviluppo, il gioco, già in Early Access dallo scorso ottobre, entra ora in una nuova fase con la pubblicazione completa il 27 Maggio. Scopriamo tutto nella nostra recensione di Solasta: Crown of the Magister.

La nostra recensione di Solasta Crown of The Magister

Solasta: Crown of the Magister è un Gioco di Ruolo con telecamera isometrica dall’altro vecchio stile che raccoglie le meccaniche di gioco e le regole dei manuali della quinta edizione di Dungeons & Dragons. Questo si traduce in un tiro di dadi per praticamente qualsiasi azione di esplorazione, attacco e spostamento. Come nel gioco di D&D, l’effettiva buona riuscita di ogni mossa dipenderà dal risultato del lancio dei dadi.

Crown of The Magister è attualmente la campagna principale di Solasta ma nuove missioni e storie saranno disponibili dopo il lancio. Questa campagna racconta le avventure del nostro party alle porte di un viaggio incantevole per fermare un evento catastrofico e un nemico pericoloso, risultato del Cataclisma. Si tratta di un devastante evento che ha stravolto il mondo di Solasta creando le Badlands, pericolose terre abitate da creature altrettanto periocolose come gli Orchi e i Goblin. Il nostro party viene avvicinato da un Concilio di protezione della civiltà per fermare le incombenti minacce.

I protagonisti della storia possono essere creati da noi. Il gioco mette a disposizione dei personaggi pre-impostati ma non è obbligatorio utilizzarli. Anche perché Solasta è caratterizzato da un profondissimo sistema di creazione dei personaggi che, sebbene non vanti un gran numero di personalizzazioni di tipo estetiche, si sviluppa enormemente in termini di caratterizzazione del personaggio.

Gli eroi di Solasta

Creare un personaggio ci darà la possibilità di scegliere qualsiasi elemento. Abbiamo infatti a disposizione le seguenti razze: Umani, Nani, Elfi, mezzi Elfi, Halfling, tra queste esistono due sottoclassi di Nani, Nani delle colline e Nani della neve, due sottoclassi per gli Efli, Alti Elfi ed Elfi Silvani, e due sottoclassi per gli Halfling, Halfling delle isole e Halfling delle Paludi. La scelta della razza, oltre alle caratteristiche fisiche, determinerà tanti elementi del personaggio, caratteristiche fisiche, abilità innate e molto, molto altro.

Una volta selezionata la vostra razza è il momento della classe tra Chierico, Combattente, Paladino, Ranger, Ladro e Mago. Anche questa scelta, ovviamente, avrà molte ripercussioni sul personaggio, determinandone abilità, caratteristiche, magie e tutti gli elementi legati alla rispettiva classe. La quantità di elementi e dati da tenere in considerazione è altissima e sarà estremamente apprezzata dagli appassionati del genere come noi. Dopo la razza e la classe, infatti, gli altri elementi di personalizzazione riguardano, l’Ascendenza, la Divinità adorata, il Background, il punteggio delle abilità, le Abilità innate, le Lingue parlate, gli Incantesimi e l’Identità. Ogni elemento ha un ampio menù per poterle sviscerare perbene. La quantità di elementi potrebbe sopraffare alcuni giocatori ma la possibilità di personalizzazione è impressionante e garantirà un’ottima varietà di gioco e tra i personaggi.

Per la nostra recensione di Solasta: Crown of the Magister abbiamo formato un classico party D&D molto bilanciato con un Elfo chierico, un Nano Guerriero, un’Umana Maga e un Halfling Ladro. Questa formazione ci ha permesso di testare gran parte delle meccaniche delle varie classi oltre a garantirci un certo equilibrio all’interno del team.

Acer Nitro 5 AN515-55-55DW PC Gaming Portatile, Processore...
  • IMPATTO VISIVO: gioca con il display IPS FHD da 15,6" (1920 x 1080 px) e refresh rate di 144 Hz. Goditi un gameplay...
  • SPECIFICHE TECNICHE DI LIVELLO: domina il gaming con il processore Intel Core i5-10300H e la scheda grafica NVIDIA...
  • A SANGUE FREDDO: se il gioco si scalda, il tuo gaming laptop Acer mantiene il sangue freddo; CoolBoost aumenta del 10%...

Un sistema vecchio stile ma sempre attuale

Come abbiamo visto, Solasta Crown of The Magister vanta uno stile classico che non si distacca dalle meccaniche di Dungeons & Dragons. Queste meccaniche si ripercuotono sia nelle sequenze di esplorazione e dialogo sia nei combattimenti. I dialoghi con i personaggi non giocanti (NPC) sono caratterizzati da un sistema di scelte e risposte che variano in base ai personaggi, alla razza e ad altri elementi dei personaggi. La storia di Crown of The Magister ha una trama ben impostata e non cambierà rispetto alle nostre scelte ma il nostro percorso dipenderà da moltissimi fattori.

Le sequenze di combattimento seguono uno stile a turni ben ponderato e ricco di elementi da tenere in considerazione per la buona riuscita della battaglia. Anche in questo caso, la presenza di D&D è ovunque, dalle tipologie di mosse e di magie alla necessità di dover riposare per ricaricare determinati incantesimi. Ovviamente, anche in combattimento il lancio del dado avrà una grande importanza che determinerà la buona riuscita di qualsiasi mossa.

I combattimenti presentano un grado di sfida notevole soprattutto considerando le diverse difficoltà da poter scegliere all’inizio della partita. Dalla modalità Storia, più semplice dal punto di vista di combattimento, alla difficoltà più avanzata dedicata ai videogiocatori in cerca di una sfida fuori dal normale.

Solasta: Crown of the Magister
Solasta: Crown of the Magister
Developer: Tactical Adventures
Price: 39,99 €

Le prospettive per il futuro

Uno degli elementi fondamentali al successo di Solasta è l’attenzione che gli sviluppatori gli dedicheranno in futuro. La storia del Crown of The Magister si difende molto bene e sarà in grado di intrattenere i giocatori per ore, grazie anche ai diversi livelli di difficoltà ma la necessità di nuove Campagne sarà sempre più impellente. Missioni più lunghe e intricate saranno un elemento imprescindibile per impedire che il mondo di Solasta finisca nel dimenticatoio.

A tal proposito è presente nel gioco un editor di quest e campagne dettagliatissimo e più che intuitivo per permettere a tutti di creare la storia dei propri sogni. Questo fattore potrebbe dare un enorme vantaggio al gioco e lasciare il compito di creare nuove missioni ai giocatori stessi che, negli anni, ci hanno dimostrato di avere creatività da vendere. Al solo pensiero delle storie che arriveranno su Solasta, il nostro cuore freme!

Un po’ di tecnicismi

Passando dal lato più tecnico, iniziamo subito col ricordare che Solasta Crown of the Magister non ha dietro le spalle un budget da videogioco di tripla A. Dal punto di vista grafico il gioco si difende più che bene con ambientazioni ricchissime e particolarmente piacevoli a colpo d’occhio, ma alcuni limiti sono presenti. La maggior parte, o comunque quelli più evidenti, riguardano i personaggi che presentano uno stile grafico piuttosto impacciato nonché una mimica facciale praticamente inesistente. Dall’inizio della versione Early Access i progressi sono stati enormi e conoscendo il lavoro di Tactical Adventures siamo sicuri che molti altri ne arriveranno.

Particolarmente piacevole è invece la colonna sonora con quegli elementi epici da grande campagna di GDR che riesce a immedesimare il giocatore nel mondo di Solasta. Nota dolente invece per la localizzazione in Italiano. Il gioco è infatti interamente in inglese, doppiaggio e sottotitoli compresi. Sebbene le informazioni e i dialoghi non siano così difficili da comprendere, la mancanza di una traduzione in Italiano potrebbe far storcere il naso ad alcuni videogiocatori, soprattutto considerando l’importanza della trama in un gioco di ruolo.

La recensione di Solasta Crown of The Magister in pillole

Dopo un periodo di Accesso Anticipato, Solasta Crown of The Magister è pronto per entrare nel mondo dei GDR a gran voce. Un sistema di personalizzazione fitto, ma senza risultare pesante, darà un carattere unico e personale alla vostra Campagna e ai vostri personaggi per una sessione di D&D lunga e ricca di avventura e colpi di scena. I difetti tecnici non mancano, ma sarete troppo impegnati a salvare il regno per accorgervene.

PRO

  • Dungeons & Dragons all’ennesima potenza
  • Una Trama ben costruita e piacevole
  • Personalizzazione dettagliatissima

CONTRO

  • Un po’ arretrato a livello tecnico
  • Manca la lingua italiana

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button