fbpx
wiko view5 collection presentazione

Un telefono da ricaricare due volte a settimana
Wiko presenta i suoi nuovi smartphone della View5 Collection


Wiko ha lanciato i suoi nuovi smartphone della View5 Collection nelle ultime ore. L’offerta dell’azienda quindi si allarga, portando sul mercato due prodotti che puntano a offrire prestazioni di buon livello agli utenti a un prezzo accessibile. Particolarmente impressionante è la capacità della batteria dei nuovi View5 e View5 Plus, che promette di durare davvero a lungo. Vediamo insieme tutti i dettagli dei nuovi smartphone di Wiko.

Wiko View5 Collection, una batteria dalla vita lunghissima

Partiamo proprio dalla lunga durata della carica di questi due prodotti. La batteria dei Wiko View5 e View5 Plus ha una capacità di ben 5.000 mAh ed è ottimizzata per avere una vita molto lunga, grazie all’AI Battery Master. Questo significa che, come certificato dall’ente indipendente SmartViser, può raggiungere una durata di ben tre giorni e mezzo con un utilizzo medio dello smartphone. Un risultato decisamente stupefacente, rispetto ad altri prodotti sul mercato.

Altra novità introdotta dai nuovi modelli è il display full screen da 20:9 con risoluzione HD+ senza un vero e proprio notch. Sulla sinistra alta dello schermo è presente un piccolo cerchio, dedicato alla fotocamera frontale. Questo permette una visione quasi completa sia di documenti che di video. Peraltro il foro è intelligentemente integrato nel design, essendo circondato da un cerchio colorato che permette di monitorare la durata della batteria.

Sul lato fotografico i due smartphone offrono una Quad Camera da 48MP con funzionalità AI. Il sensore più grande permette di scattare in maniera nitida anche al buio. Alla fotocamera principale si affiancano poi un obiettivo ultra-grandangolare da 120° e un Macro da 5MP, con cui ritrarre i dettagli più sottili. Infine, per chi è alla ricerca di soluzioni ancora più creative e d’impatto è possibile sfruttare un quarto obiettivo da 2 MP capace di creare un effetto bokeh.

Dal punto di vista della sicurezza, entrambi offrono sia una tecnologia Fingerprint, per sbloccare lo smartphone con la sola punta delle dita, e una funzionalità di Face unlock per accedere con il semplice riconoscimento facciale. Particolarmente utile può essere il tasto integrato di Google Assistant. Con questo è possibile accedere rapidamente all’assistente vocale di Android e sfruttare tutte le sue potenzialità.

Che cosa cambia tra la versione base e Plus?

wiko view5 collection presentazioneUna prima differenza tra Wiko View5 e View5 Plus riguarda la configurazione. Il modello base è infatti dotato di una memoria da 64 GB, accompagnato da una RAM da 3 GB. Per quanto riguarda invece la versione Plus si parte da 128 GB per quella interna, mentre la RAM tocca quota 4 GB. Per entrambi i modelli è possibile poi aggiungere ulteriori 256 GB grazie a schede micro SD.

A cambiare tra i due modelli è inoltre il processore a disposizione. Entrambi sono Octa-Core, ma quello del View5 Plus è un MediaTek MT6765, mentre quello della versione base è un MediaTek 67626D A25.

Un’altra differenza infine è quella legata all’estetica dei prodotti, nello specifico il colore. Il View5 infatti è disponibile nelle tre tonalità Midnight Blue, Peach Gold e Pine Green. Wiko View5 Plus offre invece due colorazioni Aurora Blue e Iceland Silver. In entrambi i casi la scelta è stata studiata con attenzione per poter offrire un design piacevole alla vista capace di conquistare gli utenti.

Cosa ne pensate? Siete incuriositi da queste nuove proposte di Wiko?

Per avere maggiori informazioni su prezzi, disponibilità e specifiche tecniche, vi rimandiamo al sito ufficiale della compagnia.

VIEW5 PLUS
  • Display 6,55"
  • Android 10
  • ROM 128GB

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.