fbpx
SpaceX sud rotta orbita polare

Orbitando verso sud: SpaceX riconquista una rotta spaziale perduta
Il Falcon 9 è il primo razzo, dopo decenni, a dirigersi verso Sud dalla Florida


L’azienda di Elon Musk Gwynne Shotwel continua a stupire e a guadagnarsi primati. SpaceX ha infatti, per la prima volta dopo decenni, effettuato un lancio verso Sud a partire dalla base di Cape Canaveral in Florida. Ecco perché si tratta di un traguardo importante.

SpaceX riconquista la rotta verso Sud

Quando si vuole posizionare un satellite nello spazio, esistono diverse orbite possibili, adatta a diversi tipi di missioni. Una di queste è la cosiddetta orbita polare, che, come suggerisce il nome, circola intorno alla Terra sorvolando i due poli.

Per questo tipo di missioni, dove solitamente il razzo deve andare verso Sud,  si preferisce di solito la base di lancio californiana. Da qui, infatti, il volo prevede direttamente un passaggio sopra il mare aperto, senza rischi per abitazioni e persone in caso di incidenti.

La base di Cape Canaveral in Florida permette di volare direttamente sopra il mare aperto andando verso Est, ma non verso Sud, particolarità che, per decenni, l’ha sfavorita per questo tipo di lanci. I recenti incendi in California, però, hanno cambiato la valutazione del rischio e hanno permesso a SpaceX  di mostrare le sue capacità anche in questo frangente.

Il successo di SpaceX

Per poter effettuare questo lancio, che prevede un passaggio sopra la costa Sud-Est della Florida e sopra Cuba, SpaceX ha dovuto garantire la sicurezza del volo, con in particolare una caratteristica strettamente necessaria.

Ha infatti sfruttato il sistema di autodistruzione automatica del razzo. Nel caso il Falcon 9 rilevi problemi o esca troppo dalla sua rotta prestabilita, infatti, i sistemi di bordo sono in grado di attivare la distruzione del vettore. Questo permette di ridurre i danni anche quando si vola vicino a zone densamente abitate. Non è possibile affidarsi ad un comando di autodistruzione inviato dal centro di controllo, perché i gas di scarico del razzo potrebbe interferire con la ricezione del segnale.

La missione, partito alle 7.18 del pomeriggio locali del 30 agosto (ovvero l’una e 18 del mattino del 31 agosto qua in Italia) e con a bordo il satellite SAOCOM 1B, si è per il resto conclusa con successo. Questa validazione sul campo, fatta oltretutto con un Falcon 9 che aveva volato già altre tre volte, si tradurrà probabilmente in più missioni di questo tipo.

Bestseller No. 1
Revell 04909 - Apollo Saturn V Kit di Modello in Plastica,...
  • Modellino dell'Apollo Saturn
  • Alto 77 cm
  • Scala 1:144
Bestseller No. 2
T Republic SpaceX Casco Rocket Tesla Falcon NASA Super...
  • Casco astronauta SpaceX con logo NASA sulla spalla e logo Falcon su entrambe le maniche.

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione e alla divulgazione. Estremamente curioso e interessato a quasi tutto: scienza, tecnologia, società, ma anche fumetti, podcast, internet culture e videogiochi.