fbpx
Videogiochi

Synced: Off Planet provato: lo sparatutto che viene dalla Cina

A Gamescom 2019 abbiamo provato il PvPvE di Tencent Games

COLONIA – Synced: Off Planet è il nuovo FPS di Tencent Games, il colosso cinese specializzato in titoli mobile. Non fatevi però ingannare dalla loro dedizione per i dispositivi portatili e dal fatto che in Italia il nome della società non sia particolarmente conosciuto: Tencent Games è una delle società di videogiochi più grandi al mondo, nota in occidente per Arena of Valor e Ring of Elysium. L’azienda inoltre possiede parte di Fortnite e di PlayerUnknown’s Battlegrounds, mentre la società principale – Tencent – ha acquisito il 5% delle quote di Ubisoft da Vivendi. Tutto questo per dirvi che non sono esattamente gli ultimi arrivati e che un po’ di esperienza, soprattutto nei titoli multiplayer, l’hanno sicuramente maturata.

Synced: Off Planet provato a Gamescom

Synced Off Planet provato gamescom 2019

Synced: Off Planet unisce il PvP al PvE in un’ambientazione futuristica che porta sulle console una delle minacce più utilizzate del settore: gli zombie.

A distinguere il gioco da altri titoli analoghi ci pensa però il Mortpheus Chip, un microchip rivoluzionario che invece di aiutare gli umani ad evolversi ha causato una terribile pandemia. Il risultato? Zombie sparsi per tutta l’area di gioco e sopravvissuti che tentano di farsi largo tra queste orde incontrollate. Per fermarli però non dovrete necessariamente ucciderli con le vostre mani (o armi). Synced: Off Planet vi permette infatti di sincronizzare il vostro chip con quello di uno zombie, prendendo così il comando di un intero battaglione di Nanos – questo il nome dei non-morti nel gioco – che si scaglieranno a quel punto sui loro simili.

Synced Off Planet provato sincronizzazione

La sincronizzazione è il vero plus di un gioco che altrimenti ci ha riservato davvero poco sorprese. Il gameplay infatti somiglia parecchio – forse troppo – a quello visto su The Division e le ambientazioni non ci hanno particolarmente entusiasmato.

L’unica nota convincente a livello tecnico è rappresentata dall’integrazione del Ray Tracing in tempo reale di NVIDIA che ha permesso al titolo di sfoggiare ombre realistiche, personaggi che si riflettono negli specchi e finestrini che vi aiutano a vedere chi o cosa vi sta per attaccare alle spalle. Insomma, graficamente il risultato raggiunto con il nuovo RTX è davvero buono, ma non dona al gioco quella scintilla di cui avrebbe bisogno.

Ovviamente è presto per giudicare Synced: Off Planet. La demo da noi giocata è durata poco più di 15 minuti e il titolo uscirà ufficialmente nel 2020, il che dà a Tencent Games tutto il tempo di rifinirlo e di mostrare qualcosa di più entusiasmante.

Tags

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker