fbpx
Recensioni VideogiochiVideogiochi

La recensione di The Serpent Rogue: un’avventura dark tra esplorazione e alchimia

Negli anni Team 17 ci ha abituati a una serie di novità videoludiche fresche e innovative e ora ritorna alla carica in compagnia del team ucraino di Sengi Games. La nuova creatura di questa collaborazione si chiama The Serpent Rogue, in uscita il 26 aprile, e questa è la sua recensione.

Siamo di fronte ad un intrigante videogioco d’avventura dalle tematiche dark ma dallo spirito leggero e innovativo che ci porterà in un lungo viaggio tra la vita e la morte.

La nostra recensione di The Serpent Rogue

The Serpet Rogue è un videogioco di azione avventura con una forte componente di crafting e creazione di pozioni. In questo titolo vestiremo i bizzarri panni del Warden, un misterioso alchimista con una maschera da medico durante il periodo della peste, che si ritrova in una terra medievale ricca di misteri e opportunità. Da questo momento in avanti, il futuro del nostro protagonista sarà esclusivamente nelle nostre mani.

Sebbene sia presenta una trama che ci svelerà i segreti di questo mondo invaso dalla corruzione, un male che colpisce natura, animali e abitanti rendendoli ostili e pericolosi, il come intraprenderla dipenderà da noi. Dalla nostra, il Warden ha a disposizione le sue abilità da alchimista con le quali, una volta trovati e analizzati gli ingredienti sparsi peer il mondo, sarà in grado di creare potenti pozioni.

Queste, l’esplorazione di luoghi pericolosi e l’aiuto di altri personaggi reclutati, vi porteranno sempre più lontano, a conoscere terre e nemici portentosi. Riuscirete a debellare la corruzione?

The Serpent Rogue
The Serpent Rogue
Developer: Sengi Games
Price: 19,99 €

Tra vita e morte

the serpent rogue recensione

Il nostro compito di guardiano è proprio quello di fermare la corruzione che si sta espandendo sempre di più e riportare l’ordine nel mondo. Per farlo dovremo innanzitutto esplorare le varie aree: le terre desolate, una palude, un porto di anime, la casa del Becchino, una chiesa abbandonata e così via. Le diverse zone non sono grandissime ma offrono grandi opportunità e ovviamente, pericoli. La corruzione ha infatti colpito animali e creature, umane e non, che ci attaccheranno a vista. Un sistema di crafting ci permetterà non solo di creare le pozioni sopra citate, ma anche di sviluppare armi con cui difenderci.

La vita e la morte sono infatti uno dei temi centrali di questo titolo. Oltre alla classica barra di vita, dovremo anche saziare il nostro appetito raccogliendo risorse naturali e cucinando. Avere lo stomaco pieno ci permetterà infatti di rigenerare la salute e credeteci, ne avrete bisogno. I nemici sono tanti e andando avanti col gioco, sempre più forti. Fortunatamente dalla nostra avremo a disposizione le creature e gli umani che non sono ancora stati corrotti. Offrendo cibo o denaro, potremo convincerli a unirsi alle nostre file come NPC (personaggi non giocanti) e combattere insieme a noi. Ma fate attenzione, anche quando i nostri alleati non saranno insieme a noi, dovremo fornire loro del cibo per farli restare in salute.

Avremo infatti un accampamento che crescerà sempre di più a seconda della dimensione del nostro gruppo oltre a mantenere piena la dispensa. Nell’accampamento potremo riposare, cucinare, sviluppare armi e così via. Sopravvivere è di primaria importanza ma non disperate. La morte non è la fine e qualche volta, potrebbe portarvi in nuovi posti altrimenti irraggiungibili. Potreste persino diventare degli scheletri ambulanti…ma questa è un’altra storia.

Alchimia, battaglie, esplorazione…

the serpent rogue recensione 1

La quantità di cose da fare in The Serpent Rogue è davvero altissima e non ce la sentiamo di spoilerarvi tutto in questa recensione. Sappiate solo che quello che avete letto e solo la punta dell’iceberg di un gioco che, ancora una volta, ci fa dimenticare dei tripla A.

L’approccio al gameplay è fresco e innovativo, mai noioso e con sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Volete un albero incantato che richiede un tributo per aiutarvi, eccolo. Un porto che traghetta anime in pena, certamente. Nonostante l’ambientazione funerea, il mondo è più vivo che mai. A questo si aggiunge la grande libertà di scelta. Nonostante siano presenti delle quest da superare, la scelta se farlo, come e quando dipende da noi. Potremo impiegare il nostro tempo creando un allevamento di galline o perché no, trasformarci noi stessi in una gallina.

Un’atmosfera dell’altro mondo

Dal punto di vista tecnico, The Serpent Rogue si caratterizza per uno stile grafico semplice ma efficace, fluido e appagante. I colori e i temi cupi sono resi magnificamente dal cel-shading e dal sapiente gioco di luci e ombre che ci regalano un’atmosfera unica. Allo stesso modo un elogio va fatto anche alla colonna sonora che si muove in incredibili sintonia con le ambientazioni e i temi.

La recensione di The Serpent Rogue in breve

The Serpent Rogue è stata una piccola perla da scoprire che saprà tenervi incollati allo schermo per ore e ore. Le cose da fare sono molteplici e per diventare il miglior alchimista la fuori avrete bisogno di molto tempo per scoprire gli ingredienti e le ricette disponibili.

Non esiste un modo giusto o sbagliato di giocare a The Serpent Rogue ma il modo che più vi aggrada e questo lo rende un titolo meritevole di essere esplorato. E chissà cosa ci sarà ancora da scoprire in questo magico inquietante mondo.

PRO

  • Un gameplay fresco a innovativo
  • Tantissime cose da fare
  • Un intrigante mistero da risolvere
  • Totale libertà al giocatore…

CONTRO

  • …anche se qualche linea guida in più avrebbe fatto comodo
  • Sistema di combattimento un po’ troppo retrò

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button