fbpx
CulturaNews

ZEISS attenta all’eco-sostenibilità delle proprie lenti

Dal 2018 ZEISS è molto attenta all’eco-sostenibilità, attuando alcuni accorgimenti sulla produzione e il packaging delle proprie lenti. ZEISS ha eliminato la quantità di plastica necessaria a produrre 2,5 milioni di sacchetti di plastica. Inoltre ha evitato emissioni CO2 pari alla quantità generata da una persona che vola 40 volte da Taiwan a Berlino. Grazie al miglioramento dei processi produttivi, ZEISS Vision Care ha risparmiato più o meno la quantità di acqua che bevono, in un anno, 180.000 persone.

Gli accorgimenti di ZEISS per l’eco-sostenibilità

Secondo un recente studio, il 79% degli italiani (più della media europea del 67%) quando compra un prodotto o un servizio tiene conto anche del potenziale impatto sul clima. Il 64% di essi, però, pensa che le aziende non si impegnino abbastanza su questo fronte.

A livello globale, ZEISS Vision Care, uno dei leader a livello mondiale nella produzione di lenti per occhiali da vista, rappresenta un’eccellenza nel proprio settore anche per quanto riguarda l’impegno nella eco-sostenibilità. Grazie alla propria esperienza e alla ricerca continua, l’azienda è in grado offre soluzioni per la salvaguardia del pianeta e venire incontro alle abitudini d’acquisto delle persone. Con oltre 240 iniziative attive in tutto il mondo, infatti, l’azienda promuove una produzione e logistica più ecologica. Il motto a cui si ispira è “Green, Safe, Responsible”.

Alcuni degli accorgimenti di ZEISS riguardo l’eco-sostenibilità attuati dall’azienda sono:

  • Nell’ambito della produzione di lenti, grazie all’utilizzo della prima serie di nuovi semifiniti, ZEISS è riuscita a eliminare 50 tonnellate di rifiuti di plastica in un anno. La stessa quantità di plastica che serve per produrre 2,5 milioni di sacchetti di plastica.
  • Grazie ad un minor utilizzo di materiale plastico, sono state evitate oltre 75 tonnellate di emissioni di CO2. Più o meno la quantità generata da una persona che vola 40 volte da Taiwan a Berlino.
  • Dal 2018, attraverso l’utilizzo di un packaging standard per le lenti semifinite, ZEISS ha risparmiato 68 tonnellate di carta all’anno. Più o meno l’equivalente di 1.600 alberi. 
  • Attualmente, ZEISS consuma 9.800 Megavattora (MWh) di energia elettrica rinnovabile nei propri siti produttivi. Evitando, così, 1.000 megatoni di anidride carbonica ogni anno. È stato calcolato che ci vorrebbero 7.000 alberi e un progetto di riforestazione di 30 anni per ottenere la stessa quantità di CO2.
Zeiss accorgimenti eco-sostenibilità
ZEISS ha ridotto del 46% il consumo dell’energia nell’ultimo decennio

Ma non è tutto

In Italia, a partire dal 1° dicembre 2019, ZEISS Vision Care ha attivato su tutto il territorio nazionale contratti di fornitura di energia elettrica ottenuta al 100% da fonti rinnovabili. In questo modo l’azienda non consumerà più energia prodotta da fonti fossili, ma solo da fonti rinnovabili come impianti eolici, fotovoltaici, idroelettrici, etc.

Anche l’acqua è un elemento primario quando si parla di produzione di lenti: migliorando i processi produttivi, ZEISS ha risparmiato 180.200 tonnellate di acqua, più o meno la quantità di acqua che bevono, in un anno, 180.000 persone.

I progetti futuri dell’azienda

L’utilizzo della plastica è, e rimane, una sfida nella produzione di lenti eco-sostenibili. Inizialmente le lenti semifinite erano molto più spesse ma, grazie all’aiuto di progettisti ottici, IT specialist e ad altri esperti, ZEISS ha progettato lenti più sottili che oggi arrivano persino a pesare la metà di quelle precedenti, riducendo in questo modo la quantità di plastica utilizzata.

Il riutilizzo di materiali avanzati è un’altra importante metodologia quando si parla di eco-sostenibilità. Il policarbonato, ad esempio, utilizzato nella produzione di lenti che necessitano di grande resistenza, può essere fuso e destinato ad altri utilizzi.

Anche in quest’ambito i reparti R&D ZEISS di tutto il mondo sono costantemente all’opera. Solo ricordandoci che l’innovazione è al servizio delle persone, è possibile fare dei concreti passi in avanti in ambito produttivo e continuare a prenderci cura dell’ambiente in cui viviamo.

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button