fbpx
AttualitàCulturaNewsTech

Quattro atenei milanesi creano un polo europeo sull’intelligenza artificiale

Gli atenei coinvolti sono Bocconi, Bicocca, Politecnico e Statale

Nasce un’importante e potenzialmente assai proficua alleanza tra Università nel nome dell’intelligenza artificiale.

Più precisamente sono quattro atenei milanesi (Bocconi, Bicocca, Politecnico e Statale) ad essersi uniti. L’idea è quella di creare un polo europeo sull’intelligenza artificiale che abbia in queste Università un pool di ricercatori di eccellenza.

E lo faranno sotto l’ala di Ellis, l’European laboratory for learning and intelligent systems, di cui i quattro atenei sono diventati una unit. Ellis è l’associazione che riunisce i migliori scienziati e accademici europei che si occupano appunto di intelligenza artificiale.

Ma cosa sappiamo finora del progetto che porterà alla nascita di un polo europeo sull’intelligenza artificiale grazie allo forzo delle quattro università milanesi?

L’accordo tra gli atenei

Gli atenei milanesi Bocconi, Bicocca, Politecnico e Statale portano l’intelligenza artificiale all’Università.

E lo fanno con un progetto ambizioso: quello di creare un polo di eccellenza per la ricerca e la formazione nell’AI e nel machine learning.

L’importante iniziativa è stata presentata mercoledì 17 novembre al Comune di Milano. Erano presenti il sindaco Giuseppe Sala, il rettore della Bocconi, il prorettore vicario della Statale, la rettrice della Bicocca e il rettore del Politecnico.

L’obiettivo è quello rendere la città meneghina uno dei principali centri di studio su algoritmi, reti neurali, deep learning e biologia computazionale.

intelligenza artificiale

I ricercatori coinvolti e gli ambiti di ricerca

Se ancora non è stata definita la sede del polo, si sa già che a questo grande progetto sull’intelligenza artificiale lavoreranno 40 ricercatori scelti dalle 4 università coinvolte.

Come abbiamo detto, saranno quattro gli ambiti di ricerca. Uno è il machine learning interattivo, cioè lo studio dell’interazione tra gli algoritmi e l’ambiente. Poi le reti neuronali e il deep learning, strettamente correlati fra loro. E infine la biologia computazionale, disciplina che applica l’intelligenza artificiale alla medicina.

Quattro saranno anche i direttori scientifici, uno per ogni ateneo, che si alterneranno nella guida del polo. Il primo anno toccherà a Nicolò Cesa-Bianchi, docente di Informatica della Statale.

Le dichiarazioni dei rettori: una sfida europea

Gianmario Verona, rettore della Bocconi, ha sottolineato lo spirito del nuovo polo europeo. Verona ha detto: “L’approccio multidisciplinare e la collaborazione tra gli atenei diventa fondamentale per lo sviluppo delle conoscenze in quest’ambito e per dare a Milano un ruolo di primo piano a livello europeo.

Se è vero che dall’Ai arrivano importanti stimoli allo sviluppo delle scienze economiche, allo stesso modo queste danno forte impulso allo sviluppo tecnologico di Ai e machine learning.”

Gli fa eco Giovanna Iannantuoni, rettrice della Bicocca: “Milano ancora una volta investe sul futuro. L’evoluzione dell’Intelligenza Artificiale ha permesso di definire soluzioni efficaci a problemi complessi in svariati ambiti, dal marketing alla medicina. Dar vita a un polo di eccellenza per la ricerca e la formazione nell’intelligenza artificiale e nel machine learning significa esser pronti ad accettare la sfida dello sviluppo scientifico a livello europeo”.

Una grande responsabilità

Maria Pia Abbracchio, prorettrice alla ricerca della Statale, cita il Pnrr: “La parola trasversalità ricorre più volte. Ma la scienze stesse sono traversali e in questo momento per analizzare tutti i dati abbiamo bisogno di tutte le discipline. Un progetto che parte dalla ricerca di base, ma dovremo essere trasversali anche con il territorio e coinvolgere le aziende, le imprese, come ci sta chiedendo anche il Pnrr”.

Ferruccio Resta, rettore del Politecnico, aggiunge: “La centralità dei temi legati all’intelligenza artificiale e al machine learning, gli utilizzi e le ripercussioni sul fronte economico e sociale conferiscono alle università tecnico-scientifiche una grande responsabilità”.

Offerta
L'intelligenza artificiale
  • Boden, Margaret (Autore)

Cos’è Ellis

Nata nel 2018, Ellis è l’associazione che riunisce i migliori scienziati e accademici europei impegnati nell’ambito dell’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di promuovere lo sviluppo scientifico sull’AI in Europa, per poter competere con Stati Uniti e Cina.

In questa direzione vanno le parole del sindaco di Milano Beppe Sala: “Dobbiamo competere con la voglia di dominio americano e cinese. Dobbiamo farlo portando la nostra qualità, la nostra capacità di fare le cose con il buon senso, il rispetto delle regole, con un equilibrio su tematiche così delicate. Questo ha l’Europa”.

Per quanto riguarda il nostro Paese, il Piano di ripresa e resilienza (Pnrr) indica proprio nello sviluppo dell’intelligenza artificiale uno dei punti chiave per il rilancio dell’Italia.

Claudio Bagnasco

Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975 e dal 2013 vive a Tortolì. Ha scritto e pubblicato diversi libri, è co-fondatore e co-curatore del blog letterario Squadernauti. Prepara e corre maratone con grande passione e incrollabile lentezza. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale claudiobagnasco.com

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button