fbpx
News

Epic Games trascina ancora Google in tribunale

Nuovo episodio della diatriba Epic-Google. Questa volta lo sviluppatore di Fortnite ha portato il colosso tecnologico al cospetto della Corte Federale dell’Australia. L’accusa è quella di detenere un “quasi monopolio” sulla distribuzione delle App e sui pagamenti nel mercato Android, imponendo una serie di restituzioni “contrattuali e tecniche” agli sviluppatori con cui collabora. Stando a quanto sostenuto da Epic, queste regolamentazioni che il colosso impone ai suoi partner rappresenterebbero una violazione dello leggi sulla concorrenza in Australia.

Epic Google

Epic vs Google: la guerra legale continua

Google da l’illusione di essere aperto argomentando sulla presenza di App Store alternativi sulla sua piattaforma o consentendo il download diretto di App da fornitori di terze parti”, così ha affermato Tim Sweeney, CEO di Epic Games. “In realtà, queste situazioni sono così rare che a malapena intaccano “. E per quanto riguarda la situazione australiana, lo sviluppatore di Fortnite ha ragione. Google controlla poco meno della metà della quota del mercato per circa 20 milioni di smartphone in tutto il Paese. E come sottolinea Epic nella sua dichiarazione, circa il 90% delle App presenti sui telefoni sono scaricate dal Google Play Store.

Questo dato è stato riferito dalle stesse autorità australiane qualche tempo fa, ed è diventato un elemento cardine della battaglia legale tra Epic e Google. D’altronde, questa è soltanto l’ultima delle battaglie che la compagnia di sviluppo sta combattendo contro colossi come Apple e Google. Ad Agosto, la compagnia ha inserito un sistema di pagamento diretto in Fortnite, per evitare che il 30% dei ricavi finissero nelle tasche dei proprietà di App Store e Google Play Store. Come ben saprete, Apple e Google hanno subito deciso di bannare Fortnite dai propri store. E da quel momento Epic non ha fatto altro che combattere la sua personale battaglia contro i colossi che vogliono monopolizzare il settore delle App. Questo è un solo l’ennesimo capitolo della saga Epic-Google. Ma cos’altro dovremmo aspettarci in futuro?

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button