fbpx
CulturaSpettacoli

Loki: com’è la prima puntata della nuova serie Disney+

Debutta oggi su Disney+ Loki, nuova serie originale della piattaforma dedicata al celebre Dio dell’Inganno del Marvel Cinematic Universe, sempre interpretato da Tom Hiddleston. Il primo episodio dello show ci fornisce le coordinate per un vero e proprio viaggio fra le pieghe dello spazio e del tempo, capace di restituirci un ritratto molto più umano e sfaccettato del villain che in precedenza abbiamo visto opporsi a Thor e agli altri Avenger.

Dopo la rocambolesca fuga con l’agognato Tesseract durante gli eventi di Avengers: Endgame, Loki finisce fra le grinfie di un’altra organizzazione, cioè la Time Variant Authority (TVA), che ha lo scopo di vigilare sull’integrità delle varie linee temporali, che il fratello di Thor ha contribuito a scombussolare con le sue scellerate azioni. Per salvarsi da un definitivo annientamento, il Dio dell’Inganno si trova costretto a collaborare con la TVA, sulle tracce di un nemico a lui caro.

Loki è disponibile su Disney+

Ci troviamo quindi di fronte a una serie dal chiaro stampo fantascientifico, in cui le esplorazioni del passato e delle realtà alternative sono all’ordine del giorno (fra le escursioni di Loki, ce n’è anche una nella Pompei distrutta dal Vesuvio), come del resto l’ironia che contraddistingue il protagonista. A rendergli pan per focaccia c’è però Mobius M. Mobius, bizzarro personaggio interpretato da Owen Wilson che riesce a contrapporsi a Loki con una pacata fermezza, davanti alla quale l’eccentricità del Dio dell’Inganno perde gran parte della propria corrosiva forza. Gli spassosi battibecchi fra i due, insieme al loro rapporto di reciproca sfiducia, costituiscano l’ossatura comica dello show, che ha però il coraggio di spaziare fra generi e registri diversi.

Proprio come in WandaVision, la prima serie originale Marvel sbarcata su Disney+, anche Loki utilizza le dinamiche più misteriose e ambigue come pretesto per mettere in scena un viaggio interiore del protagonista, costretto a confrontarsi con le varie zone d’ombra del suo carattere, che lo hanno reso uno dei personaggi più temuti di questo imponente universo narrativo. Viene così messa più volte alla berlina l’inaffidabilità che contraddistingue il personaggio, insieme al suo egocentrismo, che lo porta a mettere le mani su tutto ciò che gli interessa, senza curarsi delle conseguenze per il prossimo.

Loki: com’è la prima puntata della nuova serie Disney+

C’è però spazio anche per i pregi di Loki, a partire dalla sua capacità di mutaforma, che in questo show non è solo uno strumento con cui il protagonista può divincolarsi nelle situazioni più difficili, ma anche il simbolo di una personalità mutevole e cangiante, di cui osserveremo sicuramente svariati risvolti nelle puntate successive della serie, che saranno pubblicate su Disney+ ogni mercoledì.

Scopriamo così un Loki più vulnerabile, che per la prima volta dà la sensazione di essere imbrigliato in un sistema che non può riuscire a disinnescare. Attraverso queste suggestioni e sfumature, la Marvel riesce nel duplice intendo di porre le basi per il futuro del proprio universo cinematografico, in cui il multiverso avrà un ruolo fondamentale, e di costruire al tempo stesso le fondamenta di uno show che, proprio come il suo protagonista, appare totalmente imprevedibile. Appuntamento quindi a mercoledì prossimo per scoprire cosa ha in serbo per noi il Dio dell’Inganno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button