fbpx
CulturaLifestyleNewsSpettacoli

Dove guardare tutte le partite di Champions League

I tifosi di Atalanta, Inter, Juventus e Milan (oltre a tutti gli amanti del calcio) devono destreggiarsi fra più piattaforme. Ecco come farlo

La Champions League sta per iniziare. Martedì 14 settembre i tifosi di Atalanta e Juventus sentiranno l’inno magico della competizione UEFA, mentre quelli di Inter e Milan saranno in trepidazione per l’esordio il giorno dopo. Ma dove vedere tutte le partite della Champions League 2021/22, fra match in chiaro, in abbonamento e in streaming? Ecco un breve riepilogo per sapere sempre dove ammirare le azioni e i gol europei per tutti i tifosi e gli amanti del bel calcio.

Dove guardare le partite della Champions League 2021/22

Quest’anno il solito puzzle dei diritti televisivi per la Champions League trova un altro importante giocatore: Amazon Prime Video, che trasmetterà in streaming alcune partite in esclusiva per questa Champions League. A queste si aggiungono i match in chiaro su Mediaset, quelli che possono vedere gli abbonati di Sky e NOW e quelli di Infinity+, con la possibilità di abbonarsi anche tramite TIM Vision.

Quindi ecco un piccolo riassunto di come poter guardare tutte le partite della vostra squadra del cuore per i atalantini, interisti, juventini e milanisti oppure per gli amanti del calcio in generale. La musichetta della Champions fa emozionare i tifosi ma promette grande calcio anche agli spettatori neutrali.

champions league italiane dove vedere-min

La Champions League su Mediaset, fra abbonamenti e partite gratis in chiaro

Quest’anno Mediaset adotta due modalità diverse per seguire l’evento calcistico più prestigioso di tutti. Infatti una parte della trasmissione sarà in chiaro: gratis per tutti quelli che hanno una TV collegata al digitale terrestre o un collegamento in streaming. Su Canale 5 e in streaming gratuito su Infinity infatti trovate una partita che Mediaset ha scelto come migliore ogni martedì. Le prime due saranno Malmö vs Juventus del 14 settembre e Milan vs Atletico Madrid di martedì 28 settembre.

(Quasi) Tutti gli altri match saranno disponibili sul pacchetto a pagamento in streaming Mediaset Infinity+, che prevede un abbonamento di 7,99 euro al mese che potete sottoscrivere qui. In alternativa, Infinity+ è incluso nell’abbonamento Tim Vision Calcio con DAZN, in modo da poter vedere sia la Serie A che la Champions League.

In totale quindi Mediaset trasmette 121 partite su 137 totali (preliminari esclusi), di cui 17 saranno in chiaro e 104 su Infinity+. Dal totale sono quindi escluse quelle di Amazon Prime Video.

Le partite di Champions che potete vedere con Sky e su NOW

Anche Sky offre 121 partite di Champions League, tutte quelle che non sono esclusiva Amazon Prime Video. Sui canali di Sky Sport e in streaming su NOW potete godervi tutte le partite del martedì, mentre il mercoledì ce ne sarà una che non resta esclusiva Amazon.

champions league partite streaming dove-min

Potete guardare acquistare il pacchetto Sky Sport a 16 euro al mese, oppure abbonarvi al servizio in streaming NOW, che permette di vedere le stesse partite (se avete una buona connessione è comodo, non servono decoder di alcun tipo). Il costo è di 14,99 euro per il pacchetto Sport e potete sottoscriverlo qui. Se amate il cinema e le serie TV di qualità, date un’occhiata anche ai pacchetti per l’intrattenimento, al momento della stesura di quest’articolo è in grande sconto.

Le partite in esclusiva di Amazon Prime Video

Amazon ha già trasmesso su Prime Video la Super Coppa Europea, lanciando ufficialmente il suo primo anno di streaming nella competizione calcistica più grande al mondo. Ora inizierà a trasmettere una gara settimanale della Champions League 2021/22. Hanno un team di commentatori davvero eccezionale, date un’occhiata all’articolo qui sotto per conoscere i dettagli.

Da questo mercoledì, su Prime Video trovate la partita scelta come migliore ogni mercoledì (qui trovate le prime tre). In totale ha diritto in esclusiva a 16 partite (più la Super Coppa già vinta ai rigori dal Chelsea). Le partite saranno visibili a chiunque abbia sottoscritto un abbonamento Prime, senza nessun sovrapprezzo. Ricordiamo che costa 36 euro all’anno o 3,99 euro al mese, con quello di prova gratuito per chi non fosse ancora abbonato (potete farlo qui). Oltre al calcio, trovate tantissime serie e film originali. Inoltre potete accedere ai servizi di streaming musicali, Prime Reading, alle consegne rapide da Amazon e molto altro.

Facciamo notare però che guarderete le migliori gare in esclusiva ogni mercoledì e le sintesi delle altre partite, con i vari approfondimenti. Ma non è inclusa la finale (che però potete vedere in chiaro su Mediaset).

champions-league-2021-2022-calendario-date-758x426-min

Quale abbonamento conviene fare per chi vuole guardare la Champions League

Se siete solamente appassionati di calcio ma non tifate nessuna delle quattro italiane, potreste scegliere di guardare una partita in chiaro il martedì su Mediaset o Infinity, per poi guardare il match del mercoledì su Amazon Prime Video. Chi ha già sottoscritto un abbonamento al servizio Prime di Amazon non deve pagare un solo euro in più per guardare il buon calcio ogni settimana, due volte alla settimana.

Chi invece tifa Atalanta, Inter, Juventus o Milan, oppure chi vuole avere la possibilità di scegliere sempre il match migliore (o fare binge watching di tutte le partite in differita streaming) deve sottoscrivere almeno due abbonamenti. Ad Infinity+ o Sky/NOW per guardarsi 121 partite, compresa la finale (che però sarà anche in chiaro). Quello di Amazon Prime Video per le 16 gare che mancano.

La differenza quindi sta soprattutto nella possibilità di scelta: per non perdervi nessuna partita, dovete abbonarvi. Ma in ogni caso, potete trovare il meglio del calcio in TV o in streaming e tifare la vostra squadra del cuore. Incrociando le dita e sperando di vedere azioni e goal indimenticabili, come la Champions League ci ha abituato.

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button