fbpx
News

Kaspersky ha rilevato numerosi siti di phishing collegati alla pandemia

Questi siti sono molto diffusi in Italia

La pandemia ha fatto segnare una rapida crescita delle truffe online e, in particolare, della diffusione dei siti correlati al phishing. Secondo l’analisi di Kaspersky, infatti, sono stati rilevati più di 5 mila siti web di phishing correlati al virus. Da notare, inoltre, che l’Italia è uno dei Paesi in Europa che fa registrare il maggior numero di siti rilevati potenzialmente dannosi.

I siti di phishing collegati alla pandemia sono una minaccia sempre più rilevante

I dati raccolti da Kaspersky, da marzo 2020 a luglio 2021, confermano la diffusione dei siti di phishing. L’azienda ha evitato ad oltre un milione di utenti di collegarsi a siti dannosi che sfruttavano la pandemia per attività di phishing. Kaspersky, infatti, ha identificato e bloccato 300 siti di phishing di cui 27 italiani.

Le truffe più comuni rilevate da Kaspersky riguardano la possibilità di accedere ad offerte false e finti test COVID-19 a prezzo scontato. Anche i siti di phishing per QR Code e certificati di vaccinazione falsi stanno diventando popolari. Il picco delle truffe online correlate alla pandemia, secondo Kaspersky, è stato raggiunto a marzo 2021.

Il commento di Kaspersky

Alexey Marchenko, Head of Content Filtering Methods Research di Kaspersky, dichiara: “Nella maggior parte delle frodi legate alla pandemia, i criminali informatici mirano ad ottenere i dati degli utenti. Il phishing viene spesso utilizzato per questo: l’utente clicca sul link di un annuncio o di una email e arriva ad una pagina in cui gli viene chiesto di inserire informazioni personali e i dati della carta di credito. Una volta in possesso di queste informazioni, i truffatori possono utilizzarle per rubare denaro dai conti delle vittime.

 

Offerta
Kaspersky Internet Security 2021 | 1 Dispositivo | 1 Anno |...
  • Difende da virus, cryptolocker e altri ransomware
  • Protegge la tua privacy
  • Protegge i tuoi acquisti online

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button