fbpx
youtube premium streaming guerra addio

YouTube Premium e la guerra dello streaming
Il servizio potrebbe essere il primo a cadere di un mercato sempre più affollato.


Da tempo si parla di una eventuale ‘guerra dello streaming’ in arrivo nel campo dell’intrattenimento. Dopo un lungo periodo caratterizzato solo da pochi servizi pionieristici, il mercato si sta affollando di sempre più attori, con nomi di peso come Warner Bros., Disney ed Apple in gioco. Presto o tardi si raggiungerà il picco e alcuni player dovranno abbandonare il campo. E uno dei primi a tirarsi indietro sembra essere proprio YouTube Premium.

La storia di YouTube Premium

youtube premium streaming guerra addioI primi passi di questo servizio di streaming risalgono addirittura al 2014. All’origine si trattava solamente di un progetto a tema musicale, chiamato Music Key. L’idea era offrire agli utenti che sempre più spesso usavano YouTube come player per le proprie canzoni preferite la possibilità di ascoltarle senza pubblicità, offline, ma soprattutto in background. Pagando un abbonamento non sarebbe più stato necessario tenere l’applicazione aperta sul mobile per la riproduzione.

Successivamente il concept si è esteso tramite un rebranding. Il nome del servizio è diventato YouTube Red e i suoi abbonati avevano la possibilità di vedere tutti i video della piattaforma senza pubblicità, ma soprattutto di avere accesso a una serie di contenuti esclusivi. Alcuni di questi erano realizzati direttamente dagli Youtuber più noti, mentre altri erano veri e propri show originali. Fu l’effettivo ingresso del servizio nel campo dello streaming.

Dopo una fase di espansione territoriale, è arrivato un secondo rebranding. Il lato musicale dell’offerta diventò disponibile anche in maniera indipendente, mentre il nuovo servizio YouTube Premium offriva tutti i vantaggi sopracitati, compresi gli show originali. Questo accadeva nel 2018 e segnò l’allargamento della platea del servizio, disponibile in sempre più Nazioni.

Negli ultimi mesi però, il passo è rallentato. In particolare colpisce il fatto che la piattaforma abbia annunciato un ulteriore cambio di strategia, puntando a mettere a disposizione tanti dei suoi contenuti gratuitamente. Gli abbonati avranno ancora la possibilità di vederli senza pubblicità e per primi, ma questi diventeranno accessibili a tutti dopo alcune settimane. Non si tratta più quindi di un’esclusiva assoluta, ma solo temporale.

Il caso Cobra Kai

youtube premium streaming guerra addio

Il vero segnale però della probabile ‘caduta’ di YouTube Premium sembra però arrivare da Cobra Kai. Dei diversi show pubblicati dal servizio, questo è stato l’unico che all’epoca del suo annuncio fu capace di catturare davvero l’attenzione, raggiungendo l’interesse del grande pubblico. Dopotutto si tratta di un sequel di uno dei più grandi cult di tutti i tempi, The Karate Kid, rivisto da una prospettiva nuova.

Il protagonista infatti non è Daniel, ma il suo rivale Johnny, nuovamente interpretato da William Zabka. Un modo per dare risalto al personaggio, seguendo l’onda, commentata anche da How I Met Your Mother, di appassionati che, più o meno ironicamente, lo considerano il vero eroe del film.

Nel corso delle sue due stagioni Cobra Kai è riuscito a diventare un discreto successo, sebbene senza raggiungere livelli di popolarità estremi. YouTube Premium ne era pienamente consapevole, tanto da aver deciso che, nonostante il sopracitato cambio di approccio agli abbonamenti, avrebbe mantenuto la serie come assoluta esclusiva del servizio.

Per questo ha stupito il recente annuncio dello spostamento del progetto alla concorrenza. La terza stagione di Cobra Kai infatti non arriverà su YouTube Premium, bensì su Netflix. In sostanza, il maggior successo della piattaforma, nonché l’ultima serie TV nel senso più classico del termine rimasta in catalogo, passerà a uno dei principali competitor. La mossa sembra essere un vero e proprio fischio finale per la presenza di YouTube nel campo dello streaming.

Cosa succederà a YouTube Premium?

youtube premium streaming guerra addio

Non possiamo sapere cosa accadrà effettivamente al servizio e se si stia preparando un rilancio del progetto con la nuova strategia. L’impressione però è che piano piano la piattaforma di video sharing stia facendo un passo indietro, ritirandosi dalla guerra dello streaming che citavamo in apertura.

Gli ultimi mesi in effetti hanno visto l’ingresso di nuovi grandi competitors. Servizi di streaming come Disney+, Apple TV+ e il recentissimo HBO Max sono riusciti a ritagliarsi un posto di rilievo, forti anche di un catalogo di originali ricco, oltre che tanti titoli del passato da riscoprire. Questo senza contare ovviamente la presenza di colossi del settore come Amazon Prime Video e il sopracitato Netflix, con un ruolo solidissimo nel campo grazie alla lunga presenza.

È probabile che YouTube Premium a fronte di questo sovraffollamento del mercato, che sembra sempre più diretto a un grande scontro, abbia quindi deciso di ritirarsi. Il progetto era ambizioso e interessante, ma davanti ai nuovi aggressivi competitors le speranze di renderlo davvero solido dopo circa cinque anni di tentativi iniziavano a essere poche. A meno di grandi sorprese quindi, prepariamoci a dire addio a YouTube Premium (sebbene la sua versione dedicata alla musica potrebbe avere una vita molto più lunga).

La Streaming War avrà così la sua prima vittima, ma il campo di battaglia è ancora in fase di preparazione. Chissà cosa accadrà nei prossimi mesi, quando lo scontro entrerà nel vivo. Noi siamo pronti a scoprirlo, ansiosi di vedere i tanti interessanti show e film con cui i servizi di streaming cercheranno di conquistare il nostro cuore. Prepariamoci, perché sarà un periodo davvero interessante

Jonny Cotton Cobra Kai T-Shirt Uomo Donna Unisex Fit Fan...
  • Maglietta Cult Movie Inspired Sold by Jonny Cotton UK!
  • Taglie maglietta (To Fit) – S: torace 90 cm, torace medio 90 cm, L: 100 cm, XL: torace 100 cm, XX-Large 100 cm.
  • Realizzato in 100% cotone biologico. Fondotinta Fairwair e certificato Peta.

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.