fbpx
NewsTech

WhatsApp dichiara guerra a spam e fake news, “bollati” i messaggi inoltrati

WhatsApp dichiara ufficialmente guerra a spam e fake news. Come? Bollando i messaggi inoltrati con un simbolo di riconoscimento. Vediamo cosa cambierà per la più famosa app di messaggistica al mondo.

Come funzionerà il sistema antispam di WhatsApp

Finalmente WhatsApp si è decisa a testare una funzione che dovrebbe andare a combattere spake e fake news. Come? Ogniqualvolta che un utente inoltrerà un messaggio a uno dei suoi contatti, questo verrà bollato con un simbolo speciale che starà ad indicare che il messaggio non è "originale" (quindi scritto dall'utente) ma un inoltro.

A confermare questa indiscrezione messa in circolo qualche settimana fa è Carl Woog, capo della comunicazione dell'app di messaggistica istantanea di proprietà di Facebook, intervenuto al Global Fact-Checking Summit di Roma.

whatsapp spam fake news

Quello messo in piedi da WhatsApp è un ottimo tentativo per bloccare bufale, truffe oppure le fastidiosissime e odiatissime catene di Sant'Antonio.

“Aiutare i fact-checkers sarà una mossa futura cruciale per WhatsApp, abbiamo a cuore la sicurezza degli utenti“, aggiunge il manager della chat più popolare al mondo. Secondo gli ultimi dati la piattaforma conta 1,5 miliardi di utenti mondiali che inviano 65 miliardi di messaggi al giorno. Per Woog “il 9% dei messaggi sono mandati tra due persone, i gruppi contano in media 6 utenti”.

Un'altra possibile soluzione per arginare il dilagare di disinformazione è dare più potere agli amministratori dei gruppi che possono controllare le conversazione e gestire il tipo di messaggi. Al momento non sono allo studio di WhatsApp contrassegni per le fake news, mentre per le organizzazioni di fact-checking non è ancora possibile raggiungere tante persone.

Non sappiamo quando questo sistema verrà ufficialmente introdotto e in quali paesi. La speranza è però quella che WhatsApp sia capace di arginare spam e fake news per rendere il sistema di messaggistica un posto migliore e più sano per tutti i suoi utenti.

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button