fbpx
NewsTech

Parte del bottino del maxi attacco hacker è stato restituito a Poly Network

Nei giorni scorsi la piattaforma ha registrato la sottrazione di oltre 600 milioni di dollari in criptovalute

Nei giorni scorsi è andata in scena la più grande truffa di sempre nel mondo delle criptovalute con la sottrazione dell’equivalente di oltre 600 milioni di dollari alla piattaforma Poly Network. Le indagini sull’accaduto sono ancora in corso. Nel frattempo, però, si registra un inaspettato sviluppo. In queste ore, infatti, gli hacker protagonisti della maxi truffa hanno restituito una parte di quanto sottratto.

Parte del bottino della truffa è stato restituito a Poly Network

Subito dopo il furto, Poly Network aveva pubblicato una lettera aperta agli hacker. In questa lettera veniva chiesto agli hacker di restituire quanto sottratto. In qualche modo, la lettera sembra aver funzionato, almeno in parte. In queste ore, infatti, Poly Network ha confermato la restituzione di parte del bottino sottratto nei giorni scorsi. In particolare, la società ha ricevuto indietro l’equivalente di circa 256 milioni di dollari nel corso della giornata di mercoledì.

Le indagini continuano

Nel frattempo, le indagini sul caso continuano. Secondo un provider di sicurezza blockchain, Slowmist, alcuni indirizzi IP e le informazioni e-mail degli attaccanti sarebbero stati individuati. Queste tracce potrebbero consentire di risalire, anche in modo parziale, agli hacker protagonisti della truffa. Il nuovo passo in avanti delle indagini potrebbe rappresentare una delle motivazioni che spinto gli hacker a restituire parte di quanto sottratto.

Maggiori dettagli in merito alle indagini potrebbero emergere nel corso dei prossimi giorni. La restituzione di parte del bottino (meno della metà) non mette la parola fine alla questione. Ulteriori sviluppi potrebbero arrivare a breve

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button