fbpx
CulturaNewsTech

Gli errori da non ripetere nel dating secondo Once

L'app di "slow dating" ha chiesto a una psicologa come non incappare nei soliti errori in cerca di una relazione

Il dating online non è più considerato un tabù e non serve solo per rapporti occasionali. Quelli di Once ci credono e propongono la teoria dello “slow dating” per trovare delle relazioni durature. Per farlo però c’è bisogno di liberarsi degli schemi mentali del passato, evitando di ripetere gli stessi errori in continuazione. Secondo uno studio dell’Università di Toronto, si cerca sempre lo stesso tipo di partner anche quando si è consapevoli che non sia la persona giusta per noi. Quelli di Once hanno allora chiesto alla psicologa e psicoterapeuta Ilaria Merici qualche consiglio per trovare il partner giusto durante il dating online.

Sbagliare non è un delitto, anche nel dating online

La dottoressa Merici lo metto in chiaro fin da subito: “Credo sia importante recuperare il diritto all’errore”Sbagliare non è un reato o qualcosa di cui incolparsi in continuazione: è esperienza. Quindi se avete dato troppa fiducia oppure vi siete lasciati comandare troppo, prendetene coscienza e cercate di imparare. Perseverare può anche essere diabolico ma addossarsi la responsabilità delle scelte altrui è ancora più pericoloso. “Più sano è accettare a volte di non avere alcun potere sugli altri e cambiare direzione”. 

Capire cosa rende vulnerabili

Quando la vostra relazione, nata dal dating online o in qualsiasi altro modo, si interrompe è un momento buono per cercare un po’ dentro di sé. Non c’è bisogno di viaggi introspettivi estremi come si vede nei film, basta prendere consapevolezza delle proprie scelte in campo sentimentale e capire gli schemi che si continuano a seguire. Essere brutalmente onesti con se stessi è il primo passo per trovare la persona e la relazione giusta. Magari chiedendo aiuto a qualcuno: “I meccanismi coscienti sono la minima parte. Occhi e orecchie esterni, professionali e non, possono aiutarci a fare qualche utile riflessione”.

once dating online

Niente decisioni avventate nel dating online

Molte app per il dating online hanno un approccio molto superficiale alla presentazione di sé. Vediamo una foto attraente, un interesse in comune e rischiamo di dipingere una quadro mentale ideale dell’altra persona. Per questo motivo Once promuove lo slow dating: un investimento consapevole e rispettoso del processo di conoscenza di una persona.

Per renderci interessanti, tutti mostriamo le foto migliori e usiamo le parole più accattivanti per descriverci”, spiega la dottoressa Merici. “Si mostra l’argenteria a un nuovo ospite! Ma è un falso sé. E se è naturale che esista, meglio tenere presente questo step del processo, anche per se stessi, e darsi il tempo per ridefinire le reali caratteristiche delle persone, con un po’ di conversazione e poi una conoscenza più vicina e approfondita”.

Offerta
Apple iPhone 11 Pro (64GB) - Grigio Siderale
  • Display super retina xdr da 5,8" (oled)
  • Resistente alla polvere e all'acqua (4 metri fino a 30 minuti, ip68)
  • Sistema a tripla fotocamera da 12mp (ultra-grandangolo, grandangolo e teleobiettivo) con modalità notte, modalità...

Padroni delle proprie scelte

Prendere consapevolezza delle proprie scelte significa anche accettarne la responsabilità. Abbiamo diritto e dovere di circondarci solo di persone che ci fanno sentire bene. “Tollerare più del dovuto e attendere che l’altro cambi atteggiamento è un modo per diventare passivi rinunciando alla propria agency. Molti pensano che sia meglio piuttosto che niente, si accontentano per tenere lontana la solitudine”, conclude la Dottoressa Merici. “Propongo di considerare che niente è meglio che poco. Il poco ci fa pensare di valere poco. E se pensiamo di valere poco, attireremo poco. Solo focalizzandosi su se stessi è possibile spezzare questa catena”.

Dopo aver analizzato le vostre scelte passate, potete iniziare a guardare al futuro. Magari provando lo slow dating online di Once.

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button