!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
Tech Week ebay

eBay chiude a Beppe Grillo
Dopo aver messo in vendita delle pietre per "smerigliare il cervello", Grillo è stato sospeso dalla piattaforma.


In queste ultime ore eBay ha bloccato l’account di Beppe Grillo, il fondatore del Movimento 5 Stelle, per aver pubblicato l’annuncio di vendita di un prodotto inesistente. Proprio ieri, a nome di “elevatobeppegrillo”, il politico ha messo in vendita una “pietra pomice per smerigliare il cervello dalla stupidità umana”. Il prezzo? “Mille euro a pezzo, di meno non posso fare”.

L’ennesima provocazione del popolare personaggio e politico italiano, che questa volta non sembra averla passata liscia. Dato che l’annuncio ha chiaramente violato le regole della piattaforma, eBay ha infatti deciso di rimuoverlo, prendendo seri provvedimenti nei confronti dello stesso Grillo. A partire da oggi, il fondatore del M5S è ufficialmente espulso dal sito di shop online, su cui non può fare ritorno in alcun modo.

A riferire la decisione di eBay è proprio Beppe Grillo, che ha condiviso sul suo profilo Facebook l’annuncio che gli è stato inviato dalla piattaforma. “Gentile elevatobeppegrillo, dopo aver esaminato le attività correlate al tuo account abbiamo deciso di sospenderlo in quanto riteniamo che tali attività costituiscono un rischio per la community di eBay. Non abbiamo preso questa decisione con leggerezza.  È tuttavia nostra priorità garantire un mercato affidabile in cui persone da tutto il mondo possano acquistare e vendere in sicurezza“.

ebay Beppe Grillo

La sospensione è permanente, il che significa che il politico “non potrà più prendere parte ad attività di acquisto o di vendita su eBay in futuro“. E così, non potendo utilizzare la piattaforma, Grillo si è rifatto su Facebook, pubblicando un post che lo ritrae nell’atto di vendere la pietra pomice “introvabile su eBay”. Una provocazione che si aggiunge ad una provocazione, e che sembra riscuotere consensi e critiche in maniera eguale. Certo, il politico è noto per le sue iniziative plateali, ma con le regole dei sito di shopping online non si scherza. Che si tratti di una provocazione o meno, eBay non perdona. E Grillo può dire addio alle iniziative sulla piattaforma.

 


Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link