fbpx
Razer Seiren Mini

La recensione di Razer Seiren Mini: un microfono dall’aspetto vintage con un suono eccellente
Il Razer Seiren Mini è un prodotto compatto e non troppo costoso, perfetto per gli streamer che ricercano un prodotto minimale.


Razer torna all’attacco verso il mondo dello streaming con un nuovo microfono: il Razer Seiren Mini. Si tratta di un prodotto molto compatto, dal prezzo invitante, ma soprattutto molto carino. Ebbene sì, non credo esista una parola migliore per descriverlo. Parliamo di un oggetto cablato, disponibile in tre diverse colorazioni, che può essere posizionato con la sua base oppure inserito comodamente in uno stand. Forme morbide e dimensioni compatte, lo rendono anche un oggetto adorabile, non solo a livello estetico.

Tra le altre caratteristiche troviamo un sistema di rilevamento supercardioide ad alta precisione e un supporto anti-urto. Per un prezzo di circa 60/70€, il Razer Seiren Mini sarà davvero adatto alle nostre esigenze?
Lo abbiamo ampiamente testato nel corso delle nostre LIVE su Twitch; eccone la nostra recensione.

Razer Seiren Mini (Quartz)- USB Microfono a condensatore da...
  • SCHEMA DI RILEVAMENTO SUPERCARDIOIDE ULTRA-PRECISO: Il Razer Seiren Mini è calibrato con un angolo di rilevamento più...
  • QUALITÀ DI REGISTRAZIONE PROFESSIONALE: Con la sua capsula condensatore da 14 mm e una risposta in frequenza piatta, il...
  • DESIGN ULTRA-COMPATTO: Pensato per i setup più ridotti o minimalisti, occupa pochissimo spazio sulla scrivania ed è...

Contenuto della confezione:

La scatola del Seiren Mini è anch’essa molto compatta e al suo interno troviamo il Microfono, il cavo USB / micro-USB per il collegamento, il supporto per l’appoggio sulla scrivania, il manuale d’istruzioni. Razer Seiren Mini

Razer Seiren Mini troppo carino per non essere usato

Il Razer Seiren Mini è un microfono a condensatore davvero molto compatto, le sue dimensioni sono di circa 16 cm in altezza e 9 cm in larghezza (6.4” e 3.5”). È stato studiato per essere inserito in postazioni minimali ed eleganti. All’interno della confezione troviamo una base circolare che ci permette di poggiarlo direttamente sulla scrivania. Questa presenta una gommatura antiscivolo davvero utile e funzionale. La piccola asta sulla base permette, inoltre, di rotare il microfono per indirizzarlo perfettamente verso la nostra bocca. Qualora, invece, preferissimo inserirlo su un’asta o un braccio mobile, potremmo farlo. È possibile installare il microfono comodamente su supporti con filettatura da 5/8 pollici. Seiren inclinazione

Il Razer Seiren Mini è disponibile in tre diverse colorazioni: black, Mercury e Quartz. Quest’ultima è la versione da noi provata. Con questa livrea, abbiamo una colorazione rosa sia su base e supporto, sia sulla parte inferiore del microfono stesso. La parte superiore (composta da griglia e anello di congiungimento) è di colore grigio chiaro. Al centro troviamo poi la scritta “Razer, appena percettibile, realizzata di un grigio leggermente più chiaro.
A livello estetico, con questa particolare colorazione, sembra di avere a che fare con un microfono un po’ vintage. Queste forme arrotondate, questo rosa chiaro che, a seconda della luce, sembra proprio un color pastello, lo rendono un classico oggetto anni ’80 e la cosa ci piace da impazzire. Posto sulla scrivania, sembra proprio di essere in un vecchio studio di registrazione.

Le dimensioni molto contenute, inoltre, sono perfette per gli streamer che vogliono mantenere l’attenzione focalizzata su di loro. In video risulta praticamente impercettibile nella maggior parte delle configurazioni. Se mostrato, invece, dona un look molto compatto, pulito e sobrio. È anche abbastanza leggero e questo permette di portarlo in giro senza particolari problemi. RAzer Seiren Mini base

Plug and Play: niente di più semplice

Nonostante Razer abbia un ottimo software di gestione, Synapse 3.0, il Razer Seiren Mini è un semplice Plug and Play. Che cosa significa? Significa che vi basta collegare il cavo al microfono e successivamente al vostro computer e sarete in grado di utilizzarlo. Il vantaggio è che, in pochi secondi, avrete a disposizione uno strumento perfettamente funzionante. Lo svantaggio, invece, è che non avrete modo di modificare toni ed equalizzazione da un software proprietario dedicato. Poco male, visto che ne esistono di diversi in circolazione. Inoltre, tramite i diversi Streamlabs, OBS, etc, potrete gestire riduzioni del rumore e guadagno senza problemi.

Entriamo all’interno

Il Razer Seiren Mini è un microfono supercardioide ad alta precisione, ma cosa vuol dire? Vuol dire che capta perfettamente il suono proveniente dalla parte frontale, esclude i suoni laterali e lascia passare parte del suono proveniente dal retro. A differenza del normale cardioide che invece lascia passare soltanto il suono frontale.

Scendendo un po’ più nel tecnicismo, abbiamo una frequenza di campionamento che parte da un minimo di 44,1 kHZ e arriva a un massimo di 48 kHz, un bit rate di 16 bit e una risposta in frequenza da 20 Hz a 20 kHz. Abbiamo, inoltre, una sensibilità di 17,8 mV/Pa (a 1 kHz), un livello di pressione sonora massimo di 110 dB (DAT > 1% at 1kHz) e un’alimentazione/consumo di 5 V 500 mA.

La qualità di registrazione risulta decisamente buona, grazie a una capsula condensatore da 14 mm e una risposta in frequenza piatta. Supercardioide

Come si sente il suono del Razer Seiren Mini?

Abbiamo visto qualche tecnicismo del Razer Seiren Mini e ora è venuto il momento di metterlo alla prova. Come si è comportato effettivamente il microfono? Prima di darvi le nostre impressioni, vi lasciamo un assaggio di registrazione e vi ricordiamo che, anche durante tutte le nostre LIVE su Twitch, faccio personale uso dello stesso. La registrazione che vi mettiamo è realizzata senza alcuna lavorazione post produzione; durante le stream, invece, è applicato un filtro per la riduzione del rumore direttamente integrato in Streamlabs OBS.

Il microfono è ben strutturato e, in effetti, il suono della nostra voce viene captato in maniera eccellente. I rumori di fondo risultano abbastanza isolati e non coprono la nostra voce. Nella registrazione è possibile percepire appena il rumore delle numerose ventole del PC (8 per l’esattezza). Quello che, invece, viene captato in maniera più forte è il suono della tastiera. In questo senso, però, sono davvero pochi i microfoni che, da soli, riescono a eliminare questo rumore.
Il suono che ne esce è abbastanza bilanciato, non sono enfatizzati troppo gli alti e i bassi non risultano rimbombanti e innaturali. Questo si traduce in una voce chiara e pulita, ma forse non troppo brillante se il vostro suono non è molto acuto.

Anche dalla distanza il suono è ben captato; durante le dirette sono solita mantenere il microfono a circa 60 cm dalla bocca e, nonostante ciò, nessun suono è mai stato perso.
Inoltre i suoni sibilati non risultano troppo fastidiosi, a meno che non stiate troppo vicini al microfono. Razer Seiren Mini composizione

Razer Seiren Mini: approvato?

Il Razer Seiren Mini è un microfono davvero molto buono. Il suono è pulito e nitido e le sue risposte sono ottime. Si comporta molto bene in ogni situazione, nonostante non sia un prodotto di fascia elevata. Si tratta di un semplice plug and play, non ha tasti per modificare il guadagno e non ha software che lo accompagnino. È facile da utilizzare e può essere gestito tramite altre applicazioni, riducendo il rumore o aumentando il guadagno.

Lo stile è ottimo, compatto, elegante e facile da trasportare. È perfetto per lo streaming e, con il giusto supporto, anche per le registrazioni. Si comporta bene da vicino e da lontano, capta perfettamente la voce e riesce a togliere un po’ il rumore di fondo. Insomma, un ottimo prodotto per chi vuole tuffarsi nel mondo di Twitch, senza spendere cifre esagerate.

Razer Seiren Mini

Pro Pros Icon
  • Compatto, minimale
  • Ottimo suono chiaro e pulito
Contro Cons Icon
  • Riduzione rumore migliorabile
  • Nessun software a supporto

Giulia Garassino

Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metal Slug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare platform, hack & slash e GDR. Il mio titolo preferito? Nier Automata. Il gioco su cui ho speso più ore? Battlefield, che domande! Eppure, una grandissima fetta del mio cuore è occupata da Fable, amore di vecchia data. Dimenticavo, ho provato così tante tastiere che, a occhi chiusi, potrei dirvi che switch montano!
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link