fbpx
coreano-autodidatta-tempio-tech-princess

Come sto imparando il coreano da autodidatta: consigli, trucchi e solidarietà
Un viaggio in Oriente grazie ad applicazioni, libri e siti web


Imparare una nuova lingua può essere un’esperienza grandiosa e difficile allo stesso tempo, specialmente se si decide di farla da autodidatta – e se si sceglie una lingua come giapponese, cinese o coreano. Mesi fa, presa dalla noia e dalla curiosità, ho deciso di catapultarmi in questa magistrale impresa e provare ad imparare il coreano da sola.

Mi sono detta, tra me e me: “Dai su, la lingua un po’ la capisci con tutte quelle dannate serie tv che guardi ogni giorno. Poi, come se non bastasse, ti sei anche buttata verso la musica e il K-Pop quindi, che sarà mai?”

Miei cari amici, l’impresa è stata – ed è ancora – molto ardua ma con costanza, qualche piccolo pianto isterico e determinazione, riusciremo a farcela. I consigli che vi darò possono essere applicati più o meno ad ogni lingua, sia occidentale che orientale. I fondamenti rimangono quelli: costanza, impegno e pratica. L’unica differenza sono le app, ma ora vediamo tutto con calma e insieme.

Imparare il coreano da autodidatta? Si, può, fare!

coreano-autodidatta-tech-princess

Iniziamo dalle basi: per prima cosa avete bisogno di motivazione e voglia di imparare. Sappiate che imparare una nuova lingua non è semplice, specialmente se si tratta di una lingua orientale. Per quale motivo dico questo? Perché dobbiamo fare i conti con un alfabeto completamente diverso dal nostro, caratterizzato da segni strani, movimenti precisi e altre difficoltà.

Io ho deciso di imparare il coreano perché da anni, ormai, sono entrata nel mondo dei kdrama e della musica orientale. Con il passare del tempo mi sono resa conto che questi nuovi suoni mi piacevano molto e ad un certo punto alcuni li riconoscevo anche.

Imparare una lingua, per me che ho seguito studi linguistici, è una bella cosa. Quindi mi sono rimboccata le maniche e ho iniziato con delle ricerche su Internet.

Uno dei principali svantaggi, per quanto riguarda l’utilizzo di app apposite, è che il coreano – così come il cinese o il giapponese – non ci sono in italiano. Mi spiego: se volete imparare una di queste lingue, ovviamente volete farlo nella modalità “italiano-coreano”. Ecco, purtroppo queste lingue orientali sono ancora lontane e disponibili solo nella modalità “inglese-coreano”.

Quindi se come me masticate bene l’inglese, non avrete problemi con queste app. Se invece preferite imparare una nuova lingua partendo dall’italiano, potete saltare la sezione applicazioni e andare nella prossima, in cui parleremo di libri e serie TV.

Duolingo, la migliore applicazione in circolazione?

coreano-duolingo-tech-princess

Di applicazioni per imparare il coreano ce ne sono davvero tante. Non avete idea di quante volte abbia cliccato “installa/disinstalla” nel corso dei mesi. Se però dovessi consigliarvi l’app che non ho mai disinstallato e che non mi ha mai delusa, nominerei senza ombra di dubbio Duolingo.

Ovviamente dovete impostare il telefono in inglese, in modo che possa offrirvi la possibilità di imparare il coreano – purtroppo la lingua, come abbiamo detto prima, non è disponibile in quelle da poter imparare se si è madrelingua italiano.

Ho sempre apprezzato questa applicazione, sia per l’aspetto minimal che per ciò che offre. La prima cosa che vi consiglio per imparare una nuova lingua orientale, in questo caso il coreano, è quella di imparare alla perfezione l’alfabeto. In un certo senso deve diventare come l’Ave Maria.

L’alfabeto in questione si chiama hangul (한글) e la scrittura coreana, a differenza di quella cinese o giapponese, non è caratterizzata dall’utilizzo di ideogrammi ma utilizza un alfabeto fonetico, in cui a ogni simbolo corrisponde un suono. Il mio consiglio è quello di prestare attenzione a ciascuno di essi e di impararli al meglio.

Una volta superato il problema dell’hangul, il resto sarà molto più semplice. L’errore che spesso fanno le persone è quello di affidarsi al Romanization System ovvero scrivere accanto a ciascuna lettera dell’alfabeto il suo suono specifico con il nostro alfabeto, per sentirsi più a casa.

Ad esempio, questo simbolorappresenta la A ed è quindi una vocale. Evitate di fare ciò che ho fatto poco fa, perché ciò che dovere riuscire a fare è riconoscere subito se quel simbolino è una consonante, una vocale e quale. In questo modo, quando inizierete a leggere, riuscirete a farlo con molta più facilità.

Un aspetto interessante di Duolingo è proprio questo, l’app offre infatti numerose lezioni sull’alfabeto. Lezioni sulle consonanti, sulle vocali e poi sulle varie combinazioni in gruppi sillabici. Duolingo offre anche molti aiuti dal punto di vista dall’ascolto.

Cliccando su ogni simbolo – chiamiamoli così per semplificare – l’app ci dirà il modo in cui si legge. A lungo andare questo sistema ci aiuterà a distinguere i vari suoni, in particolare perché molti si somigliano tra di loro. Mano a mano che si sbloccano nuove sezioni, arriviamo a determinati checkpoint che a loro volta ne sbloccano altre – ad esempio i verbi, gli aggettivi etc.

Assicuratevi di imparare bene l’alfabeto. Senza di esso, non si va da nessuna parte. Un altro consiglio è quello di prendere un quaderno ed appuntarvi le lezioni che fate su Duolingo o altre applicazioni. In questo modo, prima di iniziare una nuova lezione, potete ripassare velocemente quella precedente. Inoltre è anche un ottimo modo per esercitarsi con la scrittura e migliorare.

Duolingo è un’app gratuita ma esiste anche la versione Plus che vi offre altre funzionalità – ad esempio elimina la pubblicità, offre lezioni in modalità offline e altro. Io uso quella gratuita e sinceramente mi ci trovo molto bene. La pubblicità non è per niente stressante e riesco a terminare le mie lezioni al meglio.

Un altro punto a favore di Duolingo è quel dolce uccellino verde che ci motiva sempre di più quando indoviniamo per più volte di fila le risposte. Sapevate che potete anche impostare un reminder? In questo modo, alla stessa ora tutti i giorni, il piccolo Duo vi ricorderà che è il momento di studiare coreano.

Altre applicazioni per imparare il coreano da autodidatta

JohnKorean-tech-princessUn’altra app molto interessante è JohnKorean (nota anche come Patchim Training: Learning Korean Language). Si tratta di un’applicazione molto semplice, con una grafica quasi a mo’ di videogioco, decisamente carina e stimolante.

JohnKorean si comporta un po’ come Duolingo, ovvero è suddivisa in numerose sezioni. Ciascuna sezione è poi suddivisa in quattro gruppi e ciascun gruppo, a sua volta, contiene molte lezioni.

Per farvi un esempio, la sezione Hangul Training (quindi allenamento con l’alfabeto) è suddivisa in quattro gruppi: Beginner (principianti), Construct (costruzioni in gruppi sillabici), Basic e Words. Il primo gruppo – Beginner – conta circa 168 lezioni, il secondo 228 e così via.

La particolarità di questa applicazione è il tempo richiesto per terminare le lezioni: con circa 3 minuti si finisce una lezione, si impara e ci si diverte anche.

All’interno di questa applicazione si trovano numerose sezioni tra cui illustrazioni, numeri ed esercizi di ascolto e scrittura. Ogni lezione dura poco, proprio per permettere all’utente di imparare velocemente e in modo semplice. Un altro elemento simpatico riguarda la possibilità di ricevere delle flash card al termine di ogni lezione: ciascuna di esse rappresenta un ingrediente specifico.

Quando avete terminato un determinato numero di lezioni ed ottenuto lo stesso numero di flash card, sbloccherete delle ricette gustose. Ovviamente dovete indovinare tutto e non commettere errori se volete ottenere la vostra flash card.

Un’altra applicazione che vi consiglio è Simply, il cui nome dice già tutto. In realtà non è una delle migliori app, io la utilizzo quando voglio prendere appunti sul mio quaderno o conoscere nuovi modi di dire.

Ad esempio all’interno dell’app c’è la sezione numeri in cui, cliccando su uno di essi, otteniamo il modo in cui si scrive e sentiamo il modo in cui si pronuncia. Se lo vogliamo possiamo anche cliccare sulla piccola icona della lumaca a destra, che ci permette di riascoltare più lentamente la pronuncia.

Questo è ciò che offre.

Simply la utilizzo principalmente per integrare altri termini e vocaboli, molto utili quando si apprende una nuova lingua. Non ci sono giochi o esercizi, sono più termini, modi di dire, espressioni che si possono utilizzare per allargare il nostro vocabolario. Semplice, come suggerisce il titolo ma molto utile.

Impara il Coreano
Impara il Coreano
Price: Free+

Libri, siti web, serie TV e musica: gli ingredienti perfetti per imparare una lingua

Passiamo adesso alla sezione siti web, libri, serie TV e molto altro ancora. Se volete ampliare la vostra rete di conoscenze e avere a disposizione nuovi modi per imparare una lingua straniera, vi consiglio l’utilizzo di alcuni siti web.

Ovviamente, rispetto alle applicazioni, dovrete prendere più appunti, scrivere di più e impegnarvi. Il primo sito con il quale ho iniziato questa avventura è How To Study Korean. Il sito è principalmente in inglese ma avrete la possibilità di scegliere la lingua con cui iniziare perché le lezioni presenti sono disponibili in più lingue tra cui italiano, tedesco, spagnolo, russo e anche francese.

Il sito vi offre circa 158 lezioni suddivise in 7 unità: grammatica, verbi, aggettivi, tutto quello di cui avete bisogno per imparare il coreano da autodidatta. Prendete il vostro quaderno preferito e iniziate ad  imparare. Il vantaggio di questo sito è che, se volete, potete anche scaricare in PDF le varie lezioni così da poterle salvare in una cartella sul vostro PC e guardarle quando volete.

Ovviamente tutto il materiale disponibile è gratuito.

Un altro sito, forse leggermente più complicato è Talk to me in Korean – di cui è presente anche l’applicazione per iOS e Android che però ancora non ho provato. Questo sito offre materiale gratuito e materiale premium, quindi a pagamento.

Io ho sempre utilizzato quello gratuito e devo ammettere che le lezioni presenti sono molto variegate, utili e ben strutturate. Anche qui abbiamo la possibilità di lavorare molto sulla grammatica e, in particolare, sull’ascolto. Purtroppo il sito in questione è disponibile solo in inglese ma è decisamente uno dei migliori in circolazione.

Talk to me in Korean offre molti video sottotitolati con l’hangul che ci permettono di fare pratica con l’ascolto e le parole. Ci aiutano con la pronuncia e sono anche utili per aumentare il bagaglio culturale che ci portiamo sulle spalle. Il sito offre anche libri appositi che ancora non ho avuto modo di acquistare: basandomi però su ciò che ho imparato sul sito, credo siano affidabili.

Oltretutto il sito offre anche consigli da parte di esperti per imparare la lingua. Un altro elemento molto interessante è la possibilità di accedere al canale Discord del sito e parlare con persone che, come voi, stanno imparando la lingua e anche con esperti. Al momento il gruppo conta circa 8,000 membri e ammetto di essermi divertita molto: nonostante gli errori e il fuso orario, è un’esperienza da vivere.

Per quanto riguarda la sezione libri, al momento ne ho acquistati pochi ma ve li riporto qui sotto in modo che possiate dare loro un’occhiata. Avere qualcosa di concreto sotto mano è molto utile, quindi alcuni di voi potrebbero sentirsi più a loro agio.

Serie TV e K-Pop, la chiave vincente per imparare il coreano da autodidatta?

imparare-coreano-autodidatta-tech-princess

Finalmente siamo arrivati al motivo per cui ho deciso di imparare il coreano da autodidatta e anche uno dei metodi migliori per migliorare la lingua: sto parlando di K-Drama, comunemente noti anche come serie TV asiatiche. Io li guardo sia su Netflix che su Viki.com ma questo sito è molto più comodo.

Viki.com è un sito web che trasmette solo serie TV asiatiche, film e anche reality show (cinesi, giapponesi, coreani etc). Come quasi ogni cosa su questo pianeta, è disponibile la modalità free e quella premium. Nonostante il mio amore indiscusso per la Corea, io utilizzo la modalità free.

Con quella premium si elimina la pubblicità, si possono vedere le serie in HD e si ha accesso ad alcuni contenuti esclusivi – state tranquilli che però diventeranno poi disponibili anche per noi comuni mortali. La versione free in realtà è molto buona, la qualità non è affatto pessima e a volte si avvicina all’HD.

L’unico punto a sfavore è la pubblicità ogni 10/15 minuti ma dopo un po’ ci farete l’abitudine.

Perché dico che questo sito è ottimo per migliorare la lingua? Innanzitutto sentirete persone reali e di quel preciso Paese parlare la lingua che state imparando. Poi, oltre ai sottotitoli in italiano, potete attivare un aiuto. Sopra questi sottotitoli ne avrete altri, in lingua coreana, che vi aiuteranno a collegare ciascun suono al simbolo.

Se decidete di vedere una serie TV sul pc potete anche cliccare sul simbolo che non capite e, accanto ad esso, comparirà una traduzione e alcuni esempi. Certo, all’inizio può essere complicato stare dietro a tutto ma piano piano ce la farete.

L’ultimo modo per imparare nuovi termini e fare esercizio è decisamente il K-Pop. In poche parole è musica coreana fatta, appunto, da persone coreane. Il vantaggio del vivere in un periodo tecnologicamente avanzato è la possibilità di cercare i testi delle canzoni e trovarli scritti in hangul e tradotti. So che sarete tentati di leggere le versioni semplificate, per un breve periodo di tempo l’ho fatto anche io, ma buttatevi direttamente sull’hangul. Mi ringrazierete poi.

In generale si trova molto materiale: dalle band più famose alle OST dei K-Drama – quelle con cui ho iniziato io. Ci sono molte band e canzoni in giro per YouTube, vi basta cercare e trovare il genere più adatto a voi. Per ora mi limito ad ascoltare le mille OST (original soundtrack) delle serie TV che ho visto nel corso degli anni. Per quanto riguarda le band, invece, al momento ne ho solo due, i BTS e le BlackPink.

Questi sono i miei consigli per voi. Ovviamente dovete tenere a mente che non è un’impresa semplice, dovete riuscire ad organizzare bene il vostro tempo e tirare fuori il meglio da ogni applicazione, dividervi tra quaderno e PC ed impegnarvi.

Tutt’ora faccio fatica a conciliare tutto, quando si ha troppa libertà spesso è difficile ottenere ottimi risultati ma ve lo ripeto: costanza, impegno e ce la farete. In circa quattro mesi il mio livello è migliorato abbastanza e sono certa che continuerà a farlo. Ora attendo solo voi per conquistare il mondo a suon di K-Drama e K-Pop.

Offerta
Corso di lingua coreana. Con 2 CD Audio
  • Bruno, Antonetta Lucia (Author)

Veronica Ronnie Lorenzini
Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.