!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
banda ultralarga uania italia

Uania vince la sfida della banda ultralarga
Un giovane pugliese trova la chiave per accelerare la connessione


L’accesso a una banda ultralarga non è così scontato nel nostro Paese. Il problema del digital divide tra le varie città e Regioni d’Italia è decisamente sentito. Per fortuna si può sempre contare sul proverbiale ingegno degli italiani, capaci di trovare soluzioni originali. E infatti Giuseppe Dipierro, giovane diplomato in informatica, ha avuto un’intuizione fondamentale che è stata la scintilla per la nascita di Uania.

Uania porta la banda ultralarga anche dove non è accessibile

banda ultralarga uania italiaL’idea alla base è quella di unire più linee WAN in una sola, aumentando di conseguenza la velocità di connessione anche nelle zone più periferiche. In particolare questo può aiutare le cosiddette zone grigie o bianche, che sono oltre 7.000 aree industriali su 11.000 in tutta Italia. Proprio dal principio WAN-In-One nasce il nome di questa startup di Monopoli.

Tutto passa dall’UaniaBox, un dispositivo semplice da installare, e di un servizio a canone chiamato UaniaCloud. Con questi semplici passaggi sarà possibile anche per le compagnie in aree geografiche con minore accesso alla rete veloce ottenere connessioni performanti e stabili. Un concetto che potrebbe aiutare tantissimi imprenditori di tutta Italia, soprattutto in questo momento complesso.

Stefano Aversa, Fondatore e CEO di Uania, la racconta con queste parole:

Proprio in questi giorni il digital divide è un argomento di discussione nell’agenda del Paese. Ci si chiede se il via libera alla rete unica per la banda larga riuscirà davvero a colmare questo gap infrastrutturale, e in quali tempi. Nella realtà dei fatti, la lentezza di connessione incide fortemente sulla produttività e la business continuity di molte piccole e medie realtà sul territorio.

Il nostro mondo e le nostre abitudini quotidiane si stanno modificando rapidamente, viviamo tutti il cambiamento legato alla pandemia. Sempre più persone, che siano aziende, professionisti o utenti privati, hanno l’esigenza di connettersi o lavorare in smart working e devono poter fare affidamento sulla qualità e sulla velocità di connessione.

In moltissime aree la fibra non c’è ancora e probabilmente ci vorranno anni prima che arrivi. In Uania abbiamo immaginato un mondo in cui ci si possa connettere ovunque, senza limiti di connettività, e abbiamo trovato una soluzione semplice e già disponibile per realizzarlo“.

Per maggiori informazioni sulla banda ultralarga di Uania, vi invitiamo a visitare il sito ufficiale della startup.


Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link