fbpx
MobileNewsTech

vivo conquista il mercato cinese degli smartphone

Il brand supera la competizione in patria e diventa il quinto più venduto al mondo

Secondo gli ultimi dati disponibili, vivo diventa il leader del mercato cinese, conquistando il titolo di smartphone più venduto con una crescita del 21%. Il brand inoltre si piazza al quinto posto fra i brand mondiali, dimostrando che la sua ricetta funziona ovunque.

vivo diventa leader del mercato cinese degli smartphone

Il mercato cinese ha subito diversi cambiamenti fra il 2020 e il 2021, rispecchiati dalla ricerca di Counterpoint sulle quote di mercato fra i brand. Huawei rispetto a due anni fa ha perso il -68%, segnando un trend positivo. realme ha subito la più grande crescita percentuale: il 379%, ma passa dal 1% al 3%. Xiaomi cresce moltissimo (+40%) ma meno di Apple (+47%), che sta investendo molto nel mercato cinese. Oppo e OnePlus crescono insieme del 26% e si piazzano al secondo posto.

Ma chi trionfa davvero è vivo, che tiene alle spalle la concorrenza e dopo il crollo di Hauwei conquista un mercato sempre più competitivo. Infatti passa dal 17% al 22%, crescendo del 21% in un anno. Un primato davvero importante in uno dei mercati nazionali più vasti del mondo.

China Smartphone Market min

Ma oltre ad avere conquistato la ‘patria’, vivo si posiziona benissimo anche rispetto agli altri brand in tutto il mondo. Secondo quanto riporta Canalys, Samsung domina ancora il mercato con un 20% di market share, seguita da Apple (17%), Xiaomi (14%) e OPPO (11%).

Al quinto posto troviamo vivo, che con 129,9 milioni di spedizioni arriva al 10% del mercato, con una crescita annuale del 15%. Sembra evidente che il mix di design accattivanti e prezzi aggressivi abbia attratto un gran numero di clienti nell’ecosistema intelligente di vivo.

Potete scoprire i prodotti vivo sul sito ufficiale, magari facendovi conquistare dalle prestazioni fotografiche del vivo X60 Pro 5G.

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button