fbpx
Spazio-oggetti-misteriosi-Tech-Princess

Misteriosi oggetti avvistati nello spazio, cosa saranno mai?
Sono diversi da qualsiasi cosa mai vista prima


C’è qualcosa di insolito in agguato nelle profondità dello spazio: gli astronomi hanno scoperto quattro oggetti deboli che, a contatto con le lunghezze d’onda radio, sono altamente circolari e più luminosi lungo i bordi. Sono diversi da qualsiasi altro oggetto astronomico mai visto prima.

Oggetti misteriosi avvistati nello spazio

Gli oggetti in questione, che sembrano lontane isole a forma di anello, sono stati soprannominati strani circoli radio (ORC) per la loro forma e peculiarità generale. Gli astronomi non sanno a quanta distanza si trovino questi ORC, ma potrebbero essere collegati a galassie distanti.

In un nuovo articolo che parla di questa scoperta nel dettaglio, gli astronomi offrono diverse possibili spiegazioni. Il problema è che nessuna di queste spiega effettivamente cosa siano questi quattro ORC.

Dopo aver escluso oggetti come supernova, galassie stellari, nebulose planetarie e lenti gravitazionali, gli astronomi ipotizzano che gli oggetti potrebbero essere semplicemente onde d’urto provenienti da un evento extragalattico o attività da una galassia radiofonica.

Kristine Spekkens, astronoma del Royal Military College in Canada, ha rivelato che questi oggetti potrebbero indicare un nuovo fenomeno che gli astronomi ancora non hanno esplorato a fondo. Potrebbe anche trattarsi, dice lei, dell’estensione di una classe di oggetti precedentemente nota che non sono stati in grado di esplorare.

Spekkens ha aggiunto che gli oggetti potrebbero anche essere causati da diversi fenomeni. Tutti e quattro gli ORC sono luminosi alle lunghezze d’onda radio ma invisibili alla luce visibile, infrarossi e ai raggi X. Due ORC, però, hanno al loro centro galassie che possono essere viste a lunghezze d’onda visibili. Questo suggerisce che gli oggetti potrebbero essersi formati da quelle galassie.

Gli astronomi hanno individuato tre oggetti durante la mappatura del cielo notturno in radiofrequenze come parte di un sondaggio per un nuovo progetto chiamato Evolutionary Map of the Universe (EMU). Il pilota EMU ha utilizzato l’Australian Square Kilometer Array Pathfinder.

Questo array di radiotelescopi utilizza 36 antenne paraboliche che lavorano insieme ed offrono una vista grandangolare del cielo notturno. Gli astronomi hanno trovato il quarto ORC nei dati d’archivio raccolti dal radiotelescopio Giant MetreWave in India. Ciò ha permesso loro di capire che gli oggetti sono reali e non delle anomalie causate dal telescopio.

Per ora questi oggetti rimangono ancora sconosciuti e gli astronomi continuano ad effettuare le loro ricerche.

 


Veronica Ronnie Lorenzini

author-publish-post-icon
Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link