fbpx
FeaturedNewsTech

Huawei: in arrivo l’auto elettrica dell’azienda cinese?

Secondo Reuters, Huawei ha già iniziato a progettare internamente i propri veicoli elettrici e ha avviato trattative con i fornitori

Dagli smartphone alle auto elettriche. Potrebbe essere questo il percorso del colosso cinese Huawei, che negli ultimi due anni ha subito da parte degli Stati Uniti diverse sanzioni, con effetti devastanti sui ricavi. A riportare questa clamorosa indiscrezione è la prestigiosa agenzia di stampa Reuters, citando fonti anonime dell’azienda cinese.

Secondo questi rumor, Huawei ha avviato trattative con Changan Automobile e altre casi produttrici di automobili, con l’intento di utilizzare i loro impianti, già attivi e funzionanti, per la produzione dei nuovi veicoli elettrici della casa. L’azienda sarebbe inoltre coinvolta in discussioni anche con la società BAIC Group’s BluePark New Energy Technology, sostenuta dal governo cinese, a cui potrebbe affidare la manifattura delle proprie auto elettriche.

Huawei: in arrivo l’auto elettrica dell’azienda cinese?

caricamento auto elettrica

Queste voci potrebbero celare un cambio di direzione epocale per Huawei, che nel secondo trimestre del 2020 è stata la più importante azienda produttrice di smartphone in tutto il mondo. Come accennavamo in apertura, i due anni di sanzioni statunitensi hanno però drasticamente tagliato l’accesso dell’azienda alle catene di approvvigionamento chiave, costringendola a cedere parte delle proprie attività nel settore degli smartphone per salvaguardare il marchio.

Huawei è stata inserita in una lista nera commerciale dall’amministrazione di Donald Trump, per supposti problemi di sicurezza nazionale. Blocco che secondo i dirigenti di molte aziende potrebbe permanere anche con la nuova amministrazione di Joe Biden, con conseguenti stop ad affari per miliardi di dollari in tecnologia e chip per Huawei.

Huawei ha seccamente smentito queste voci. Un portavoce dell’azienda ha infatti negato qualsiasi interesse da parte del colosso cinese nella produzione di veicoli elettrici. Questa la dichiarazione:

Huawei non è una casa automobilistica, ma attraverso l’ICT (tecnologia dell’informazione e della comunicazione), ci proponiamo come fornitori fornitori di componenti digitali e infrastrutture per auto, permettendo così ai costruttori di creare veicoli migliori.

Secondo la stessa Reuters, Huawei ha già iniziato a progettare internamente i propri veicoli elettrici e
ha avviato trattative con i fornitori, con l’obiettivo di lanciare ufficialmente il progetto nel corso del 2021. Per l’agenzia di stampa, Richard Yu, che ha guidato l’azienda verso una posizione di assoluta eccellenza fra i più grandi produttori di smartphone al mondo, sposterà progressivamente la sua attenzione sui veicoli elettrici. Tutte le fonti di Reuters hanno categoricamente rifiutato di essere nominate.

Secondo Reuters, Huawei ha già iniziato a progettare internamente i propri veicoli elettrici e ha avviato trattative con i fornitori

Un indizio dell’attendibilità di queste voci o della loro inconsistenza? Nel frattempo, le azioni della principale società quotata di Changan, Chongqing Changan Automobile, sono cresciute dell’8% dopo che la Reuters ha riportato questi rumor. Al tempo stesso, le azioni di BluePark sono aumentate del 10% rispetto al loro massimo giornaliero. Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi per capire se, come spesso accade, la borsa abbia correttamente anticipato le mosse del mercato reale.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button