fbpx
NewsViaggi

La soluzione alternativa allo stress natalizio: issare le vele!

Mentre moltissimi non vedono l’ora di tirare fuori dalla cantina albero e addobbi di Natale, stilare liste di regali, programmare cene e fare trenini per l’ultimo dell’anno, altri invece, all’idea di pranzi interminabili con famiglia, suocera e parenti, preferiscono un’isola remota, all’insegna del caldo e della libertà.
Secondo Sailogy, la piattaforma online di noleggio barche in tutto il mondo, la soluzione allo stress di Natale è vivere un break invernale in barca: pronti a mollare gli ormeggi e issare le vele?

Il momento giusto per fare il viaggio che sognavi

È il momento giusto per immaginarsi sulla spiaggia di Bali, con il sole sulla faccia e il profumo di crema solare.
Infatti, per certe destinazioni come la Thailandia, Goa, gli arcipelaghi del sud est asiatico, le isole del Pacifico e le coste caraibiche, il break natalizio è il momento migliore per programmare quella vacanza da sogno che si medita da tempo.

Grazie alle temperature elevate, ma sopportabili, e ai prezzi in molti casi contenuti, si può salutare il nuovo anno dalla baia di Bangkok. Vedere lo splendido spettacolo pirotecnico allo scoccare della mezzanotte, passeggiare sulle spiagge balinesi il giorno di Natale mentre si sorseggia una pinacolada con i fiori tra i capelli, godersi la festa di Capodanno a Cuba tra cene sulla spiaggia e le tipiche secchiate d’acqua lanciate dai balconi dell’Avana.

E ancora fare il bagno il primo gennaio insieme ai maialini della spiaggia di Pig Beach alle Bahamas o perdersi tra i vicoli coloratissimi della città vecchia a Cartagena: sono alcuni degli scenari che possono popolare le ferie natalizie, se si sceglie di mettere infradito e costume in valigia e di lasciare a casa sciarpa e cappello.

issare le vele per natale alternativoParola chiave: libertà

Perché scegliere il viaggio in barca? Perché un’esperienza di questo tipo è in grado di regalare emozioni uniche. Visitare da un’imbarcazione un atollo o vedere un tratto di costa dal mare regala una vista del tutto nuova rispetto all’esperienza a terra. Trovarsi circondati e immersi nella natura selvaggia, dove il verde intenso delle coste si fonde con il blu del mare, permette di percepire un profondo contatto con questo ecosistema. La barca permette una grande versatilità: un accesso esclusivo a luoghi isolati e irraggiungibili se non via mare, senza contare la grande libertà di poter ridisegnare in qualunque momento l’itinerario e far vela verso un posto sempre nuovo.

In barca non esistono orari, se non quelli della natura, e l’itinerario può essere scelto all’alba di ogni mattina, per partire alla scoperta dei luoghi più affascinanti e segreti. Perché in barca si è viaggiatori, non turisti.

[amazon_link asins=’886594482X,B00K5QONY8,B00ISTIS3Q,B073WK5ZC4,B00DW4XJAE,B01D8CLHGM’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2527a0ae-469a-4fe6-8c50-c989aed7ecda’]

Mollare gli ormeggi lasciando a casa lo stress

Osservare un tramonto dal mare, svegliarsi la mattina e poter, come prima cosa, immergere i piedi nell’acqua di qualche spiaggia paradisiaca, è un regalo che ciascuno di noi si dovrebbe concedere almeno una volta nella vita. Leggere in coperta, prendere il sole e farsi cullare dalle onde del mare, partire alla scoperta di nuove calette e spiaggette isolate, lontano dal traffico e dalla caotica vita di città, è il viaggio perfetto per una vacanza diversa dal solito.

Elisa Erriu

"Lo scrivere" è il suo mestiere. Ma oltre alla coltre delle sue varie esperienze giornalistiche e dei suoi Master, c'è un mondo fatto di fantasy, anime, film, videogame, musica, Ichnusa, My Little Pony e oggettistica del Re Leone (l'originale!). Attenzione: se pronunciate per tre volte il suo nome giapponese, apparirà alle vostre spalle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button