fbpx
NewsTech

Google annuncia Signed Exchanges: una piccola rivoluzione per i link AMP

Google è pronta a rivedere le regole dei link AMP

Ti è mai capitato di cliccare su un link con accanto un piccolo fulmine? Avrai sicuramente notato che il tempo di caricamento è più rapido dei normali link. Questi tipi di indirizzi si chiamano AMP, Accelerated Mobile Pages. 

Cos’è AMP?

Un articolo con standard AMP non è basato su piattaforma JavaScript ed è pensato per favorire il caricamento di pagine web dallo smartphone. La velocità è alla base di AMP: una pagina web viene “ripulita” dal superfluo e il tutto si concentra su un immagine e su un testo.

 

L’URL di queste pagine web è sempre proceduto da “www.google.com/”, anziché dal nome della pagina che pensavi di visitare. Google sta cercando di risolvere questo problema annunciando il supporto a  “Signed Exchanges.”

Questa risoluzione modificherebbe l’URL, mostrando il link originale. Ma per far funzionare l’AMP, c’è bisogno di una completa integrazione e compatibilità con il Browser, il motore di ricerca e il sito web. Questa compatibilità, per il momento, è offerta esclusivamente da Google Crome, il browser proprietario di Google.

L’ alterazione de”URL comporta svariati problemi: alcune pagine possono essere identificate da un nome diverso rispetto a quello reale. Inoltre nasce anche un problema estetico. Quando noi condividiamo un URL con AMP, quest’ultimo può essere convertito in una piccola stringa di testo, ma, se il nostro browser non è in grado di convertire l’URL AMP, questo verrà inviato con una serie di lunghi caratteri. Il nuovo sistema di Signed Exchange promette di risolvere questo problema. 

L’uso di questo nuovo sistema consente a Google di mostrare il link proveniente dalla fonte stessa, senza alterazioni. Per funzionare, Signed Exchange deve essere supportato da motore di ricerca, browser e sito. La compatibilità rappresenta, per il momento, il suo limite. 

Una guida è già stata messa a disposizione degli sviluppatori per poter adattare il loro sito o browser ai nuovi standard AMP.

Source
The Verge

Michele Caliani

Innamorato del mondo e affascinato dalle cose impossibili. Convivo con il mio smartphone e la rete. Nella mia vita suono il pianoforte e nel tempo libero grattugio il violoncello.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button