fbpx
News

Cuba blocca l’accesso a Internet dopo le proteste

I social vengono utilizzati dai dissidenti del Governo cubano

Dopo le proteste di questi giorni, il Governo di Cuba avrebbe bloccato l’accesso ad Internet per gli utenti con l’impossibilità di accedere a social network e servizi di messaggistica. La conferma è arrivata da NetBlocks, un’organizzazione con sede a Londra e che si occupa del monitoraggio degli accessi ad Internet in tutto il mondo.

Bloccati Facebook, Telegram e altri servizi Internet a Cuba

Il blocco (parziale) sarebbe attivo da lunedì. Secondo quanto riportato da Reuters, inoltre, gli utenti a L’Avana non avrebbero accesso alla connessione dati. Tra i servizi bloccati dal Governo di Cuba ci sarebbero i vari social network come Facebook e Instagram. Anche le applicazioni di messaggistica come WhatsApp e Telegram sarebbero limitate.

Nelle ultime settimane, i social network e le applicazioni di messaggistica hanno rappresentato la principale piattaforma di dissenso contro il Governo di Cuba. Le autorità cubane, quindi, hanno scelto di limitare gli accessi ai servizi web più “social” per ridurre l’effetto delle proteste registrate in questi giorni.

La crisi colpisce l’isola

Secondo le stime pubblicate da Amnesty International, dopo gli scontri registrati in questi giorni a Cuba, ci sarebbero stati oltre 140 arresti. Sull’isola è in corso una grande crisi economica legata anche alla pandemia di COVID-19 ed ai suoi effetti sul turismo.

Nel corso dei prossimi giorni dovrebbero arrivare nuovi aggiornamenti sulla questione legata all’accesso ad Internet a Cuba. Attualmente, l’accesso ad app di messaggistica e social network continua ad essere limitato.

Cuba Heart Flag Cute Northern America Spanish Cuban Gift...
  • Cuba Bandiera del cuore Carino regalo cubano spagnolo dell'America del Nord
  • This cute Cuba Heart Flag t-shirt is a perfect gift and present for cubans, spanish, north americans, artists and...
  • Leggera, taglio classico, maniche con doppia cucitura e orlo inferiore

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button