!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');

OnePlus 7T Pro: rivoluzione o riconferma?


Non sono passati nemmeno tre mesi dalla presentazione dei nuovi modelli di OnePlus, che già sono comparse in rete delle immagini sul nuovo top di gamma dell’azienda di Shenzen. Nonostante il device sia inserito all’interno di un case “anti paparazzi”, si possono comunque estrapolare alcuni importanti dettagli da queste foto del OnePlus 7T Pro.

OnePlus 7T Pro, non così lontano dal precedente

La prima cosa che salta all’occhio osservando queste immagini è l’assenza del notch o di qualunque foro nello schermo. Questa assenza porta a prevedere la presenza di una fotocamera a scomparsa come nel 7 Pro. L’alternativa potrebbe però essere una fotocamera sotto lo schermo. Tecnologia questa di cui si parla da molto tempo ma che non ha ancora fatto la sua comparsa nel mercato degli smartphone. Per quanto affascinante possa sembrare questa teoria, è però probabilmente infondata, in quanto le prime fotocamere sotto lo schermo sono attese non prima del 2020.

Lo schermo sembra essere un dual edge display proprio come nel modello precedente.
Osservando il retro possiamo notare la colorazione, che dovrebbe essere il Nebula Blue e i sensori fotografici. Questi ultimi dovrebbero essere tre, accompagnati da un led. Si può notare la mancanza di un sensore di impronte. Questo porta a prevedere la presenza di un sensore sotto lo schermo.

Cosa c’è di nuovo?

Come da tradizione, la serie T di OnePlus non porta grandi stravolgimenti dal punto di vista della linea esterna, ma si limita ad aggiornare la componentistica interna. Per cui, oltre a qualche miglioramento nel comparto fotografico, probabilmente sotto il cofano del device troveremo uno Snapdragon 855+ con supporto alla connetività 5G. Tutto ciò accompagnato da tagli di memoria che non si discosteranno molto da quelli precedentemente offerti dal OnePlus 7 Pro.

La vera domanda a questo punto è: il prezzo seguirà l’esempio del predecessore oppure subirà delle variazioni? E in questo caso, varrà davvero la pena il passaggio al nuovo modello?

[amazon_link asins=’B07R97WZJ9,B07HFF2254′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’702b6b12-2411-449d-8f6f-1dc6733df7d3′]

Marco Sacchet

Studente di ingegneria informatica, nerd da quando ne ho memoria, metallaro impenitente, spero di poter condividere con voi un po' della mia passione per il mondo della tecnologia!
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link