MotoriNewsTech

Spotify potrebbe presentare uno speaker per auto a fine aprile

Dopo l'esplosivo debutto in Borsa, risalente allo scorso 3 aprile, Spotify si appresta a svelarci le sue ultime novità. Segnate la data sul calendario: sarà il 24 aprile il giorno in cui la società di Stoccolma terrà un evento di presentazione a New York. Cosa annunceranno? Non si sa ancora, e dalla semplice frase "News announcement" riportata sull'invito della stampa si può dedurre ben poco.

Eppure i rumor parlano chiaro: il primo dispositivo hardware targato Spotify sarà uno speaker, più precisamente uno speaker per le nostre auto.

Spotify lancerà una sorta di autoradio?

È quanto suggerito dalle voci di corridoio, che parlano di un device che consentirà agli automobilisti di ascoltare la musica della propria libreria Spotify senza dover possedere necessariamente uno dei più recenti sistemi elettronici integrati nell'abitacolo.

Si parla dunque di un dispositivo completamente autonomo, con ogni probabilità uno smart speaker dotato delle consueti funzioni di controllo vocale, con cui potremo tenere traccia della riproduzione musicale senza dover togliere le mani dal volante. Le indiscrezioni riportano inoltre l'integrazione di un modulo 4G, per l'utilizzo indipendente dallo smartphone, e persino un nuovo piano d'abbonamento riservato agli utenti del player.

Insomma, per il momento non c'è nulla di effettivamente concreto e continueremo a navigare nei rumor fino alla press conference del 24 aprile.

Ricordiamo che, ad oggi, Spotify può vantare una valutazione record pari a circa 26.5 miliardi di dollari. Il servizio conta 157 milioni di utenti, di cui 71 milioni iscritti all'abbonamento Spotify Premium. Vista la crescente popolarità della piattaforma streaming, potremmo considerare altamente probabile un eventuale debutto della società sul mercato hi-tech con la sua prima periferica hardware. Voi che ne pensate?

Tags

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker