fbpx
Alfa Romeo Giulia GTA copertina

Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm, il ritorno di una sigla leggendaria


Ci sono poche sigle nella storia dei motori che emozionano tanto quanto GTA: Gran Turismo Alleggerita.
Da sempre, le Alfa Romeo che hanno la fortuna di sfoggiare questo simbolo sono il non plus ultra della Casa del Biscione.
E nuova Alfa Romeo Giulia GTA non fa certamente eccezione.
È lei il regalo per i 110 anni della Casa milanese, il ritorno dopo 55 anni della Giulia GTA.
La versione incattivita e alleggerita della già notevole Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio è pronta ad attaccare le strade e i circuiti di tutto il mondo.
A darle man forte ci pensa Alfa Romeo Giulia GTAm, la “modificata”, ancora più leggera, estrema e cattiva.

La sigla GTA: dalle corse al Busso fino ad oggi

Come detto, la sigla GTA fa parte della storia di Alfa Romeo fin dal 1965.
Proprio quell’anno Alfa Romeo era desiderosa di tornare a vincere nella Categoria Turismo.
Chiese così ad Autodelta, Casa friulana che si occupava dell’allestimento delle vetture da corsa del Biscione, di rivedere e correggere la non troppo vincente Giulia Sprint GT.

Alfa Romeo Giulia GTA Sprint

Il grande problema di Giulia Sprint GT era il peso eccessivo, che la rendeva poco competitiva.
Come fare allora? All’Ingegner Carlo Chiti, mente dietro all’Autodelta, venne in mente di sostituire i pannelli in metallo della carrozzeria con altri in Peraluman 25, una lega d’alluminio e magnesio leggerissima.
Vetri in plexiglas, componenti in magnesio e via, il gioco è fatto: la bilancia segna 735 kg, contro i 950 kg della precedente Sprint GT, un risparmio di oltre 200 kg.
Non manca poi il mitico Bialbero Alfa 1.6 da oltre 170 CV in configurazione gara (sono 110 in versione stradale) et voilà, Alfa Romeo Giulia GTA è servita.

Dopo di lei, poi, arrivarono Giulia GTA 1300 Junior, dotata di un più piccolo motore 1.3 da 150-160 CV in configurazione da gara (96 in versione da strada), la rarissima GTA SA, la SovrAlimentata, dotata di due compressori centrifughi e di oltre 230CV, e la mitica GTAm.
Questa derivava direttamente dalla GTA 1600, ma era dotata inizialmente di un più grande 1.8 da 210 CV, sostituito nel 1971 da un 2.0 da oltre 230 CV.
Completavano il quadro i parafanghi molto allargati per fare spazio alle ruote ancora più larghe.

Alfa Romeo GIulia GTA De Adamich

Le GTA ebbero una carriera piena di successi. Si guadagnarono 12 vittorie nel Campionato Turismo tra il 1966 e il 1971, ma soprattutto un posto nella storia della Casa italiana.
Sono infatti nel cuore di ogni alfista le immagini di Andrea De Adamich che con la sua GTAm sfreccia su tre ruote, con l’anteriore interna alzata, tra le curve dei circuiti di tutto il mondo.

In cosa si differenzia Alfa Romeo Giulia GTA (e GTAm) dalla “normale” Quadrifoglio?

Torniamo al presente: dopo 55 anni, rivediamo Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm nel listino del Biscione.
Com’è intuibile, Alfa Romeo Giulia GTA è basata sulla già notevole Giulia Quadrifoglio.

Con la Super Sedan “fortunata” condivide l’ottimo 2.9 V6 Biturbo. Sulla GTA però eroga 540 CV (+30 CV rispetto alla Quadrifoglio), accoppiato al solo cambio automatico a 8 marce.
Non saranno i 625 di cui si era parlato nelle scorse settimane, ma sono comunque sufficienti a regalare uno 0-100 km/h sotto i 4 secondi.

Giulia GTA poi ha carreggiate allargate di 50 mm sia davanti che dietro, freni carboceramici maggiorati e ruote con monodado centrale, soluzione derivata dalle corse e totalmente inedita tra le berline.
All’anteriore troviamo un paraurti ridisegnato, molto più aggressivo e dotato di uno splitter in fibra di carbonio che migliora la deportanza.

Anche al posteriore ci sono delle novità: un enorme diffusore posteriore in carbonio fa da casa a due enormi scarichi centrali, realizzati dall’azienda slovena Akrapovic, che migliora e incattivisce ulteriormente il suono.
Non possono poi mancare i loghi del Quadrifoglio e di Autodelta sul parafango anteriore, allargato rispetto alla Quadrifoglio come quello posteriore.

Alfa Romeo Giulia GTA GTAm pista 2

La GTA poi all’interno sfoggia sedili sportivi, carbonio ed Alcantara ovunque, e anche un divano posteriore dedicato a due passeggeri, per portare a scuola i figli.
Quello del divano posteriore è un lusso di cui non fa sfoggio la GTAm, la “modificata”, che offre solo i due posti anteriori.

La GTAm è infatti molto più estrema e “track-focused” rispetto alla già cattivissima GTA.
Viene infatti “dimenticato” il divano posteriore, sostituito da un estintore, un casco specifico e da un vistoso rollcage a cui si attaccano le cinture a sei punti degli spettacolari sedili in fibra di carbonio.
La GTAm è anche molto più leggera della Quadrifoglio di oltre 100 kg, grazie anche all’uso dei finestrini posteriori e del lunotto posteriore in Lexan, proprio come la antenata GTA.
Grazie ai soli 1520 kg, Giulia GTAm ottiene un rapporto peso/potenza di 2,82 kg/CV, al vertice della categoria.

Completano il quadretto “estremo” un alettone posteriore maggiorato sviluppato da Sauber Engineering (si, quelli della scuderia di Formula 1) e uno splitter maggiorato, per dare ancora di più in pista.

Solo 500 esemplari tra GTA e GTAm. Prezzo? Ancora inedito

Come l’originale Giulia GTA, anche la controparte moderna.
In cosa? Nel numero di esemplari prodotti. Saranno infatti solo 500 gli esemplari complessivi di Giulia GTA e GTAm prodotti da Alfa nello stabilimento di Cassino.
Il prezzo, però, non è ancora stato comunicato. Sicuramente sarà molto alto, e sicuramente sarà allineato alle rivali dirette come BMW M3 CS e Jaguar Project 8.

L’esperienza d’acquisto però sarà commisurato all’esborso economico.
Per ognuno dei 500 acquirenti, infatti, il percorso d’acquisto sarà personalizzato, personalmente assistito dall’ordine alla consegna.
Con ogni GTA verrà regalato al cliente un Experience Pack, comprendente un casco aperto Bell con livrea GTA, una tuta Alpinestars personalizzata, un corso di guida e un telo Goodwool personalizzato per la GTA.

Certo, Alfa Romeo Giulia GTA non sarà l’auto del rilancio di Alfa Romeo, quella che farà grandi numeri.
È però l’auto che dimostra la voglia di Alfa Romeo di dire la sua nel mondo delle Supercar prima, e delle auto “vere” poi.
È la più classica delle auto che dimostrano le vere potenzialità di un marchio che tutti noi, da italiani, speriamo di rivedere splendere di nuovo molto presto.

E voi? Cosa ne pensate? Vi piace nuova Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm? Siete colpiti dalla sua potenza o dall’estetica spaziale? Fatecelo sapere!

Cover Guscio Custodia in Pelle con Portachiavi per Chiave...
  • FUNZIONALITÀ: La cover realizzata in resistente ecopelle per le chiavi di non solo ripara dai graffi, grazie al suo...
  • DESIGN E FUNZIONE: La custodia evita che le chiavi della Vostra macchina graffino il telefono, non impedendo allo stesso...
  • COMPATIBILITÀ: Adatto per tipo di chiave Alfa Romeo 159 Giulieta Mito (compatibile solo se la forma e i numeri tasti...
1 STEMMA LOGO ALFA ROMEO GIULIETTA MITO 159 GT 147 ANTERIORE...
  • Dovete cambiare la fronte della fregio della tua ALFA ROMEO ma NON VUOI ACQUISTARE tutti il Maschera? Vuoi una soluzione...
  • Si compone di un adesivo fregio metallico sottile che deve essere applicato dove precedentemente c' era il fregio di...
  • Navigando su: – 147 – 159 – BRERA – GIULIETTA – MITO – GT – NUOVA SPIDER adatto anche all'...

Giulio Verdiraimo

author-publish-post-icon
Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link