fbpx
RecensioniRecensioni VideogiochiVideogiochi

La nostra recensione di Pokémon Perla Splendente: tra nostalgia e nuove sfide

Torniamo in una regione tanto amata

Dopo ben 14 anni, rimettiamo mano in quel di Pokémon, portandovi all’interno di Sinnoh, con la nostra recensione di Pokémon Perla Splendente. Abbandoniamo la grafica in 2D per una nuova rivisitazione in 3 dimensioni. Nuove animazioni, nuovo stile, senza però rinunciare alla base di questa avventura. Com’è stato tornare nella regione di Sinnoh dopo tutto questo tempo? Le migliorie effettuate sono stata utili? Avranno saputo soddisfarci e farci amare i Pokémon come una volta? Se siete curiosi di scoprire come sia andata la nostra avventura, continuate a leggerci nella nostra recensione di Pokémon Perla Splendente.

Pokémon Perla Splendente
  • Pokémon Diamante Lucente e Pokémon Perla Splendente permetteranno ai fan di godersi la storia originale e le...
  • I giochi sono stati riprodotti fedelmente con dei colori ravvivati e brillanti per Nintendo Switch. Le proporzioni delle...
  • I giochi presentano le stesse meccaniche semplici e intuitive dei videogiochi più recenti della serie Pokémon, ma con...

Pokémon Perla Splendente recensione: vale la pena tornare a Sinnoh?

Pokémon Perla Splendente, insieme a Diamante Lucente, si pongono come dei remake dei titoli originali, non lasciando spazio al cambiamento di contenuto, ma introducendo uno di forma. La storia, di base, è sempre la stessa, niente viene modificato. Non cambia neppure il numero dei Pokémon rispetto agli originali; rimaniamo sempre a 493, con Arceus. Anche a livello di gameplay, non abbiamo grossi cambiamenti rispetto al passato: è stata sposata la fedeltà all’originale. Lo scopo, dunque, sarà quello di catturare e allenare i propri Pokémon per diventare il mio allenatore del mondo.

Niente modifiche sostanziali, ma alcune, di carattere più marginale, arrivano anche nelle sfide di tutti i giorni. A cambiare sembra un po’ il ritmo che si fa leggermente più veloce, per meglio adattarsi al momento di gioco. La camminata diventa un po’ più rapida e lo stesso l’attraversamento delle altre zone. Subisce una modifica abbastanza forte anche la barra della salute. Se prima, durante uno scontro, potevano passare più di 40 secondi per azzerare la barra, ora, in pochi secondi abbiamo un’idea precisa della salute del nostro Pokémon.

Durante la nostra recensione di Pokémon Perla Splendente, abbiamo notato anche un cambiamento per quel che riguarda le azioni rapide. Ad esempio, è possibile utilizzare più repellenti senza fare alcun giro macchinoso aprendo lo zaino. Una volta che uno sarà terminato, sarà il gioco stesso a chiederci se ne vogliamo usare un altro.

Una grafica chibi in 3D, era quello che volevamo?

Pokémon Perla Splendente e Diamante Lucente si propongono al pubblico con una grafica molto particolare che ha diviso un po’ gli schieramenti. Da una parte c’è la fetta che ama questo stile, dall’altra chi avrebbe apprezzato una scelta diversa. Molti fan della serie, infatti, avrebbero voluto qualcosa che fosse un po’ più “realistico”. Noi, in realtà, non disprezziamo affatto la scelta e, anzi, ne abbiamo apprezzato la realizzazione. Si tratta di uno stile che può dimostrarsi adatto, senza snaturare troppo il contenuto originale. Amiamo forse troppo lo stile di Animal Crossing? Forse.

A livello grafico, comunque, non ci si può lamentare più di tanto. Indipendentemente dall’apprezzamento, o meno, dello stile Chibi, infatti, le texture sono abbastanza curate, così come gli ambienti. Sentivamo davvero la necessità di passare al 3D? Forse no, ma comunque noi, lo abbiamo apprezzato. Forse, quello che un po’ cozza è l’abbinamento tra la grafica chibi durante il gameplay, e uno stile differente nelle sfide.

Pokémon Perla Splendente recensione pokekron

Pokémon Perla Splendente recensione: non manca la personalizzazione

In Pokémon Perla Splendente non manca la personalizzazione che, sebbene sia un po’ limitata, è ben presente. Possiamo, infatti, modificare l’abbigliamento del nostro personaggio scegliendo tra una lunga lista. Purtroppo, non ci è possibile fare abbinamenti diversi, ma possiamo solo decidere quale dei completi indossare. I vestiti potranno essere acquistati a Rupepoli, dove abbiamo un negozio anziché il Casinò.

Tra le altre introduzioni, abbiamo la possibilità di farci seguire dal nostro Pokémon, stessa funzione che abbiamo ritrovato anche in Pokémon Oro e Argento, o meglio nei loro remake. Troviamo, poi, il Parco Rosa Rugosa che va in sostituzione al Parco Amici. In questo spazio troviamo Pokémon leggendari appartenenti ad altre regioni.

Fanno, intanto, ritorno i Sotterranei che prendono il nome di Grandi Sotterranei. La funzione è praticamente la stessa, sebbene otteniamo una nuova grande novità. In questo capitolo, infatti, ci sarà una porzione di spazio dedicata alle caverne in cui potremo catturare Pokémon che non sono presenti nella regione di Sinnoh.

Torna anche il Pokékron esattamente come nella versione originale. L’unica differenza è il posizionamento sullo schermo: ora si trova a destra, nella parte alta. Si tratta di una schermata a scomparsa che possiamo richiamare facilmente tramite il tasto R.

Alla fine, siamo pronti a dire di sì?

Giunti al termine della nostra recensione di Pokémon Perla Splendente, dobbiamo dare un nostro giudizio e, per noi, è un sì. Si tratta di un remake ben riuscito, non solo dal punto di vista grafico, ma anche dal punto di vista contenutistico. Abbiamo piccole migliorie che rendono l’esperienza ancora più apprezzabile rispetto al passato, senza cambiare le meccaniche di base. Una buona rivisitazione, ottima per chi si affaccia per la prima volta, interessante anche per i nostalgici. Il gameplay è molto semplice, ma comunque apprezzabile. Forse non sarà il miglior titolo uscito, eppure, tra nostalgia e nuove sfide, il divertimento è assicurato.

Pokémon Perla Splendente
  • Pokémon Diamante Lucente e Pokémon Perla Splendente permetteranno ai fan di godersi la storia originale e le...
  • I giochi sono stati riprodotti fedelmente con dei colori ravvivati e brillanti per Nintendo Switch. Le proporzioni delle...
  • I giochi presentano le stesse meccaniche semplici e intuitive dei videogiochi più recenti della serie Pokémon, ma con...

Giulia Garassino

Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metal Slug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare platform, hack & slash e GDR. Il mio titolo preferito? Nier Automata. Il gioco su cui ho speso più ore? Battlefield, che domande! Eppure, una grandissima fetta del mio cuore è occupata da Fable, amore di vecchia data. Dimenticavo, ho provato così tante tastiere che, ad occhi chiusi, potrei dirvi che switch montano!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button