fbpx
NewsTech

TikTok permetterà di pagare i creator per video personalizzati

L'App sta testando una nuova funzione per i creator in Turchia e a Dubai

L’App di TikTok sta lavorando per assomigliare sempre di più al competitor Cameo. A breve, infatti, la piattaforma consentirà agli utenti di pagare i creator per video personalizzati. Un’opzione che la società ha scelto di aggiungere per evitare che i competitor possano offrire qualcosa in più al pubblico della Gen Z. Al momento, però, la funzione sembra essere in fase di test soltanto in Turchia e a Dubai. Ma scopriamone qualcosa di più.

TikTok: App testa una nuova funzione per i creator

In questi giorni l’App di TikTok sta testando la nuova funzione “Shoutouts”, che permette agli utenti di pagare un creator perla realizzazione di un video personalizzato. A quanto pare, sarà possibile retribuire il creator utilizzando la moneta dell’App, acquistabile utilizzando denaro reale e spendibile poi all’interno della piattaforma a proprio piacimento. Inoltre, pare che i creator stessi potranno stabilire una sorta di tariffa per questo servizio, che si concretizzerà in un video fatto ad hoc per voi. Ma prima che gli utenti possano vederlo, il contenuto passerà sotto il controllo di TikTok, in modo che possa assicurarsi che sia un video di qualità.

TikTok App creator
Credits: BuzzFeedNews

A quanto pare, l’App di TikTok ha scelto di ideare questa funzione affinchè gli utenti possano richiedere gli auguri di compleanno o un discorso di incitamento ai propri creator preferiti. Per il momento, però, non è ancora chiaro quanti follower debba avere un creator per poter lanciare il suo servizio di “Shoutouts”. Insomma, il social cinese sta lavorando sodo per ridurre la distanza tra pubblico e influencer. E non è il solo. Facebook, ad esempio, sta lavorando a “Super”, un servizio che consente agli utenti di pagare per interagire con gli influencer in live streaming. E Cameo sta continuando a riscuotere successo grazie al suo servizio di video, tanto da preoccupare TikTok e convincerla a lanciare una funzione simile a quelle offerte dalla start-up.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button