fbpx
Facebook

Facebook avvisa gli utenti quando pubblicano notizie vecchie
Nuova funzionalità di Facebook: una notifica avvisa l'utente se pubblica una notizia più vecchia di 90 giorni


Facebook continua imperterrito a implementare nuove funzionalità per assicurare una buona informazione sulla piattaforma. L’ultima novità è un’opzione che avvisa gli utenti quando pubblicano una notizia vecchia più di 90 giorni. Come già anticipato, l’idea è quella di fornire contenuti più credibile e tempestivi. Ma  nonostante la notifica serva per allettarvi, la piattaforma vi lascia comunque la possibilità di pubblicare la notizia che volete. Un controsenso? No, semplicemente il rispetto per la libertà del pubblico.

E se volete sapere da dove è nata l’idea della nuova funzionalità, vi basta sapere che Facebook si è preoccupato della circolazione di notizie che venivano considerate nuove ma in realtà non lo erano affatto. E questo può seriamente compromettere lo stato attuale degli eventi. Ecco perché la piattaforma di Zuckerberg si è mossa in questa direzione, al pari di tante altre che lo hanno già fatto. Lo scorso anno, il The Guardian ha cominciato ad aggiungere la data di pubblicazione alle anteprime dei vecchi articoli quando questi venivano condivisi sui social.

Facebook e i social per la corretta informazione

Ma, al di là del noto quotidiano britannico, anche le altre piattaforme social si stanno muovendo per garantire agli utenti contenuti di buona qualità. Lo scorso anno, ad esempio, Instagram ha fatto di tutto per fare in modo che gli utenti non pubblicare “contenuti potenzialmente offensivi” all’interno delle captions. E Twitter, invece, ha da poco annunciato l’idea di testare una funzionalità che incoraggiasse gli utenti a leggere gli articoli prima di retwittarli. Insomma, dopo anni e anni di accuse di disinformazione, ora le piattaforme social sembrano tutte essere interessate a promuovere una buona diffusione di notizie.

Probabilmente, dobbiamo questo cambiamento proprio all’emergenza Covid-19, durante la quale si è dimostrato necessario dare agli utenti le informazioni corrette su dati della pandemia e comportamenti corretti per limitare il contagio. Da adesso in poi, quindi, fate attenzione a quello che state per condividere. Facebook vi controlla.


Chiara Crescenzi

author-publish-post-icon
Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link