fbpx
NewsTech

Helbiz: rinnovata per un altro anno la partnership con la città di Torino

Le attività di Helbiz consentono una netta riduzione delle emissioni

Helbiz rafforza la sua partnership con la città di Torino ed i suoi cittadini. La sperimentazione sulla micromobilità avviata nell’area del comune piemontese è stata, infatti, prorogata di un altro anno. La conferma ufficiale è arrivata direttamente dal Comune che ha avviato un progetto educativo verso i cittadini, a supporto del servizio pubblico e privato.

Torino rinnova la sperimentazione sulla micromobilità con Helbiz

Helbiz è presente a Torino dall’inverno del 2019. In totale, nell’area torinese, i mezzi dell’azienda hanno percorso più di 760 mila chilometri con un risparmio stimato di 1.350 tonnellate di CO2. Attualmente, la flotta torinese comprende 2.500 mezzi tra monopattini, biciclette elettriche e scooter elettrici.

Il progetto che ha coinvolto Helbiz a Torino ha avuto anche un grande impatto a livello occupazionale, oltre che ambientale e sul tema della mobilità. Dal debutto, infatti, l’azienda ha assunto quasi 200 dipendenti per la gestione delle operazioni sul territorio.

Le proposte di Helbiz

Il noleggio dei monopattini di Helbiz presenta un costo di 1 euro allo sblocco più una tariffa di 0.25 euro al minuto. Da notare che c’è la possibilità di attivare una tariffa flat di 29,99 euro al mese per effettuare un numero di corse illimitato, da un massimo di 30 minuti, durante le 24 ore.

Tra una corsa e l’altra, con Unlimited, è necessario che siano passati almeno 20 minuti. Da notare che l’azienda propone anche il noleggio delle e-Bike (0,25 euro per lo sblocco e 0,10 euro al minuto) e quello degli scooter elettrici di MiMoto (0,26 euro al minuto).

Attualmente, Helbiz è presente in 17 comuni italiani.

Nacnic Stampa Artistica Cartina geografica della Città di...
  • DIMENSIONE: A3 (29,7x42cm).
  • SENZA CORNICE
  • DETTAGLIO PRODOTTO: stampato con inchiostri resistenti (Xerox) e di alta qualità, impressi su carta Antalis 250 grammi,...

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button