NewsTech

Windows 10 diventa a pagamento: in arrivo un canone mensile

Come molti di voi ben sapranno, gli aggiornamenti di Windows 10 non richiedono alcuna forma di pagamento e sono pertanto gratuiti, ma le cose potrebbero presto cambiare. Stando alle più recenti indiscrezioni, Microsoft avrebbe intenzione di adottare una nuova strategia attraverso cui introdurre un pagamento mensile per il suo sistema operativo.

Se i rumor dovessero trovare conferma, nei prossimi mesi alcuni utenti di Windows 10 saranno costretti a pagare ogni mese un abbonamento e accedere così alle nuove funzioni dell'OS. Ecco cosa c'è da sapere sul presunto canone mensile.

Windows 10: chi dovrà pagarlo e chi no

windows 10 pagamento microsoft

La prima indiscrezione è stata riportata un paio di settimane fa da Mary Jo Foley, di ZDNet. Secondo una fonte molto vicina alla casa di Redmond, la società avrebbe intenzione di introdurre una nuova feature chiamata Microsoft Managed Desktop.

Parliamo di un servizio che consentirà ai clienti di 'noleggiare' un dispositivo Windows 10 che gli viene fornito automaticamente e di tenere il proprio sistema operativo aggiornato, il tutto pagando una singola quota mensile. I vantaggi si rispecchiano in un'ottimizzazione dei tempi di manutenzione e di configurazione dei computer presenti nella medesima rete.

Per il contatto della Foley si tratterebbe della personale visione di Microsoft del desktop-as-a-service, un genere di piattaforma già offerto da diverse compagnie, che non vantano però il supporto agli aggiornamenti automatici di Windows 10.

Sarà attraverso l'introduzione di Microsoft Managed Desktop che l'azienda lancerà il canone mensile di Windows 10. Come specifica la stessa Foley, tuttavia, questa soluzione sarebbe prettamente indirizzata all'ambito business: l'abbonamento dovrà pertanto essere pagato solo dalle aziende che desidereranno accedere al nuovo servizio.

Per quanto riguarda i privati, Foley avrebbe rivolto tale domanda alla stessa Microsoft, da cui però non è giunta alcuna risposta. È altamente improbabile che il canone mensile venga applicato anche ai piani domestici, ma attenderemo la conferma da Redmond.

Tags

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker