fbpx

Sony ha da poco annunciato oggi due nuove fotocamere mirrorless con sensore APS-C: si tratta di Sony a6600 e a6100 che introducono nuove caratteristiche interessanti per fotografi e videomaker. Ecco tutte le novità, le specifiche e la data di uscita.

Sony a6600 e a6100 specifiche tecniche e caratteristiche

Le due nuove fotocamere, Sony a6600 e a6100, hanno caratteristiche molto simili ma offrono differenze tecniche per chi ha esigenze specifiche sia lato foto che lato video. Le ultime arrivate della gamma offrono le migliori tecnologie di Sony in un corpo compatto e leggero con grandi prestazioni per quanto concerne l’autofocus, ottima qualità d’immagine e tecnologie video di ultima generazione. Sony a6600 è una fotocamera progettata per rispondere alle richieste di fotografi e videomaker esigenti grazie all’ottima versatilità che la rende perfetta per diversi tipi di situazioni e utenti. Per quanto concerne Sony a6100 invece, essa è dedicata a coloro che desiderano fare un saggio upgrade ad una fotocamera con ottiche intercambiabili, avendo così a disposizione il vastissimo parco di obiettivi Sony per fotocamere APS-C.

Sony a6600 e a6100

Sony a6600 e a6100 offrono un sensore d’immagine CMOS Exmor da 24,2 megapixel, processore d’immagine BIONZ X di ultima generazione e il medesimo chip di acquisizione LSI anteriore presente nelle fotocamere professionali full-frame di Sony.

Entrambe le fotocamere Sony a6600 e a6100 integrano inoltre un incredibile Autofocus con una velocità di acquisizione fulminea in soli 0,02 secondi e con 425 punti AF a rilevamento di fase sul piano focale in grado di coprire circa l’84% del frame. Rimangono sempre 425 i punti AF anche a rilevamento di contrasto per garantire ottime prestazioni in ogni condizione di luce o situazione dinamica che necessità velocità e precisione nella messa a fuoco.

Sony a6600 e a6100

Allo stesso modo, entrambi i modelli condividono anche la tecnologia “Real-time Tracking” di Sony, vista recentemente su Sony a7R IV, che sfrutta l’algoritmo di ultima generazione proprietario in grado di riconoscere gli oggetti basandosi sull’intelligenza artificiale. Questo permette una precisione e una cattura massima anche attraverso il pannello touch dello schermo posteriore. Non manca inoltre la tecnologia Real-time EYE AF, ultima versione della già nota tecnologia “Eye AF” di Sony in grado di riconoscere i dati visivi in tempo reale per persone e animali, in modo da permettere al fotografo di concentrarsi esclusivamente sulla composizione.

Nei nuovi modelli arrivano anche la riproduzione dei colori ottimizzata per renderli più realistici, la ripresa video in 4K interna e nativa senza pixel binning, la funzione di scatto Time Lapse con intervallometro integrato, un display LCD touch da 3″ inclinabile di 180° con circa 921.000 punti e ingresso microfono integrato per riprese video con audio nitido e perfetto.

Ci sono tuttavia delle differenze tra i due modelli: Sony a6600 offre una gamma ISO espandibile da 100 a 102.400 con rumore ridotto e scatti nitidi anche in condizioni di scarsa illuminazione. Questo grazie alle tecnologie di riduzione del rumore e riproduzione dei dettagli che riducono enormemente il rumore elettronico preservando quindi l’alta risoluzione. Sony a6600 offre inoltre un sistema di stabilizzazione ottico a 5 assi integrato, una batteria maggiorata e della serie Z che garantisce fino a 810 scatti di autonomia, un design in lega di magnesio resistente a polvere e umidità, il Touch Tracking per l’AF che si interfaccia con il Real-time Eye AF per prestazioni mai viste finora su segmenti come questo e una presa per le cuffie integrata con cui ascoltare l’audio registrato in tempo reale.

Sony a6600 e a6100

Parlando poi di sezione video, Sony a6600 può registrare in 4K con lettura completa e senza pixel binning. Grazie alla sovracampionatura, questa fotocamera può produrre spettacolari video in formato XAVC S. Presenti inoltre i profili immagini come l’HLG (Hybrid Log Gamma) che supporta il flusso di lavoro Instant HDR per riprese ad alta gamma dinamica in grado di farvi catturare ogni sfumatura di colore ed esposizione della scena. Sono inoltre disponibili i profili gamma S-Log3 e S-Log2 che permetteranno agli utenti di raggiungere una praticità nell’elaborazione del video on-camera allo stesso modo di ciò che avviene nelle fotocamere professionali del produttore.

Sony a6600 e a6100

Sony a6100 vuole invece essere la scelta giusta per chi, come scritto nell’incipit dell’articolo, vuole passare ad una fotocamera ad ottiche intercambiabili senza investire cifre importanti. Per questo motivo, rispetto alla sorella maggiore, la sensibilità ISO si ferma a 51.200 e, lato video, mancano i profili HLG ed S-Log. Presente però il flash pop-up non aggiunto in a6600 anche se restano disponibili per entrambi i modelli le slitte hotshoe.

Oltre a questo, Sony a6100 integra un mirino EVF da 1440k punti meno definito rispetto alla sorella maggiore a6600; non manca però il jack d’ingresso per microfoni esterni, al contrario invece del connettore per le cuffie che non è presente. Anche in questo caso il display è touch e può essere ruotato di 180° per foto e video in modalità autoritratto.

Sony a6600 e a6100

Sony a6600 e a6100 prezzi e disponibilità

Sony a6600 e a6100 arriveranno sul mercato europeo a partire dal mese di ottobre 2019, la data effettiva non è stata ancora comunicata. Sony a6600 verrà venduta a circa 1600€ per il solo corpo oppure quasi 2000€ per il kit con ottica 18-135, caratteristica che ne conferma il segmento semi-professionale / professionale per quanto concerne il settore APS-C. Per quanto concerne invece Sony a6100, sarà disponibile a 900€ per il solo corpo, 1000€ in kit con ottica 16-50mm e 1250€ per il kit con 16-50mm + 55-210mm.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Ricky Delli Paoli

author-publish-post-icon
Parlo italiano e inglese di giorno, russo di notte. Molti mi definiscono "creativo", io rispondo che sbagliano perché sono un creatino. Fotografo, riprendo (sia come "video" sia se sbagliate qualcosa), faccio Time Lapse, metto miei filmati su YouTube e racconto cose alla gente.