fbpx
CulturaNewsPersonaggi

Tim Cook: ristabilire fiducia nei confronti della tecnologia

Dopo anni di problemi di privacy, per il CEO l'industria tech deve riabilitarsi agli occhi degli utenti

In un’intervista recente il CEO di Apple Tim Cook ha espresso la necessità dell’industria tecnologica di riconquistare la fiducia degli utenti in tema privacy. Il CEO riconosce che l’intero settore ha deluso le aspettative di una grande parte di pubblico e ora ha bisogno di mostrarsi attento alla protezione dei dati dei clienti.

Tim Cook: puntare sulla privacy per riguadagnare la fiducia degli utenti

Sulle pagine del Australian Financial Review, Cook ha spiegato un concetto semplice ma spesso dimenticato. “La tecnologia non vuole essere buona. Non vuole neanche essere cattiva: è neutrale. E quindi nelle mani dell’inventore e dell’utente sta la possibilità che sia usata per il bene o per il male“. Per questo motivo i lavoratori di Apple spendono “un enorme quantità di tempo a pensare attentamente a come sarà usata” qualsiasi tecnologia che producono.

Dalle parole di Cook si evince che stia parlando soprattutto di Facebook, pur senza nominarlo. Il riferimento è senz’altro alle nuove policy di iOS che permettono di bloccare il tracciamento delle app, osteggiato dal social network di Zuckerberg.

tim cook apple singapore

“Il rischio di non farlo significa che la tecnologia perde il contatto con gli utenti. E in quel caso la privacy diventa soltanto un danno collaterale. Le teorie del complotto e il discorso d’odio iniziano ad annegare tutto il resto. La tecnologia funziona solo se ha la fiducia delle persone”.

Cook continua: “Dieci anni fa, la privacy era un problema di nicchia. Oggi è diventato uno dei principali problemi nella testa della persone perché la gente sa che il web è diventato uno strumento di sorveglianza in troppi casi e che la costruzione di profili dettagliati sulle persone va oltre ogni ragione”.

Ma le questioni aperte nel mondo della tecnologia sono anche molte altre, come la questione della competizione e dei monopoli. Tuttavia, Cook resta piuttosto vago nel rispondere sul caso Epic contro Apple, che continuerà anche l’anno prossimo. “Nel nostro modello il potere sta nelle mani dell’utente perché è lui a decidere se comprare un iPhone. […] Quindi è un mercato ferocemente competitivo. E quindi anche il mercato nell’App Store è ferocemente competitivo. C’è una grande competizione in tutte le aree”.

Sia la privacy che la competizione sono al centro di processi e analisi di organizzazioni di tutela, in tutto il mondo. La fiducia nei confronti della tecnologia passerà certo anche dall’esito di questi procedimenti (e dalle informazioni che potrebbero uscire).

OffertaBestseller No. 1
Source
Apple Insider

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button