fbpx
NewsVideogiochi

Nacon pubblica War Hospital, il gioco di Brave Lamb Studio

Il gestionale è ambientato durante la Prima Guerra Mondiale

Nacon e Brave Lamb Studio hanno parlato dell’impegno comune che stanno riponendo in “War Hospital”, il nuovo videogioco gestionale ambientato durante la Grande Guerra. Si tratta di un titolo che mescola elementi di strategia, di sopravvivenza e di gioco di ruolo con l’obiettivo di farci guidare un ospedale da campo durante il Primo conflitto mondiale.

“War Hospital” è ambientato nel 1917, e ci permetterà di vestire i panni del maggiore Henry Wells, un medico della Gran Bretagna inviato al fronte per curare i soldati feriti e risollevare il morale delle truppe. Gli utenti dovranno sviluppare la struttura e far fronte alle emergenze che inevitabilmente arriveranno.

Lo spirito di War Hospital, il titolo Nacon

Il titolo punta a ricreare in modo fedele l’ambientazione del fronte e le attrezzature mediche, grazie alla collaborazione con il British Imperial War Museums. I giocatori dovranno compiere scelte morali difficili, che influenzeranno direttamente l’umore dei soldati e dei sopravvissuti.

Da questo punto di vista, il videogame vuole affrontare la guerra da un punto di vista diverso, focalizzandosi sulle reali conseguenze dei conflitti armati e su tutta la morte e la disperazione che provocano. La guerra non verrà quindi spettacolarizzata come avviene in molti altri titoli che approcciano l’argomento in modo ben più leggero.

Le parole dei dirigenti

Michał Dziwniel, Head of Studio, ha dichiarato:

“Siamo entusiasti di collaborare con Nacon. Crediamo che questo aiuterà a far conoscere War Hospital a più giocatori in tutto il mondo e a mostrare loro un volto diverso della guerra nei videogiochi

Benoît Clerc, direttore editoriale di NACON, ha commentato:

“Nacon è particolarmente orgogliosa e onorata di essere stata scelta da Brave Lambs per lavorare insieme al successo di War Hospital, un gioco unico nel suo genere, dimostrando ancora una volta, sulla scia di titoli come This War of Mine e Soldats Inconnus che i nostri media possono trattare argomenti complessi e seri pur mantenendo la loro identità”

Source
Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button