fbpx
MobileNewsTech

Attenti a WhatsApp Pink. Ecco che cos’è e perché starne alla larga

WhatsApp Pink non è una versione alternativa di WhatsApp. Dietro al suo aspetto innocuo infatti si cela un virus in grado di prendere possesso del vostro smartphone in pochi secondi, raccogliendo informazioni su di voi che possono andare dal vostro indirizzo email fino ai dati di accesso all’applicazione della banca.

WhatsApp Pink: che cos’è?

WhatsApp Pink è apparentemente una versione tutta rosa del noto servizio di messaggistica. Ed è proprio su questo che puntano i suoi creatori. Non sono infatti molte le opzioni di personalizzazione previste da WhatsApp ed è quindi comprensibile che molti utenti vadano in cerca di app e software che possano dare un tocco di originalità al servizio. Ci si imbatte così in WhatsApp Pink, con una piccola ricerca online o semplicemente incappando in un link che vi rimanda a uno dei numerosi store alternativi. Niente Play Store di Google quindi ma un database esterno che ha permesso la pubblicazione dell’app e che ne consente l’installazione in pochi secondi.

Il suggerimento è semplice: non fatelo. Non scaricate ed installate WhatsApp Pink sul vostro smartphone.

Ad avvertire gli oltre 2 miliardi di utenti è stato Rajshekhar Rajaharia, ricercatore di sicurezza informatica che è incappato proprio in quest’applicazione scoprendo che al suo interno era nascosto un virus. Si tratta di un infostealer che agisce su due fronti: da un lato prende possesso della rubrica e la usa per inviare il suo link ai nostri contatti, dall’altro scava nel vostro smartphone per ottenere ogni genere di dati, compresi gli accessi bancari.

Come disinstallare WhatsApp Pink

La prima azione compiuta dell’applicazione è ancora più semplice: nasconde la sua stessa icona. Questo per ostacolare la sua rimozione e lavorare indisturbata.
Non fatevi prendere dal panico però. Andate in Impostazioni, App e notifiche, Mostra tutte le app e cercate qui WhatsApp Pink. Cliccando sull’app avrete il tasto Rimuovi.

Il secondo step è più articolato: dovete scollegare i dispositivi collegati a WhatsApp Web, svuotare la cache del browser e poi verificare se i permessi concessi alle applicazioni siano tutti utili oppure se ci sia qualcosa di insolito.

Come fare tutto questo? Per WhatsApp Web aprite l’applicazione effettiva di WhatsApp, cliccate sui 3 pallini in alto a destra e scegliete WhasApp Web. Lì troverete l’elenco dei dispositivi collegati e vi basterà cliccare su ognuno di loro per effettuare la disconnessione.

Per svuotare la cache del browser invece la procedura dipende dal browser in uso. Generalmente però trovate tutto in Impostazioni e poi Privacy e Sicurezza. Qui avrete una voce del menù che riporta Cancella dati di navigazione che è esattamente l’operazione che dovete svolgere.

Per quanto riguarda invece i permessi invece andate nelle Impostazioni, in Privacy e poi Gestione autorizzazioni. Qui potete vedere quali applicazioni hanno ottenuto determinati permessi. Assicuratevi che non ci sia più alcuna autorizzazione concessa a WhatsApp Pink e strani permessi concessi ad applicazioni che dovrebbero fare tutt’altro.

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button