fbpx
RecensioniRecensioni VideogiochiVideogiochi

La recensione di Hoods: Outlaws & Legends – Nessun tesoro è al sicuro

Hoods: Outlaws & Legends è il titolo stealth PvEvP di cui avevate bisogno?

Se nel gioco amate rubare, la nostra recensione di Hoods: Outlaws & Legends non potete saltare. È con questa sorta di rima che vogliamo intraprendere la nostra avventura nel titolo di casa Sumo Digital e Focus Home Interactive. Il gioco si propone come un prodotto di nicchia, in grado, però, di offrire spunti interessanti e piacevoli giocate. Hoods: Outlaws & Legends è un gioco completamente online che offre un’esperienza PvEvP. Lo scopo? Rubare un tesoro. Come? Affrontando in team una squadra di nemici. Buone premesse e una realizzazione che, al netto di alcuni dettagli, soddisfa qualche palato. Siete curiosi di saperne di più? Ecco la nostra recensione.

Hoods Outlaws & Legends recensione abiti

Hoods: Outlaws & Legends recensione – La leggenda continua

Hoods: Outlaws & Legends si ispira, come possiamo facilmente intuire, alla leggenda di Robin Hood. La Sherwood proposta dal team Sumo Digital, però, non è molto allegra e festosa, tutt’altro. Notiamo squarci scuri e cupi, spesso e volentieri interrotti da aspre piogge e ambienti tutt’altro che confortanti. Nell’aria si sente un tono forte e tirannico. Non troviamo scene luminose o ambienti vivaci, ogni scenario è immerso nel buio. Tra le possibili ambientazioni di gioco abbiamo cimiteri, roccaforti e avamposti. La scenografia è ben studiata, i giochi di luci e ombre riflettono perfettamente un universo scuro e grigio.

Ottima la cura nella realizzazione delle aree chiuse, ricche di dettagli. Anche gli scorci aperti regalano una buona visione di insieme. Se ci avviciniamo nel dettaglio, però, notiamo delle texture talvolta un po’ grossolane e non proprio next gen. Un punto su cui, però, si può passare sopra vista la natura del titolo. Punto a sfavore, invece, il lato tecnico. Sotto questo aspetto, infatti, il Hoods: Outlaws & Legends ha qualche margine di miglioramento. Durante la nostra recensione, abbiamo assistito a qualche animazione poco credibile e qualche compenetrazione non ben calcolata.

gameplay

Un gameplay che prende qualche spunto

Dal punto di vista del gameplay, Hoods: Outlaws & Legends prende alcune ispirazioni, senza essere però una mera copia di titoli già noti. Lo scopo principale delle battaglie è quello di scovare il bottino e farlo proprio. La modalità proposta si chiama Rapina e vede due squadre composte da quattro giocatori, contendersi il tesoro. Durante le battaglie, i giocatori dovranno affrontare sia l’ambiente circostante, sia gli utenti avversari. È importante affrontare l’ambiente nel modo giusto: qualche rumore di troppo, infatti, potrebbe destare sospetti nelle guardie guidate dalla CPU. La prima parte dello scontro prevede proprio l’interazione con una IA: dovremo, infatti, rubare la chiave dello scrigno allo sceriffo. Il silenzio è vitale visto che un solo colpo vi metterà fuori gioco.

Lo stealth è importante anche contro i nostri avversari umani, ma non è l’unico modo di affrontare una battaglia. Prima di iniziare una partita, avremo la possibilità di scegliere un eroe: ci sono in totale quattro classi distinte. Ogni personaggio possiede delle abilità e delle armi uniche, che vi daranno modo di affrontare il match al meglio delle vostre capacità. Un eroe sfrutterà la forza bruta, un altro gli attacchi a distanza, un terzo avrà abilità magiche e l’ultimo sfrutterà la media distanza. Le abilità speciali di ogni classe vi aiuteranno a costruire un gameplay ricco e variegato.

Purtroppo, però, non ci sono limiti nella scelta e, qualche volta, ho trovato partite in cui venivano scelti tre o quattro personaggi identici. Questo, purtroppo, fa perdere un po’ lo spirito di squadra che il gioco vorrebbe proporre, senza, però distruggere completamente il gameplay. È possibile, infatti, ottenere una vittoria anche senza utilizzare tutti i personaggi, ma è vero che le possibilità diminuiscono di parecchio contro una squadra ben organizzata. Altro punto negativo sotto questo aspetto, è l’impossibilità di cambiare eroe durante la battaglia.

Hoods Outlaws & Legends recensione matchmaking

Hoods: Outlaws & Legends ha ancora qualche passo da fare

Durante la nostra recensione di Hoods: Outlaws & Legends ci siamo, però, imbattuti in qualche errore di percorso. Un punto su cui il team dovrà lavorare è certamente il bilanciamento. Se, infatti, l’esito della battaglia non è decretato fino alla fine, è pur vero che alcuni personaggi sono meno efficaci di altri. Nonostante sia essenziale giocare d’astuzia, infatti, alcuni scontri a viso aperto sono presto detti. Il potere curativo di Tooke è decisamente efficace se supportato dalla brutalità di John. Robin e Marianne, sebbene possiedano abilità interessanti, infatti, in uno scontro diretto nulla potranno contro il primo duo. Nulla di troppo irrisolvibile, se non fosse che, la totale assenza di limitazione, potrebbe creare partite completamente sbilanciate verso un team. Il bilanciamento, però, è sicuramente un punto che potrà essere migliorato nel corso del tempo, anche sentendo le risposte della community che, al momento, non è ancora così estesa.

Altra piccola pecca potrebbe essere la monotonia; al momento, infatti, non abbiamo particolari modalità o diversificazioni. Il titolo di casa Sumo Digital propone una modalità online e un campo di addestramento. Non mancano i vestiti e le perk, ma nulla di più. Giocato in compagni per qualche ora, dunque, è sicuramente divertente, ma abbiamo il presagio che, alla lunga, possa stancare i più. Non vogliamo, però, bocciare il gioco sul nascere, dal momento che il supporto post-lancio sembra essere un punto chiave degli sviluppatori.

Hoods Outlaws & Legends recensione personaggi

Hoods: Outlaws & Legends ha la nostra approvazione

Nella nostra recensione di Hoods: Outlaws & Legends abbiamo avuto la possibilità di provare per qualche ora il titolo nella sua interezza primordiale. Al momento attuale, infatti, il gioco è sicuramente pensato per una nicchia di persone, le quali, però non rimarranno deluse. Affinché il titolo possa estendersi ai più, però, è necessaria qualche leggera modifica e, soprattutto, qualche ampliamento.

Certamente il prezzo di lancio gioca a favore di Hoods: Outlaws & Legends. Si tratta di un gioco nuovo, che prende qualche ispirazione, ma riesce a distinguersi. Il gameplay è ben strutturato, anche se pecca nel bilanciamento. Le quattro classi di eroi devono solo affinare le proprie perk, ma per il resto ci siamo. Belle le ambientazioni e le aree, curate e dettagliate. Ci piace la possibilità di un gameplay tattico e un po’ diverso dal solito, ci piace il design e ci piace l’idea. Resta da migliorare il bilanciamento e lo sviluppo post-lancio, ma siamo fiduciosi nella sua buona riuscita.

Se volete acquistare Hoods: Outlaws & Legends, potete farlo dal sito ufficiale.

Giulia Garassino

Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metal Slug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare platform, hack & slash e GDR. Il mio titolo preferito? Nier Automata. Il gioco su cui ho speso più ore? Battlefield, che domande! Eppure, una grandissima fetta del mio cuore è occupata da Fable, amore di vecchia data. Dimenticavo, ho provato così tante tastiere che, ad occhi chiusi, potrei dirvi che switch montano!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button