fbpx
LifestyleNews

Il futuro della palestra è sempre più ibrido

Le lezioni in presenza si affiancheranno a quelle online

Il futuro della palestra è ibrido, così come è avvenuto per il modo in cui molti lavorano: le lezioni online prendono sempre più piede. Le palestre e nello specifico alcuni personal trainer stanno combinando lezioni virtuali con quelle di persona, per far sì che le persone possano allenarsi in base al loro tempo libero e con più praticità. Oltre che in sicurezza.

Il futuro della palestra è ibrido: le lezioni online spopolano

Nello specifico il Wall Street Journal ha raccontato la storia di Daniela Costanzo, che lavora al DFit, una palestra di sua proprietà. Negli ultimi mesi il suo lavoro, però, è cambiato. Ogni giorno attende i propri clienti sia nella sede fisica che su Zoom, in contemporanea, per poter allenare anche chi è impossibilitato a recarsi di persona in palestra.

La situazione sanitaria ha costretto molte palestre a dover attrezzarsi con piattaforme come Zoom o Google Meeting, ma tante di queste hanno deciso di continuare a fornire allenamenti in videochiama anche dopo la revoca delle restrizioni Covid. Uno dei motivi che spinge Daniela a passare al virtuale è la convenienza. Una licenza commerciale Zoom costa circa 20 dollari al mese. DFit attualmente offre sei lezioni virtuali a settimana, oltre ad allenamenti indoor e outdoor.

Palestra ibrida lezioni online
Daniela Costanzo | Photo Credits: The Wall Street Journal.

Certo, la palestra ibrida ha anche i suoi contro. Gli istruttori fanno molta più fatica, sia perché non vedono dal vivo come i loro clienti stanno eseguendo gli esercizi e sia perché ci vuole molta più attenzione. Spesso la musica ad alto volume e le classi affollate danno energia agli istruttori, in videochiamata invece la musica deve essere bassa, in modo che gli studenti possano ascoltare le istruzioni.

“Sembra di aver insegnato quattro classi quando era solo una. Ecco quanta energia ci vuole”, ha detto la signora Costanzo.

L’esperienza di DFit

I clienti possono prenotare le lezioni tramite il portale online di DFit, che è gestito dal software di prenotazione Mindbody. Circa 12 ore prima della lezione, un dipendente DFit invia manualmente un’e-mail a ciascun partecipante con un collegamento Zoom. Ai clienti vengono addebitati i prezzi normali: fino a $ 25 per lezione o accesso illimitato fino a $ 255 al mese.

I clienti abituali amano la flessibilità. “In questo momento, siamo nel pieno della stagione delle vacanze. Ma ho persone che si uniscono a noi dalle Hawaii e dalla Germania”. Una cliente di vecchia data si è trasferita a Philadelphia. “Siamo entusiasti di averla ancora come cliente”, ha detto la signora Costanzo.

Un sondaggio Mindbody di febbraio ha rilevato che il 65% degli intervistati intenderebbe continuare con gli allenamenti sia di persona che a casa anche in un mondo post-Covid. E in un sondaggio di luglio, l’86% degli intervistati che fanno allenamenti virtuali ha affermato di aver continuato a farne altrettanti o di più, anche se le palestre stanno riaprendo.

Sunil Rajasekar, presidente di Mindbody, ha affermato: “l’esperienza non è la stessa di una lezione di persona, ma è molto meglio che non frequentare affatto la lezione”, ha detto. “È anche un ottimo modo per le aziende di espandere la propria portata”.

Durante l’apice della pandemia, Peloton e altre soluzioni di allenamento a casa sono aumentate vertiginosamente, mentre gli operatori delle palestre hanno lottato per sopravvivere. L’International Health, Racquet & Sportsclub Association stima che una palestra su quattro abbia chiuso definitivamente nel 2020. Le catene di fitness degli Stati Uniti Flywheel e YogaWorks hanno chiuso definitivamente tutti gli studi quell’anno.

Equinox, la catena di palestre di lusso, ha lanciato un’app mobile per il fitness a marzo 2020. L’app, chiamata Equinox+, include allenamenti di SoulCycle, Solidcore e altri sottomarchi Equinox. Un abbonamento costa $ 40 al mese, ma per i membri Equinox l’accesso all’app è incluso come vantaggio. Secondo l’azienda, coloro che sfruttano le sedi e utilizzano l’app Equinox+ sono i membri più attivi, che si allenano una o due volte in più alla settimana rispetto a quelli che utilizzano solo la sede fisica o l’app. La cosa divertente è che alcune persone usano persino l’app Equinox+ all’interno dei club Equinox.

Quindi sembra che il nostro futuro ibrido non comprenderà solo il lavoro: la palestra saranno sempre più smart, con lezioni online combinate a quelle in presenza.

Source
Wall Street Journal

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button