fbpx
FeaturedTech

Amazon Echo Show vs Google Nest Hub: quale scegliere?

La sfida tra Amazon e Google in merito agli assistenti vocali non accenna ad arrestarsi. Il confronto si è ora spostato, infatti, nel campo degli assistenti vocali con schermo integrato. La risposta di Google alle versioni di Amazon Echo Show non è tardata ad arrivare con Google Nest Hub. 

Ma quali sono le differenze tra i due dispositivi? Quale scegliere? Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Partiamo però da una doverosa premessa. Il Google Nest Hub non è il diretto concorrente di Amazon Echo Show. Il dispositivo Google dovrebbe infatti confrontarsi con  Eco Show 5, una versione ridotta dell’assistente di casa Amazon. Questo significa che in questo articolo non verranno analizzati elementi come la qualità audio e video ma semplicemente la qualità e l’efficienza della loro assistenza.

Assistenti vocali + Display Touchscreen

Google Home Nest

I dispositivi sono molto simili a Google Home ed Amazon Echo, l’unica differenza sta nel riscontro visivo dell’assistenza. Per esempio, nel caso gli si dovesse chiedere il meteo del giorno, questi, oltre a rispondere alla domanda, mostreranno nel display anche la temperatura precisa e le variazioni meteorologiche che si prevedono nel corso della giornata. Le funzionalità che abbiamo imparato a conoscere sono quindi ampliate grazie alla presenza dello schermo.

Data la presenza dello schermo, la funzionalità più interessante è sicuramente quella di poter vedere video. In questo campo, le differenza non sono poche. Amazon si appoggia principalmente ad Amazon Prime Video dove è possibile guardare serie TV e film. Il servizio è gratuito per tutti gli abbonati ad Amazon Prime. È possibile usufruire solo di questo servizio o, in alternativa, per esempio per le clip musicali, a Vevo.

Google Nest Hub, dalla sua, ha a disposizione tutto l’ecosistema Google, molto più ricco. È possibile quindi utilizzare YouTube in Primis, un elemento non da poco per un dispositivo di questo tipo, ma anche Google Play Films. Sarà anche possibile usufruire dei servizi Google Chromecast per poter usare piattaforme come Infinity, Now Tv e, molto presto, anche Netflix. Tutti questi servizi video rendono Google Nest Hub più completo, da quest punto di vista, rispetto ad Amazon Echo Show.

Audio e Musica

Amazon Echo Show

Entrambi i dispositivi sono adibiti anche all’ascolto della musica. I servizi musicali sono gli stessi che è possibile trovare sui dispositivi senza display. Amazon Echo Show utilizza i servizi di Amazon Music ma funziona anche con Spotify, Deezer, Pandora o Tune In per poter ascoltare la radio. Anche Google Nest Hub può utilizzare i servizi appena citati con l’aggiunta, ovviamente, di YouTube Music. Un altro elemento da tenere in considerazione è che con Amazon Echo Show sarà possibile ascoltare gli audiobook attraverso il servizio Amazon Audible, integrato nel dispositivo.

Passiamo ora alla funzione di comunicazione con l’esterno. Con Amazon Echo show sarà possibile utilizzare le comunicazioni via Skype. L’Eco Show è dotato infatti di una telecamera per poter eseguire tranquillamente delle videochiamate. Google Nest Hub, d’altro canto, utilizza, invece di Skype, il software GoogleDuo e non dispone di una videocamera

Le funzionalità per la Smart Home sono praticamente identiche rispetto alle controparti prive di schermo. L’unico elemento degno di nota è la possibilità di utilizzare una telecamera di sorveglianza e vedere sullo schermo ciò che riprende. Entrambi i dispositivi vi permettono di avviare le routine della smart home (accensione luci, riscaldamenti, ecc…).

Prezzi e disponibilità di Amazon Echo Show e Google Nest Hub

Ognuno dei due dispositivi ha i suoi pro e i suoi contro. Amazon Echo Show è molto più grande e ha un audio molto potente. Ovviamente abbiamo anche prezzi molto diversi. 229,99€ per Amazon Echo Show Classico, ma è appena uscita la versione Amazon Echo Show 5 con display da 5 pollici al costo di circa 89€. Il Google Nest Hub, invece, ha un costo di circa 129€. Due prezzi differenti per due prodotti differenti.

Entrambi i dispositivi sono attualmente disponibili al pubblico.

Tags

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker