fbpx
NewsVideogiochi

Farming Simulator 22: arriva il DLC Farming Precision finanziato dall’UE

L'UE e altri partners hanno finanziato il DLC Precision Farming

Il DLC Farming Precision sta per arrivare anche su Farming Simulator 22. Si tratta di un’espansione di gioco che è già arrivata in precedenza sugli altri episodi della serie. Lo scopo è ridurre, anche se nel mondo virtuale, l’impatto ambientale nell’agricoltura.

Il progetto è iniziato nel 2020, avviato da John Deere e finanziato da EIT Food. Lo sviluppatore ed editore GIANTS Software introdurrà svariate novità e funzionalità inedite nel DLC. Precision Farming è arrivato per la prima volta su Farming Simulator 2019, ed è stato scaricato ben 1 milione di volte in tutto il mondo, tra PC e console da gioco.

farming simulator precision farming partners

Le novità del DLC Precision Farming di Farming Simulator 22

Il nuovo DLC aggiunge tecnologie avanzate per l’agricoltura di precisione, aumentando la sostenibilità delle fattorie virtuali mediante l’uso dei sensori ottici. Si andranno così ad usare di meno fertilizzanti ed erbicidi, rendendo più sostenibile l’impatto dell’agricoltura sull’ambiente.

Il progetto è realizzato proprio per migliorare la conoscenza della tecnologia agricola moderna. E’ in collaborazione con importanti Università come quella di Reading in Gran bretagna e quella di Hohenheim in Germaina. Tra i partner anche il Gruppo AN (la principale cooperativa cerealicola in Spagna) e l’Istituto per la riproduzione animale e la ricerca alimentare dell’Accademia Polacca delle Scienze.

Lo scopo è nobile, e punta sull’aspetto educativo e costruttivo dei videogiochi. Visti da alcuni come il male assoluto, i videogiochi possono invece essere strumenti socialmente utili, proprio come ha dimostrato Farming Simulator in questi ultimi anni.

Le parole di Thomas Frey

Thomas Frey, direttore creativo di GIANTS Software, ha dichiarato:

“La cooperazione tra tutti i partner è stata fantastica e il DLC ha superato di gran lunga le mie aspettative”, ha dichiarato Thomas Engel, project leader di John Deere, in merito al primo anno del progetto. “Siamo entusiasti della continuazione del progetto e dell’opportunità di prendere parte a questa importante impresa per enfatizzare i vantaggi delle tecnologie agricole sostenibili”.

Source
Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button