fbpx
us space force logo

Svelato il logo ufficiale della Space Force
Creato anche il motto da utilizzare


La US Space Force ha rivelato il suo nuovo logo, mentre il servizio cerca di costruire il marchio e l’identità culturale da associare.

Il logo della US Space Force

Il logo di servizio nero e argento presentato il 22 luglio. Ha l’ala delta come elemento centrale, presente anche nel sigillo e nella bandiera della forza armata degli Stati Uniti d’America. All’interno c’è un logo “Space Force” a forma orizzontale. A gennaio del 2020, il presidente ha twittato un’immagine che poteva richiamare in qualche modo il logo per la US Space Force. In realtà si è scoperto che raffigurava il sigillo. Il simbolo delta è in uso dal 1961 dal dipartimento dell’Aeronautica Militare. Questa immagine spiega i vari elementi che fanno riferimento ai rami militari, al lancio di razzi e ai suoi valori definiti fondamentali. Il logo è stato progettato dall’agenzia pubblicitaria GSD & M del Dipartimento dell’Aeronautica.

Scelto anche il motto

C’è stata anche una decisione rispetto alla scelta del motto. Dopo diversi mesi, è stato scelto “Sempre Supra“, che significa “Sempre al di sopra“.

Non mancano le polemiche

Dopo la presentazione a gennaio del sigillo ufficiale della Forza spaziale, il servizio è stato oggetto di critiche. Infatti, diverse persone hanno associato il simbolo ad una sorta di imitazione della Flotta Stellare di Star Trek. I funzionari della Space Space hanno sottolineato che il simbolo delta è stato utilizzato negli anni ’40 dalle forze aeree dell’esercito americano. Inoltre è stato utilizzato nei primi emblemi delle organizzazioni spaziali dell’Aeronautica militare già nel 1961 ed è a tutti gli effetti un simbolo ereditato delle organizzazioni spaziali militari.

Un portavoce, infine, ha affermato con certezza che l’ala delta indica la traiettoria ascendente dello Space Force statunitense nello spazio. Rappresenta quindi i veicoli di lancio che inviano i satelliti in orbita ed evoca il cambiamento e l’innovazione.


Giuseppe Lenoci