fbpx
NewsVideogiochi

Brutte notizie per Overwatch 2, il produttore esecutivo della serie lascia Blizzard

È solo l'ultima di una serie di addio all'azienda

Brutte notizie per Overwatch 2, ancora in fase di sviluppo: il produttore esecutivo della serie ha lasciato Blizzard per quello che secondo la società è “un po’ di tempo libero”. Chacko Sonny è solo l’ultimo di una lista sempre crescente di partenze da Blizzard.

Il produttore esecutivo di Overwatch 2 lascia Activision Blizzard

Chacko Sonny, che è in Blizzard dal 2016 e ha lavorato su entrambi i giochi di Overwatch, ha annunciato venerdì la sua partenza ai colleghi, secondo Bloomberg. Oltre al suo ruolo in Overwatch è stato anche vicepresidente dell’azienda.

activision blizzard sotto inchiesta maltrattamento lavoratori - overwatch 2

Una dichiarazione rilasciata dall’azienda afferma che sta “lasciando Blizzard per prendersi una pausa dopo 5 anni di servizio. Il profondo e talentuoso team di Overwatch sta facendo ottimi progressi su Overwatch 2 e, grazie al loro duro lavoro, il gioco è nelle fasi finali della produzione. Condivideremo di più alle Overwatch League Grand Finals alla fine di questo mese”. Le Grand Finals in realtà sono questo fine settimana, con un grande evento riguardo Overwatch 2 previsto per il 25 settembre.

Sebbene né la dichiarazione di Blizzard né l’e-mail di addio di Sonny ai colleghi menzionino, ovviamente, la crisi in corso presso l’azienda, la dipartita di Sonny si unisce a un elenco sempre crescente di partenze di alto profilo. Queste includono quella del direttore di Overwatch, Jeff Kaplan, che se ne è andato ad aprile. Anche il direttore di Diablo 4, Luis Barriga, il progettista capo Jesse McCree e il designer di World of Warcraft Jonathan LeCraft hanno lasciato Blizzard.

Anche il presidente di Blizzard J. Allen Brack si è dimesso il mese scorso, più o meno nello stesso periodo del capo delle risorse umane della società Jesse Meschuk. Mentre solo la scorsa settimana si è dimesso anche il chief legal officer della società.

Guai legali per l’azienda

A luglio, il Dipartimento per l’occupazione e l’alloggio equo della California (DFEH) ha fatto causa ad Activision Blizzard per diverse “violazioni dei diritti civili dello stato e delle leggi sulla parità retributiva”. Erano citate molestie diffuse, discriminazione e abusi, in particolare contro le donne all’interno dell’azienda. La causa cita una cosiddetta “Cosby Suite” alla BlizzCon, una stanza d’albergo nota per il comportamento spiacevole di alcuni uomini di spicco dell’azienda all’epoca.

Sulla scia di ciò, i dipendenti hanno tenuto uno sciopero molto pubblicizzato e hanno inviato una lettera all’azienda condannando il suo comportamento orrendo. Più recentemente, quei dipendenti affermano che Activision Blizzard non va incontro alle loro richieste.

Gli sponsor, inoltre, hanno smesso di supportare gli eSport dell’azienda. Poi Activision Blizzard è stata colpita da una seconda causa (un’azione collettiva) sulla prima. E l’altro ieri, come riportato dal Wall Street Journal, è arrivata la notizia che la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha avviato un’ampia indagine su Activision Blizzard, emettendo anche un mandato di comparizione (fondamentalmente, un ordine del tribunale che richiede legalmente che qualcuno testimoni) al CEO di lunga data, Bobby Kotick.

Insomma, non si può dire che la Blizzard se la passi bene e di conseguenza nemmeno Overwatch 2, che è nelle fasi finali di sviluppo.

Funko 32791 Pocket POP Keychain: Overwatch: Pharah
  • I Funko Pop sono riproduzioni stilizzate di personaggi iconici di film, serie televisive, serie animate, fumetti,...
  • Le riproduzioni misurano circa 4 cm
  • Il prodotto viene venduto nella window box originale
Source
Kotaku

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button