fbpx
NewsTech

I ransomware sono una minaccia per le aziende italiane: l’allarme di Axitea

Il parere di Maurizio Tondi, Director Security Strategy di Axitea

Una delle minacce informatiche più attuali e pericolose sono i ransomware. Per i principali esperti di cyber sicurezza, un ransomware rappresenta il “nemico numero uno” che in caso di attacco può creare enormi problemi sia all’utente privato che in ambito business. Sui ransomware e sull’importanza per le aziende italiane di difendersi da questa minaccia registriamo l’intervento di Maurizio Tondi, Director Security Strategy di Axitea.

I ransomware sono sempre più diffusi

Secondo quanto indicato dal report “The State of Ransomware 2021” di Sophos, nel corso del 2020 il 31% delle aziende italiane è stato colpito da un attacco ransomware. Nel 34% degli attacchi registrati i dati sono stati cifrati dai cybercriminali che quindi sono riusciti a portare a termine il loro obiettivo con l’attacco informatico. Nel 62% dei casi, invece, l’attacco è stato bloccato con successo.

Per il Rapporto Clusit 2021, inoltre, nel 2018 i ransomware rappresentavano il 23% di tutti i malware. Tale percentuale è aumentata al 67% nel 2020. Si tratta, quindi, di una minaccia informatica sempre più concreta. Il numero di attacchi che provano a criptare i dati per chiedere un riscatto alla vittima è in costante crescita e diventa necessario proteggersi in modo efficace.

Il commento di Maurizio Tondi

Maurizio Tondi, Director Security Strategy di Axitea, sottolinea: “i dati sono necessari al business ed è fondamentale proteggerli. Su due livelli: da un lato evitare che un potenziale malintenzionato entri nei sistemi dell’azienda per rubarli o renderli inservibili, dall’altro garantirsi un accesso costante e protetto ai dati in modo che, anche nel caso di attacco, questi restino utilizzabili, ad esempio tramite azioni di backup adeguate”.

Per difendersi dalle minacce rappresentate da un attacco ransomware è necessario, secondo Tondi, utilizzare le stesse armi degli attaccanti. Continua l’esperto di cyber security: “Usando le stesse armi degli attaccanti, ovvero la conoscenza approfondita della materia, la condivisione delle esperienze e la specializzazione derivante da un continuo aggiornamento. Tutti elementi che può fornire solo chi opera quotidianamente sulla sicurezza cyber e ne conosce tutti gli aspetti.”

Per combattere i ransomware con successo è, quindi, necessario poter contare su quattro elementi ben precisi. Questi elementi sono: “Competenze e specializzazione, aggiornamento continuo e visione di insieme

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button